Argomenti per categorie

Il Comune ufficializza la destinazione dei proventi delle multe

L’assessore Renato spiega anche come verrà utilizzato il premio di 109.500 euro incassato dalla Regione Marche per i rifiuti

Camerano, 10 marzo 2019 – La Giunta Comunale ha determinato nei giorni scorsi la destinazione dei proventi derivanti dalle sanzioni per violazioni del Codice della strada.

Per il 2019 è previsto che metà dell’incasso sarà vincolato per il potenziamento della sicurezza urbana e stradale, oltre che all’attività di controllo e accertamento delle violazioni.

Nei fatti, è previsto un incasso annuo di € 160.000 dai quali vanno detratti € 68.000 che saranno accantonati nel fondo crediti di dubbia esigibilità, ed € 22.000 – derivanti dai proventi delle sanzioni degli autovelox – che saranno versati alla Provincia di Ancona in qualità di ente titolare della Direttissima del Conero.

La restante quota di € 70.000, sarà utilizzata in parte per l’acquisto e la sistemazione della segnaletica stradale (€ 8.750), e per le manutenzioni stradali (circa € 16.000). Un’ulteriore quota di € 8.750 è destinata alla manutenzione periodica e all’assistenza della strumentazione operativa (police control, autovelox, videocamere etc), e ai software (banche dati, aggiornamenti etc) in dotazione alla Polizia Locale.

Più della metà delle sanzioni effettuate sono dovute per l’eccesso di velocità, mentre circa il 20% per i divieti di sosta. Le altre violazioni riguardano per lo più la mancanza di copertura assicurativa e revisione del veicolo.

Camerano – L’assessore all’Ambiente Costantino Renato mostra con orgoglio il premio in denaro ricevuto dalla Regione Marche per i risultati ottenuti nella raccolta differenziata dei rifiuti

Abbiamo chiesto all’assessore Costantino Renato come verrà impiegato il premio di € 109.500 che il Comune di Camerano ha ricevuto dalla Regione Marche per l’ottimo andamento della raccolta rifiuti differenziata, (un quesito che diversi cameranesi  hanno posto attraverso la nostra pagina social): «Verranno utilizzati – ci ha risposto – per limitare i costi generali del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti nei prossimi due anni».

 

redazionale

Tags: