Ristrutturazione impianto di calcio Montenovo: a rischio la prossima stagione?

Per Lorenzo Rabini di “Operazione Futuro” è tassativo far partire i lavori a giugno

Camerano – Il Consiglio comunale , nel bilancio di previsione pluriennale 2017/2019  ha impegnato una somma di 440mila euro (150mila per il 2017 e 290mila euro per il 2018), per la realizzazione del primo stralcio degli interventi previsti al campo di calcio “Montenovo”; lavori che riguardano il rifacimento delle tribune, l’ampliamento del piazzale antistante l’ingresso, un blocco infermieristico, nuovi punti luce, la recinzione, la modifica dell’ingresso e la messa in sicurezza della scarpata esistente nel lato panchine.

Camerano. L’attuale ingresso all’impianto calcistico “Montenovo”

Tanti denari, per un intervento più che necessario, che va effettuato il prima possibile. In ballo ci sono tanti interessi ma, soprattutto, c’è la possibilità che venga pregiudicato l’inizio del prossimo campionato. Il rispetto della tempistica dei lavori – più che urgenti – è basilare per non creare problemi alle diverse società che fruiscono dell’impianto.

Inizio lavori che, previsti per giugno, pare possano slittare inesorabilmente a ottobre. A campionati già iniziati, con conseguenti problematiche organizzative dovute al reperimento di impianti esterni per allenamenti e partite. Facendo saltare tutta la programmazione interna delle società.

Camerano. Le attuali gradinate del Montenovo che aspettano da tempo un intervento di manutenzione

A gettare un grido d’allarme su questa eventualità è Lorenzo Rabini, Capogruppo di “Operazione Futuro”: «Questi lavori – esordisce Rabini in un comunicato – tra l’altro non esaustivi di una completa e vera riqualificazione dell’impianto (nessun lavoro sugli spogliatoi e su una copertura delle tribune), devono avere un cronoprogramma efficace per l’organizzazione, da parte del soggetto gestore, il Camerano Calcio e di tutte le altre Società calcistiche, della prossima stagione agonistica».

Rabini è tassativo sull’inizio lavori: «Gli interventi devono cominciare a giugno senza altre proroghe, cominciare ad ottobre come si paventa, vorrebbe dire buttare all’aria il lavoro di tutti i dirigenti delle società e la loro organizzazione rispetto alle decisioni da assumere per formare le squadre, organizzare gli allenamenti e le partite di campionato, per non parlare di tutto quello che ruota attorno alle formazioni giovanili, più di 300 ragazzi che sono un grande patrimonio umano oltre che calcistico della nostra cittadina».

Lorenzo Rabini, capogruppo e consigliere di Operazione futuro a Camerano

L’Amministrazione comunale era a conoscenza di questa situazione, che fra l’altro arriva da una proroga ricevuta lo scorso anno e quindi sapeva bene che i lavori dovevano cominciare a giugno di quest’anno, ma ad oggi è tutto fermo.

«Questa situazione – continua Rabini nella sua analisi – è pesante in quanto Camerano non dispone di altri impianti sportivi, non abbiamo piani B o C rispetto ad urgenze ed emergenze, (stiamo ancora aspettando, dopo la mozione votata in Consiglio comunale, di vedere il campo dell’Aspio almeno nelle condizioni di poter essere usato per gli allenamenti, ma anche in questo caso buio su tutto il fronte), e quindi far partire i lavori ad ottobre vuol dire giocarsi l’intera stagione agonistica, vuol dire mettersi alla ricerca di campi per far disputare allenamenti e partite, spostamenti continui anche con i ragazzini piccoli. Vuol dire pagare l’affitto degli altri impianti, vuol dire allontanarsi da casa almeno da ottobre fino a marzo dell’anno successivo».

Camerano. L’assessore allo Sport Marco Principi, chiamato in causa da Rabini nel suo comunicato, fa parte tra l’altro dell’organigramma del Camerano calcio

Il Camerano calcio disputa il campionato di Eccellenza. La prossima stagione, 2017/2018, si preannuncia ricca d’interesse con l’aggiunta di squadre come la Civitanovese, la Recanatese e forse addirittura l’Ancona. Se i lavori al “Montenovo” non partono per tempo, si rischia si debba giocare quasi tutto fuori Camerano, e la stessa cosa vale per le altre squadre locali e per tutto il settore giovanile.

«Così non si va da nessuna parte – conclude Rabini – va bene rimettere mano all’impianto di Via Loretana, ma non possiamo delegittimare il lavoro e i sacrifici personali ed economici delle società calcistiche e la loro programmazione finanziaria e sportiva per i ritardi  o le indecisioni politiche del governo locale. Faccio appello all’assessore allo Sport, all’assessore ai lavori pubblici ed al sindaco affinché si possa davvero cambiare rotta e far partire i lavori a giugno, così come era stato sempre detto. Farli ad ottobre sarebbe una sconfitta per tutta Camerano».


Lascia un commento

Pane Burro & Marmellata

Una striscia quotidiana di riflessione

di Paolo Fileni

Procida Capitale Cultura 2022, Ancona non ce l’ha fatta!

Il sindaco Valeria Mancinelli: “il nostro progetto, popolare, di crescita e di sviluppo, va avanti”


Ancona, 18 gennaio 2021 – Nella mattinata odierna la commissione del MiBACT presieduta da Stefano Baia Curioni ha proclamato la città di Procida (foto) Capitale italiana della Cultura per il 2022. All’annuncio dato dal ministro Dario Franceschini, sull’isola si è scatenato un tifo da stadio.

I complimenti della commissione, al termine della cerimonia d’assegnazione, sono andati tutti al sindaco Raimondo Ambrosino e al suo staff. La motivazione ha premiato la congiunzione tra il valore del progetto, la sostenibilità economica e le sue ricadute socio culturali. «Siamo strafelici – ha esultato fra le lacrime il sindaco Ambrosino – è un’opportunità storica per noi, per tutte le isole e per l’Italia meno in luce».

Delusione per la città di Ancona, anche se mascherata da ottimismo. La città dorica non ce l’ha fatta a convincere i membri della commissione con il suo progetto incentrato tra l’altro sulla cultura dell’Altro, sull’intenzione di far diventare ordinario lo straordinario, come aveva spiegato l’assessore Paolo Marasca in sede di audizione con il MiBACT.

«È stata appena proclamata la Capitale italiana della cultura 2022. La scelta è caduta su Procida. Mi complimento con il collega sindaco e la comunità dell’isola – il commento ufficiale del sindaco Valeria MancinelliSiamo fieri delle parole del presidente della commissione che ha valutato i progetti e ne ha sottolineato il valore, non solo nazionale ma anche europeo. Siamo anche felici di come è stata motivata la scelta della capitale perché la linea su cui si è mossa Procida e il messaggio che ha voluto lanciare hanno molte affinità con il nostro. Dunque siamo sulla strada giusta. Come ho più volte ribadito il nostro progetto, popolare, di crescita e di sviluppo, va avanti. E lo realizzeremo insieme».

Dunque, nonostante i suoi 2400 anni di storia ed un progetto ampio e variegato, Ancona non ce l’ha fatta. Bocciata per il secondo anno consecutivo dopo il primo tentativo del 2020. A batterla è stata Procida, una cittadina di poco più di 10mila abitanti che si affaccia sul mare del Golfo di Napoli, resa famosa a livello internazionale da Massimo Troisi che qui ha girato molte scene del film Il Postino.

Ancona e Procida, due città bagnate dal mare. 100mila abitanti contro 10mila. Con tutta probabilità, le acque del Golfo di Ancona sono diverse da quelle del Golfo di Napoli. Nonostante la delusione per un’opportunità mancata di crescita importante sul piano socio-culturale e turistico, dal capoluogo delle Marche un in bocca al lupo sincero a Procida: sull’isoletta il 2022 sarà un anno fantastico!

© riproduzione riservata


link dell'articolo

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi