Un nuovo carico di solidarietà per gli sfollati

Consegnata la raccolta di indumenti invernali al Centro di smistamento di Sant'Elpidio

Castelfidardo – Un altro carico di solidarietà giunto a destinazione. Il Comando di Polizia locale e il gruppo comunale di Protezione civile hanno effettuato nei giorni scorsi una nuova consegna di beni destinati alla popolazione colpita dal sisma per il tramite del Centro di Coordinamento di Porto Sant’Elpidio.

Il carico di indumenti invernali destinato ai terremotati
Il carico di indumenti invernali destinato ai terremotati

Il materiale (circa 50 quintali di vestiario per uomo, donna e bambino prettamente invernale), era stato raccolto grazie all’iniziativa dell’Associazione Nazionale Carabinieri in congedo dopo la seconda violenta scossa di fine ottobre, e poi tenuto in stand by per non intasare canali già saturi in attesa del momento propizio.

Arquata. Il comandante Gerboni e il coordinatore della Protezione civile Ascani con il sindaco di Arquata del Tronto
Arquata. Il comandante Gerboni e il coordinatore della Protezione civile Ascani con il sindaco di Arquata del Tronto

Ora, con l’irrigidimento delle temperature, verrà smistato nei vari centri di accoglienza per sfollati a tutt’oggi aperti in regione. Con questa ulteriore donazione, frutto della sensibilità di tanti cittadini e della disponibilità del comandante Franco Gerboni e del coordinatore della Protezione civile Carlo Ascani, Castelfidardo ha raggiunto la quota complessiva di dieci carichi, la maggior parte dei quali destinati nella fase di prima emergenza ad Arquata del Tronto, il cui Comune ha ripreso l’attività amministrativa grazie anche ai personal computer e alle attrezzature provenienti dal buon cuore di tanti castellani.

 

redazionale


Lascia un commento

Pane Burro & Marmellata

Una striscia quotidiana di riflessione

di Paolo Fileni

Primo Maggio con mascherina

Nessun corteo, nessuna bandiera, nessun concerto, pochi vaccini


1 maggio 2021 – Oggi, esattamente come un anno fa. E questo editoriale potrebbe finire qui. Trecentosessantacinque giorni fa, giorno più giorno meno, uscivamo da una dura segregazione forzata in casa dovuta ad una pandemia ignorata da tutti. Erano i giorni degli striscioni ai balconi che recitavano “andrà tutto bene”, “insieme ce la faremo”. Invece, a distanza di 12 mesi siamo ancora qui a misurare quotidianamente i morti per Covid e le persone in quarantena. A registrare l’evoluzione di un virus che sembra invincibile con la sua capacità di trasformarsi in cento varianti sparse nel mondo sempre più aggressive.

Prima ondata, segregazione in casa, apertura; seconda ondata, chiusure forzate; regioni gialle, arancioni, rosse. Obbligo dell’uso delle mascherine, del lavaggio delle mani, del rispetto delle distanze… Traffici e frodi per una bombola d’ossigeno introvabile, gli speculatori dei respiratori, le terapie intensive al collasso, bare accatastate in un magazzino qualsiasi, morti mai consegnati ai parenti. Variante inglese, brasiliana, indiana… E poi l’arrivo dei vaccini, i ritardi nelle consegne, i furbetti del “vax prima io” o del “no vax”…

A riviverli così, questi ultimi 12 mesi, ci rendiamo conto che il vocabolario non ci appartiene. Fatti, accadimenti, decisioni e comportamenti alieni al genere umano. Invece no, è tutto vero, reale. È successo nel nostro quotidiano, sta succedendo e continuerà a succedere. Alla faccia di chi fa finta di niente o bolla tutto come un enorme complotto ordito per governare e soggiogare il popolo, per togliergli ciò che di più sacro esiste: libertà e lavoro.

Oggi, festa dei lavoratori, la libertà del popolo è legata ad una vaccinazione di massa che va troppo a rilento e i lavoratori, stremati dal rispetto delle regole anticoronavirus e con il fiato corto dietro le mascherine, non hanno nulla da festeggiare. Un po’ perché in tanti il lavoro l’hanno perso, altri perché non hanno più i fondi necessari a sostenere l’attività.

Niente celebrazioni dunque, niente cortei, bandiere al vento o concerti in piazza com’era uso fare fino a un paio d’anni fa. Non ci sono i presupposti. Sarà un Primo Maggio con la mascherina: unico orpello concesso in tempo di pandemia.

© riproduzione riservata


link dell'articolo

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi