Carabinieri Ancona: resoconto attività del 2019

In diminuzione le rapine e i furti ma crescono i casi di violenza domestica

Ancona, 2 gennaio 2019 – Appena trascorsa la fine dell’anno arriva il bilancio dell’attività dei Carabinieri di Ancona nell’arco di tutto il 2019. Una ‘contabilità’ puntuale che consente una fotografia fedele della sicurezza, del lavoro di indagine e di controllo del territorio tenendo conto che la Compagnia di Ancona coordina l’attività di cinque stazioni carabinieri, disseminate tra il centro e la periferia oltre a quelle della Tenenza di Falconara Marittima.

Al di là dei risultati ottenuti in ogni settore di intervento operativo, il dato che emerge è che i Carabinieri  di Ancona procedono per il 75% dei reati commessi nel territorio della città dorica. Una domanda di sicurezza e soccorso che non è un concetto astratto ma che si è concretizzata in oltre 134.013 richieste cui i Carabinieri di Ancona hanno dato una risposta. Mediamente, solo attraverso il numero unico di emergenza 112, sono arrivate circa 330 domande di aiuto al giorno. A queste si sono aggiunte le richieste fatte direttamente alle Stazioni di Ancona (Centro, Principale, Brecce Bianche, Collemarino e Poggio di Ancona) centro di ascolto dei cittadini dorici.

Le Stazioni, la Tenenza di Falconara Marittima e il Nucleo Operativo e Radiomobile di Ancona, con le loro 4.967 pattuglie, hanno permesso di svolgere oltre 30.000 controlli. Un’attività di prevenzione attuata 24 ore su 24 e che ha portato a identificare 20.876 persone, circa 60 persone al giorno, e a controllare oltre 13.167 veicoli, 33 al giorno, nonché rilevare 114 incidenti stradali.

Nell’ambito dello stesso servizio preventivo sono state elevate 638 contravvenzioni ai sensi del codice della strada nei confronti di automobilisti indisciplinati, per un totale complessivo di circa 200.000 euro, con la conseguente sottrazione di 1.700 punti patente. Nello specifico, sono state sequestrate 85 autovetture sprovviste di assicurazione obbligatoria, elevate oltre 170 contravvenzioni solo per l’uso di telefono cellulare e per il mancato utilizzo delle cinture di sicurezza. Inoltre, sono state 30 le persone segnalate alla Prefettura di Ancona per ubriachezza molesta.

Grazie a questa significativa e costante presenza sul territorio, sono stati assicurati anche 213 servizi di soccorso. Centinaia i contatti che nel corso dell’anno i Carabinieri hanno avuto, soprattutto con persone in difficoltà, che hanno richiesto aiuto per varie motivazioni.

Richieste arrivate tramite i reparti dipendenti, talvolta raccolte per strada dalle pattuglie, per arrivare a quelle giunte telefonicamente. L’attività sul territorio è stata integrata, inoltre, da numerosissimi servizi di ordine pubblico.  Alla crescente domanda di sicurezza i Carabinieri della Compagnia di Ancona hanno  avuto modo di rispondere in modo concreto e soddisfacente: il risultato sono le 625 persone denunciate all’Autorità Giudiziaria, di cui 104 tratte in arresto, 15 per i reati di genere e 24 per reati inerenti il contrasto di sostanze stupefacenti.

Una premiante attività d’indagine che ha consentito di sottoporre a sequestro conservativo un immobile del valore commerciale di circa 500.000,00 euro; 1.200 grammi di sostanza stupefacente, segnalare alla Prefettura di Ancona 57 persone per detenzione di stupefacente per uso personale non terapeutico.

A questi dati va aggiunta anche la massiccia campagna d’informazione contro le truffe attuata attraverso gli incontri nelle parrocchie, e servizi predisposti nei luoghi più isolati e/o maggiormente abitati da persone anziane. A questo risultato lusinghiero, non va sottaciuta la crescita del 13% di denunce per i reati di genere. Il sospetto è che i casi denunciati ai carabinieri per le violenze domestiche siano solo una parte di quelli realmente accaduti, e che gli altri rimangano nel sommerso per la vergogna o per il senso di colpa delle vittime, particolarmente fragili.

Al riguardo, i Carabinieri di Ancona ricordano che il 9 agosto scorso è entrato in vigore il Codice Rosso per i casi di violenza contro le donne. Questa nuova legge ha consentito di evidenziare tale fenomeno, purtroppo sempre presente, e in molti casi alle denunce sono seguiti arresti ed allontanamenti autorizzati nel giro di poche ore, a dimostrazione della volontà del legislatore e delle forze dell’ordine di aiutare le donne vittime di violenza.

 

redazionale


Lascia un commento

Pane Burro & Marmellata

Una striscia quotidiana di riflessione

di Paolo Fileni

La vita con i cani è… meravigliosa!

Quattordici modi per coniugarla dal profondo dell’anima


13 gennaio 2022Piera Alessio (nella foto con la sua cagnolina Nina), torna in questo spazio “Paneburroemarmellata” (glielo cedo sempre con profonda stima, amicizia e rispetto oltre che per il suo grande cuore e la sua grande penna), per raccontarci com’è, dal suo punto di vista, la vita con i cani che lei declina e descrive in svariate sfaccettature. Un argomento solo all’apparenza scontato, che solo chi ha posseduto o possiede un cane può davvero cogliere nella sua essenza. Scrive Piera:

“La vita con i cani è strana. Diventerai, senza che nessuno te lo insegni o ti spieghi come farlo, il capo branco di un cane che sarà pronto a qualunque cosa per te non appena saprà riconoscere il tuo odore e la tua voce.

La vita con i cani è misteriosa. Sarai spiato da un Grande Fratello peloso che non perderà nessun tuo movimento, specialmente quando capirà dove sono la cucina ed il recipiente dei biscotti.

La vita con i cani è crescere. Non puoi farci niente, non puoi fermare il tempo perché quel cucciolo che hai tenuto in braccio crescerà troppo velocemente, per diventare il grande amico che ti vorrà accompagnare ovunque andrai. I cuccioli durano troppo poco.

La vita con i cani è confronto. Avrai sempre uno sguardo con il quale misurarti, affogherai senza poterti salvare nelle profondità inimmaginabili degli occhi di un cane. Dove la gente crede che non ci sia un’anima.

La vita con i cani è sincera. Non avrai bisogno di raccontar loro una bugia o delle storie inventate perché tanto, qualunque cosa tu dica loro, i cani la sanno. Sempre.

La vita con i cani è scomoda. Ti ritroverai una sera d’inverno, con la tramontana che ti graffia il viso ed il gelo che ti arriva alle ossa, a passeggiare da solo con il tuo cane che corre e scodinzola felice, incurante del vento che gli arruffa il pelo e del caldo che avete lasciato in casa.

La vita con i cani è buffa. Parlerai con un essere che non ti potrà mai rispondere e che però ascolterà ogni tua parola, con così tanta attenzione ed interesse che non ritroverai in nessun altro uomo o donna al mondo.

La vita con i cani è ritorno a casa. Nessuno come il tuo cane sarà felice di vederti ogni volta che spunterai dalla porta dalla quale ti ha visto andar via; imparerà i tuoi orari, riconoscerà il tuo passo e sarà lì ad aspettarti, anche quando sarà vecchio e stanco, saltando di gioia come se non ti vedesse da un mese. Anche se sei uscito per comprare il giornale.

La vita con i cani è rinuncia. Perderai, a poco a poco, quella porzione di divano su cui stavi tanto comodo, dove ti godevi il riposo ed il meritato relax dopo giornate faticose e noiose. E la cosa bella sarà che non ti dispiacerà affatto.

La vita con i cani è comunione. Dividerai il tuo ultimo boccone con il tuo cane, perché non potrai resistere al suo sguardo implorante che hai incrociato purtroppo per te mentre stavi cenando.

La vita con i cani è insegnamento. Sono loro che ti mostreranno, semplicemente correndo in un prato o sulla riva del mare, la bellezza di una giornata di sole e l’importanza di stupirsi – ogni volta – davanti alle cose semplici.

La vita con i cani è amore. Quello che proverai ad emulare, che proverai a restituire al tuo cane senza però riuscirci. Ma cimentarti in questa prova sarà una delle tue imprese più entusiasmanti.

La vita con i cani è un viaggio. Nessun sentiero di montagna ti sembrerà lo stesso dopo che lo avrai percorso insieme al tuo cane: ricorderai profumi, odori e colori del bosco che prima non avevi sentito o visto; proprio come succederà per il tratto di vita che farete insieme.

La vita con i cani è una parentesi. Per te è una parte della tua vita, un dolce intervallo fra mille impegni e anni da riempire di cose da fare, un breve cammino insieme ad un cane che tu ben sai, ad un certo punto, si fermerà per lasciarti andare da solo. Invece, per il tuo cane, la tua vita è tutto.

La vita con i cani è meravigliosa“.

di Piera Alessio

© riproduzione riservata


link dell'articolo