Ancona. Incontro hard si trasforma in aggressione e rapina

Avevano concordato tutto: l’orario, il posto, il prezzo. La squadra Volanti della questura intercetta e arresta il rapinatore

Ancona. Quella che doveva essere una prestazione sessuale a pagamento si è trasformata in rapina aggravata e aggressione.

 

La piaga della prostituzione di colore si va facendo via via più tecnologica
La piaga della prostituzione di colore si va facendo via via più tecnologica

È successo poco dopo la mezzanotte di oggi, 10 novembre, in un quartiere alla periferia di Ancona dove una donna cittadina extracomunitaria, di origini africane, classe 1983, arrotondava il suo stipendio di colf mettendo annunci hot su una chat di incontri erotici, promettendo incontri particolari e garantendo la discrezione  e l’anonimato che l’occasione richiedeva.

Ieri sera tutto sembrava essere uguale a quello che accadeva da tempo e, presi tutti i contatti telefonici e telematici, fissato l’appuntamento, la 34enne attendeva il suo cliente a casa.

i clienti
Basta un semplice computer per mettere annunci hot sulle chat erotiche

Di lì a poco arrivava nell’appartamento un cittadino italiano, classe 1975, pluripregiudicato, residente in provincia: appena entrato, mentre la donna incominciava a  spogliarsi, gli veniva chiesto di appoggiare sul comodino i 50 euro pattuiti a garanzia di un pagamento anticipato.

L’uomo incominciava a frugare nervosamente all’interno delle tasche dei pantaloni e del giaccone tirando fuori solo una banconota da 5 euro. Di fronte a questa scena, la donna interrompeva l’improvvisato spogliarello, incalzando il cliente con la richiesta reiterata di denaro e pretendendo l’intera somma.

Vedendo sfumare la serata hard, e dopo aver tentato inutilmente di avere uno sconto del 90%, improvvisamente l’uomo estraeva dalla tasca interna del giubbotto una lama da taglierino minacciando di usarla contro di lei. Impaurita, la donna tentava di sfuggire al suo aggressore che, intuendo le mosse della vittima, afferrava una sedia e gliela scaraventava addosso.

Mentre la donna era a terra, l’uomo apriva il cassetto del comodino e arraffava tutto il denaro che vi era al suo interno e, prima della fuga, portava via anche il telefono cellulare della sprovveduta nella speranza di guadagnare tempo e impunità.

La donna, nonostante fosse dolorante, si rialzava e tentava di inseguire il suo aggressore fino in strada, urlando e cercando di attirare l’attenzione dei vicini di casa. Uno di questi, attirato dalle grida e dalla scena inusuale, telefonava al 113 facendo scattare l’allarme. In pochissimo tempo la zona è stata raggiunta da tutti gli equipaggi della squadra Volante.

rapina-hard

Agli occhi degli agenti si è presentata la donna in abiti discinti che, alquanto impaurita ed agitata, raccontava quanto accaduto dando una precisa descrizione dell’uomo.

Immediatamente, affidata la malcapitata alle cure specialistiche del 118, scattava la ricerca del rapinatore che veniva intercettato in una via limitrofa, poco illuminata, nascosto da una fila di cassonetti per la raccolta differenziata mentre, accovacciato a terra, contava soddisfatto il denaro che era riuscito a rubare: 210 euro in banconote da 10, 20 e 50.

Neanche il tempo di alzare la testa che già i poliziotti gli erano alle spalle per bloccarlo. Appoggiata a terra, di fianco all’uomo seduto, i militi hanno rinvenuto anche la lama del taglierino.

Portato in Questura, A.F. assumeva un atteggiamento poco collaborativo minacciando i poliziotti e decantando le sue grandi capacità atletiche e pugilistiche frutto, a suo dire, di 7 anni di kick boxing. Il tutto condito da insulti, improperi e parolacce.

Messo in sicurezza l’aggressore, e sottoposto ai rilievi foto dattiloscopici, emergevano a suo carico precedenti di polizia per reati contro la persona e in materia di sostanze stupefacenti. Dopo le formalità di rito veniva tratto in arresto per il reato di rapina aggravata e accompagnato presso il carcere di Montacuto.

La donna se la caverà con cinque giorni di prognosi per contusioni ad una spalla

 

Redazionale


Lascia un commento

Pane Burro & Marmellata

Una striscia quotidiana di riflessione

di Paolo Fileni

Procida Capitale Cultura 2022, Ancona non ce l’ha fatta!

Il sindaco Valeria Mancinelli: “il nostro progetto, popolare, di crescita e di sviluppo, va avanti”


Ancona, 18 gennaio 2021 – Nella mattinata odierna la commissione del MiBACT presieduta da Stefano Baia Curioni ha proclamato la città di Procida (foto) Capitale italiana della Cultura per il 2022. All’annuncio dato dal ministro Dario Franceschini, sull’isola si è scatenato un tifo da stadio.

I complimenti della commissione, al termine della cerimonia d’assegnazione, sono andati tutti al sindaco Raimondo Ambrosino e al suo staff. La motivazione ha premiato la congiunzione tra il valore del progetto, la sostenibilità economica e le sue ricadute socio culturali. «Siamo strafelici – ha esultato fra le lacrime il sindaco Ambrosino – è un’opportunità storica per noi, per tutte le isole e per l’Italia meno in luce».

Delusione per la città di Ancona, anche se mascherata da ottimismo. La città dorica non ce l’ha fatta a convincere i membri della commissione con il suo progetto incentrato tra l’altro sulla cultura dell’Altro, sull’intenzione di far diventare ordinario lo straordinario, come aveva spiegato l’assessore Paolo Marasca in sede di audizione con il MiBACT.

«È stata appena proclamata la Capitale italiana della cultura 2022. La scelta è caduta su Procida. Mi complimento con il collega sindaco e la comunità dell’isola – il commento ufficiale del sindaco Valeria MancinelliSiamo fieri delle parole del presidente della commissione che ha valutato i progetti e ne ha sottolineato il valore, non solo nazionale ma anche europeo. Siamo anche felici di come è stata motivata la scelta della capitale perché la linea su cui si è mossa Procida e il messaggio che ha voluto lanciare hanno molte affinità con il nostro. Dunque siamo sulla strada giusta. Come ho più volte ribadito il nostro progetto, popolare, di crescita e di sviluppo, va avanti. E lo realizzeremo insieme».

Dunque, nonostante i suoi 2400 anni di storia ed un progetto ampio e variegato, Ancona non ce l’ha fatta. Bocciata per il secondo anno consecutivo dopo il primo tentativo del 2020. A batterla è stata Procida, una cittadina di poco più di 10mila abitanti che si affaccia sul mare del Golfo di Napoli, resa famosa a livello internazionale da Massimo Troisi che qui ha girato molte scene del film Il Postino.

Ancona e Procida, due città bagnate dal mare. 100mila abitanti contro 10mila. Con tutta probabilità, le acque del Golfo di Ancona sono diverse da quelle del Golfo di Napoli. Nonostante la delusione per un’opportunità mancata di crescita importante sul piano socio-culturale e turistico, dal capoluogo delle Marche un in bocca al lupo sincero a Procida: sull’isoletta il 2022 sarà un anno fantastico!

© riproduzione riservata


link dell'articolo

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi