Argomenti per categorie

Il Parco regionale del Conero a un passo dal diventare nazionale

Il Ministro dell’Ambiente Pichetto Fratin in visita alla sede di Sirolo: “Ci sono tutte le condizioni per raggiungere l’obiettivo che vi unisce”

Sirolo, 2 febbraio 2024 – “La meraviglia del territorio, la qualità dell’ambiente, l’unità di intenti tra tutti i Comuni costituiscono condizioni importanti per raggiungere l’obiettivo a cui aspirate di diventare Parco nazionale, e vi porto oggi l’attenzione del Governo per concludere felicemente questo percorso”.

A dirlo è l’On. Gilberto Pichetto Fratin ministro dell’Ambiente in visita al Parco del Conero, ospite del presidente Luigi Conte, alla presenza dell’On. Stefano Benvenuti Gostoli, dell’assessore regionale all’Ambiente Stefano Aguzzi, i consiglieri regionali Jessica Marcozzi e Mirko Bilò, i sindaci dei Comuni che ricadono all’interno del Parco (Daniele Silvetti Ancona, Gianluigi Tombolini Numana, Filippo Moschella Sirolo, Oriano Mercante Camerano), il Col. Roberto Nardi Comandante regione dei carabinieri Forestale Marche, il Presidente dell’Associazione Riviera del Conero, i membri del consiglio direttivo del Parco, il direttore Marco Zannini e tutto lo staff dell’Ente, i rappresentanti delle associazioni ambientaliste.

«Per noi è un grande onore avere da noi per la prima volta un Ministro dopo 37 anni dalla creazione del Parco del Conero – ha detto il presidente Luigi Conte – ed una grande opportunità per dare un futuro ancora più luminoso al lavoro che stiamo portando avanti in termini di sostenibilità, di tutela ambientale, di promozione del territorio, di accessibilità e fruibilità per tutti, considerando che abbracciamo un territorio che comprende costa e collina e che potrebbe presto ampliarsi per includere il Parco del Cardeto di Ancona, progetto che ci vede collaborare con il sindaco di Ancona e includendo anche la Selva di Castelfidardo».

Sirolo – Il discorso del Ministro Pichetto Fratin. In prima fila i sindaci dei Comuni che costituiscono il Parco del Conero: Daniele Silvetti per Ancona, Gianluigi Tombolini per Numana, Oriano Mercante per Camerano, Filippo Moschella per Sirolo

Rispetto al programma dei lavori il Ministro è giunto a Sirolo addirittura con qualche minuto di anticipo. «Per questo – ha chiosato il presidente Conte rivolgendosi al Ministro Pichetto – visto che è arrivato addirittura prima del previsto, prendiamo il tutto come un positivo auspicio che anche il Parco del Conero diventi parco nazionale in tempi più veloci di quelli che sarebbe lecito prevedere».

L’On. Stefano Gostoli ha confermato l’impegno a proseguire l’iter già avviato. «Il percorso è sinergico – ha assicurato – e nasce dalla volontà di tutti i livelli istituzionali e su questo, oltre che sull’eccellenza del territorio e del paesaggio, risiede la nostra convinzione di poter ottenere un risultato di prestigio».

Per l’Assessore regionale Stefano Aguzzi: «È un grande piacere avere qui con noi nelle Marche il Ministro e, a maggior ragione, qui al Parco del Conero che rappresenta una grande eccellenza di questa Regione».

Il sindaco di Sirolo Filippo Moschella ha portato i saluti come padrone di casa ed invitato il Ministro a tornare: «Magari per le vacanze e con un po’ più di tempo per conoscere ancora meglio il territorio, le sue bellezze ma anche le sue fragilità».

 

redazionale

© riproduzione riservata

Tags: