Partite in città le scuole elementari e medie per gli sfollati del terremoto

Le classi sono state approntate presso la struttura di Villa Scalabrini

Loreto. Settanta studenti di elementari e medie, provenienti da Visso, Castelsantagelo sul Nera, Muccia, Pieve Torina e Pieve Bovigliana, alloggiati a Loreto e lungo la costa, hanno iniziato l’anno scolastico presso Villa Scalabrini, un tempo casa religiosa, poi sede dell’Istituto alberghiero, oggi struttura ricettiva.

Villa Scalabrini, oggi plesso scolastico che ospita le scuole elementari e media degli alunni terremotati
Villa Scalabrini, oggi plesso scolastico che ospita le classi elementari e media per gli alunni terremotati

Siamo andati ad ascoltare le voci delle responsabili, la professoressa Maura Antonini per le scuole medie e la maestra Paola Lotti per scuole elementari

Professoressa Maura Antonini, sono ormai dieci giorni che avete iniziato le lezioni, come vi trovate in questo plesso?

«Molto bene. Il luogo è accogliente ben strutturato, si stanno ultimando gli ultimi accorgimenti come l’arrivo della wi-fi. I ragazzi sono tranquilli, direi che abbiamo iniziato questo anno scolastico molto particolare in maniera serena».

Per quanto riguarda i mezzi di trasporto ci sono problemi?

«La Contram di Camerino ha messo a disposizione due pullman: uno parte da Porto Sant’Elpidio e raccoglie gli studenti fino a Porto Potenza, l’altro carica i ragazzi alloggiati a  Portorecanati».

Andrete avanti in questa struttura per tutto l’anno…

«Sicuramente finiremo l’anno scolastico qui, nel frattempo i sindaci stanno predisponendo le strutture per il prossimo anno».

Una delle classi ospitate a Villa
Una delle classi ospitate a Villa Scalabrini

Maestra Paola Lotti, com’è l’umore degli alunni delle elementari in questa nuova realtà?

«Per ora non abbiamo riscontrato nessun problema, nonostante alcuni di loro, i più lontani, si debbano svegliare presto. Viaggiare in pullman dà loro la possibilità di scambiare impressioni e  giocare. Anzi, devo ammettere che hanno quella carica, tipica dei bambini, quando devono affrontare una nuova esperienza».

Hanno assorbito il trauma del terremoto?

«Al momento, per quello che riusciamo a rilevare, molti di loro lo stanno superando. Comunque, abbiamo al nostro fianco specialisti del settore che possono rilevare eventualmente traumi nascosti. Forse siamo più noi adulti a subire la sindrome del terremoto piuttosto che i bambini- sottolinea la professoressa Antonini- oltretutto qui siamo molto più tranquilli non sentendo le scosse».

Le professoresse delle medie e le maestre delle elementari sono le stesse delle scuole di provenienza?

«Non tutte. Alcune, pur trovandosi sfollate lungo la costa hanno scelto di ritornare giornalmente ad insegnare dove erano di ruolo. Altre, come nel nostro caso, hanno scelto di svolgere la  professione nel posto più vicino al domicilio momentaneo».

Paola Lotti, responsabile delle elementari
Paola Lotti, responsabile delle elementari

Vi mancano testi o altro materiale didattico?

«Per quanto riguarda i libri inerenti alla scuola stiamo contattando i distributori; per il materiale scolastico come penne, matite ecc. stanno arrivando grazie alla solidarietà di tante persone. Ci servirebbero – sottolinea la professoressa Antonini – libri di lettura per poter fare  una piccola biblioteca a disposizione degli studenti, magari con figure animate o da colorare per i più piccoli. Per quanto riguarda le scuole medie la collega che insegna musica cerca un registratore con il collegamento usb ed anche un lettore cd. Queste, al momento, sono le cose più impellenti».

Un saluto e un buon lavoro a queste insegnanti. C’è, da parte di tutti, insegnati e studenti, tanta voglia di ripartire e la scuola in questo caso è fondamentale. E se la segreteria, al momento, è fatta di scatoloni al posto del mobilio, poco importa.


Lascia un commento

Pane Burro & Marmellata

Una striscia quotidiana di riflessione

di Paolo Fileni

Meglio essere formica o essere cicala?

Riflessioni a confronto nell’evolversi della società


Camerano, 19 giugno 2022 – La favola di Esopo la conosciamo tutti, sì sì, quella della formica e della cicala. Quella dove si racconta delle formiche che passano tutta l’estate a faticare e a immagazzinare semi e provviste per l’inverno, mentre le cicale se ne fregano delle provviste e dedicano i mesi estivi a godersi il sole e a cantare da mattina a sera. Poi, quando l’estate passa e arriva il freddo dell’inverno, le formiche hanno cibo per superarlo mentre le cicale muoiono di fame.

Morale a parte (è chiaro che Esopo ci tramette la negatività dell’essere cicala), ai giorni nostri, essere formica vale ancora la pena? Voglio dire, visto l’andazzo delle cose, ha ancora senso passare una vita a spaccarsi la schiena per assicurarsi un inverno decedente e sostenibile, oppure è meglio godersela quanto più è possibile, fare ciò che si vuole e non ciò che si deve, tanto alla fine quando viene l’inverno ci sarà qualcuno che penserà anche alle cicale?

Negli ultimi sessant’anni il mondo è cambiato parecchio. Per certi versi in bene, per altri in male. Parecchio in male. I nostri genitori, negli anni ’60 del secolo scorso, hanno iniziato a fare le formiche e, dopo una vita di lavoro, rinunce e tanto sudore, in linea di principio sono riusciti ad avere una casa di proprietà e ad assicurarsi una vecchiaia senza tribolazioni. Ma quelli erano anni in cui le regole esistevano ed erano rispettate. Oggi?

Oggi, ai genitori dell’ultima generazione non basterebbero tre vite vissute nelle rinunce per riuscire a mettere al sicuro la propria vecchiaia né, tantomeno, a garantire serenità ai propri figli; e forse è anche per questo che di figli non se ne fanno più. Allora, visto come stanno le cose, che senso ha essere formica? Meglio essere cicala, se non altro me la sono goduta!

Meglio essere cicala anche perché, quando l’inverno arriva, arriva anche la Naspi, il reddito di cittadinanza, il sussidio di disoccupazione, lo sconto sulle bollette in base al proprio Isee (che più è basso e meglio è). Il lavoro? Ma che, sei matto? Chi me lo fa fare di sudare le proverbiali sette camicie quando, stando a casa in canottiera, mi danno comunque dei soldi per vivere?

Certo, mica tutti sono così… cicale, le eccezioni esistono, ma sono milioni quelli che non fanno eccezione. Quelli che (anziani indigenti a parte) oggi succhiano dal sociale tutto ciò che possono e che dicono: domani si vedrà! Eppoi, sai che domani! Le pensioni spariranno, così come tanti lavori. Magari arriva la terza guerra mondiale e… amen. Il lavoro è sempre più precario e non permette di programmare il futuro. La vita è così breve che va vissuta e non certo subìta. Meglio mille volte cicala che formica!

Eddai, ci risiamo! Eppure, basterebbe così poco. Basterebbe pagare salari equi ed onesti, con denaro che abbia un potere d’acquisto reale e solido, cosicché, dopo aver pagato l’affitto, le bollette, il cibo per la famiglia, la scuola dei propri figli, restasse ancora qualcosa per qualche capriccio. Negli anni ’60 era così, poi è arrivata la globalizzazione e la Terza Repubblica.

Ma negli anni ’60 le cicale si contavano sulle dita di una mano, e venivano additate come esempio negativo. Oggi, nel 2022, è l’esatto opposto; oggi, le cicale vengono osannate sui social. Fare sacrifici, lavorare sodo anche per poco, aspirare ad un traguardo migliore, sono modi di vivere che non ci appartengono più: che siano le formiche a fare fatica!

© riproduzione riservata


link dell'articolo