Anziani, fuggi fuggi generale all’estero dove la pensione vale doppio

Tunisia la più gradita, seguono Colombia e Filippine

Roma. È la Tunisia l’eldorado dei pensionati italiani. Subito dopo vengono Colombia e Filippine. Dopo ancora la Repubblica dominicana e la Romania. A rivelarlo è l’Inps con la statistica della crescita degli assegni pagati all’estero. Nell’ultimo anno, la Tunisia ha fatto registrare + 479%. La Colombia si è assestata sul 75%, come le Filippine. Sulla stessa percentuale, ma al 55%,  la Repubblica dominicana e la Romania.

Crescono sempre più i pensionati italiani che scelgono l'estero per garantirsi una migliore qualità della vita
Crescono sempre più i pensionati italiani che scelgono l’estero per garantirsi una migliore qualità della vita

Dai vertici della classifica, non emergono gli altri paradisi classici per pensionati, dalle Canarie alla Bulgaria, vero e proprio stato pioniere dell’esodo, avviato una decina d’anni fa. A questi si deve aggiungere anche il Portogallo, che soltanto negli ultimi tempi ha varato politiche per attrarre i vecchietti, in Italia tartassati da tasse e caro vita.

I dati sono contrastanti. C’è chi afferma che negli ultimi tre anni sono stati in 5000 i pensionati a lasciare l’Italia, e chi dice che sono più di 6000 soltanto nell’ultimo biennio. Quello che risulta chiaro è che sono già 470.000 i pagamenti che l’Inps fa alle banche estere.

In certi paesi stranieri la pensione pagata dall'Inps quasi raddoppia il potere d'acquisto
In certi paesi stranieri la pensione pagata dall’Inps quasi raddoppia il potere d’acquisto

I motivi sono chiari. In certe nazioni la pensione lievita.

In Tunisia, ad esempio, grosso modo si paga in un  anno quello che in Italia si paga in un mese. A questo si deve aggiungere che il costo della vita è dimezzato. Ad esempio, la benzina costa 0,70 euro al litro. Poi, per i pensionati stranieri viene fornita l’assistenza sanitaria gratuita. Infine, il Paese è molto vicino all’Italia e ben collegato con voli e traghetti per la Sicilia.

A far cadere le scelte su altre nazioni, sono più o meno i medesimi motivi. Anche in Portogallo, che fa parte dell’Unione europea, si è capito che attrarre redditi esteri comporta grandi vantaggi locali. Aumentano i consumi e, in modo relativo, il benessere di tutti, dal panettiere all’idraulico.

Così, se in patria con la pensione si sopravvive e male, all’estero ci si può permettere anche il ristorante tutte le sere o la tranquillità di avanzare ancora qualcosa.

In Paesi come
In Paesi come Tunisia, Colombia e Filippine un pensionato italiano può permettersi il lusso di andare al ristorante e mettere da parte qualche soldo

Perché lo Stato non ha ancora preso iniziative per far star meglio chi ha abbandonato il mondo del lavoro? È chiaro, le cose ha cui pensare sono più importanti, dalla riforma costituzionale alla legge elettorale. Se già i cervelli dei giovani in fuga interessano poco, figurarsi quelli dei vecchietti, che potrebbero pure essere bolliti… Ma di questo passo, il capitale che se ne va altrove è destinato ad aumentare. Quel che paga l’Inps non ritorna nel circolo dei consumi locali.

Così, la discesa verso l’impoverimento collettivo è scontata. Presto, conterà ben poco non essere un paese per vecchi e non esserlo mai stato per i giovani.


Lascia un commento

Pane Burro & Marmellata

Una striscia quotidiana di riflessione

di Paolo Fileni

Lettera aperta alla signora Elsa Maria Fornero

L’ex ministro del lavoro “madre degli esodati” torna a Palazzo Chigi come consulente


Camerano, 21 luglio 2021 – Leggo e riporto da Wikipedia: “Elsa Maria Fornero è un’economista, accademica ed ex politica italiana. Ha ricoperto la carica di ministro del lavoro e delle politiche sociali, con delega alle pari opportunità, dal 16 novembre 2011 al 28 aprile 2013 nel governo Monti”.

Leggo e riporto da Il sole 24 ore: “sindacati, M5S e Lega in pressing contro il ritorno alla Fornero. Il 27 luglio parte il tavolo sul “dopo-Quota 100”. Una parte della maggioranza in fermento e spinge per flessibilità in uscita e Quota 41. Il Mef rimane cauto. E la stessa cautela sembra mostrare Palazzo Chigi, dove, nello stesso momento in cui comincia a diventare caldo il tema-pensioni, approda proprio la professoressa Elsa Fornero, che farà parte della squadra di consulenti e “consiglieri” del Comitato d’indirizzo per la politica economica…

Una notizia che ha mandato molti italiani in fibrillazione. Tra questi, un nostro lettore che ha inviato in redazione una lettera aperta indirizzata alla Signora che, ovviamente, non potevamo mandare sotto silenzio. Eccovela.

Cara signora Elsa Maria Fornero (foto by Wakeupnews),

in tutta sincerità e tantissimo rancore – quello che lei ha prodotto in me durante questi ultimi, lunghi, sofferti sette anni cui lei mi ha condannato per il reato (mai commesso) di “esodato” – ma davvero ha la faccia tosta di ripresentarsi a Palazzo Chigi? Ma… davero, davero? come direbbe Brignano.

Cara signora Elsa Maria Fornero ex ministro del lavoro e delle politiche sociali, ma lei, davero davero sa cosa significhi essere condannati – senza aver commesso reati di sorta – a non percepire per sette anni una pensione sacrosanta maturata legalmente? No che non lo sa, perché se lo sapesse quella sua legge, nove anni fa, non l’avrebbe mai firmata.

Cara signora Elsa Maria Fornero ex ministro del lavoro e delle politiche sociali, ma lei, davero davero non si è resa conto che in sette anni mi ha sottratto (che poi sarebbe un eufemismo) – moltiplicato per migliaia e migliaia di italiani come me – circa 50mila euro che moltiplicati per mille fanno cinquanta milioni? Oh, certo, non sono soldi che lei si è messa in tasca; sono però soldi che lei ha ordinato e permesso di sfilare dalle mie tasche, ed è ovvio che m’importa poco dove siano finiti o come siano stati spesi. Erano miei e lei ha ordinato che non mi venissero riconosciuti. L’ha fatto di sua iniziativa, senza neppure domandarmi se fossi d’accordo!

Cara signora Elsa Maria Fornero ex ministro del lavoro e delle politiche sociali, si è mai resa conto che l’ammontare mensile della mia pensione, che lei per sette anni mi ha negato, era pari a quanto guadagnato da lei in un giorno da ministro? E questa riflessione mi fa giungere alla conclusione che quelle sue famose lacrime versate all’annuncio della sua legge, erano lacrime d’un coccodrillo strapagato e anche un tantino ipocrita. Perché vede, lei non era obbligata a firmarla quella legge. Se davvero – come disse – comprendeva il dramma in cui stava per far sprofondare migliaia e migliaia di italiani, avrebbe potuto dire no.    

Cara signora Elsa Maria Fornero ex ministro del lavoro e delle politiche sociali, per favore, mi ascolti. Di danni ne ha fatti già abbastanza. Dica al premier Draghi che ci ha ripensato e se ne resti a casa. A 73 anni, non credo lei abbia ancora bisogno di ulteriore visibilità. Anche perché a me, sinceramente, di saperla lì un po’ inquieta, anche se ci sta aggratis. Resti a casa, per favore. Se non lo vuole fare per la sua, lo faccia almeno per la mia dignità e per quella di migliaia e migliaia di italiani da lei esodati. Un favore, dopo averci condannato a sette anni di sacrifici, potrebbe anche farcelo, non crede?

(segue firma)

© riproduzione riservata


link dell'articolo