L’ultimo saluto al Maestro Salvatore D’Addario

Camerano. Ci ha lasciati nel pomeriggio di ieri, Salvatore D’Addario, 66 anni, scultore di fama internazionale che dal 1982 aveva preso casa a Camerano.

Al centro, il Maestro Salvatore D'Addario con Sgarbi alla mostra osimana "cinque artisti per Cuba"
Al centro, il Maestro Salvatore D’Addario con Sgarbi alla mostra osimana “cinque artisti per Cuba”

Malato, da tre anni combatteva con un tumore ai polmoni e al colon subendo tre interventi – uno di questi, per un’infezione, lo aveva tenuto sotto i ferri per sei ore –, lascia due figli: Andrea (45) e Luigi (39), e la moglie Maria (67).

Nato a Ariano Irpino (Avellino) il 4 dicembre 1950, il giovanissimo Salvatore segue la famiglia che nel ’53 si trasferisce ad Ancona. Sin da giovane dimostra un vivo interesse per la pittura e la scultura.

Si diploma all’Istituto statale d’Arte di Ancona dove insegna per molti anni. La sua prima esposizione risale al 1970, dimostrando una precoce capacità creativa.

Diventa amico di artisti del calibro di Fazzini, Remo Brindisi, Virgilio Guidi, Umberto Mastroianni, ma sarà il grande artista fabrianese Edgardo Mannucci a trasmettergli le giuste e ispirate conoscenze. Per D’Addario, che lo ammira e stima tantissimo,  Mannucci diventa un maestro sia artistico che umano. E Mannucci gli trasmette la sua arte, trovando nell’allievo prima, e nell’amico dopo, un degno continuatore della sua tecnica.

Una scultura del Maestro D'addario esposta nel 2012 nelle grotte di Camerano
Una scultura del Maestro D’addario esposta nel 2012 nelle grotte di Camerano

A Camerano D’Addario arriva nel 1982, trasferendosi dal quartiere Pietralacroce di Ancona. E da qui si sposta spesso per frequentare l’ambiente artistico romano. Molto conosciuto a Camerano, è stato membro della Consulta della Cultura. Ed è ancora viva nel ricordo di tutti la sua mostra: “Il tempo, la luce, la forma” allestita nel 2012 all’interno delle grotte e curata da Angelo Monaldi.

I funerali del Maestro D’Addario si celebreranno domani, 20 settembre, nella chiesa Immacolata Concezione di Camerano in Via Maratti alle 16.30.


Un commento alla notizia “L’ultimo saluto al Maestro Salvatore D’Addario”:

  1. Francesco Filareto says:

    Quando sono stato Sindaco di Rossano (2006-20011) ho cercato un allievo di Pericle Fazzini, che potesse realizzare in una fontana pubblica il suo bozzetto dedicato a SAN NILO L’EMIGRANTE e donato alla mia città nel 1985. Dopo una serie di contatti, mi sono incontrato più volte a Rossano con l’artista SALVATORE D’ADDARIO, al quale affidai l’oneroso incarico di tradurre in un’opera d’arte l’idea abbozzata del grande scultore Fazzini. Il maestro D’Addario convenne che la figura solenne di S. Nilo l’emigrante, al quale preservare il centro della scultura, dovesse essere accompagnata da immagini emblematiche della città d’origine, Rossano, e della nuova città di elezione, Grottaferrata: la prima è rappresentata da un ulivo e dall’oratorio del S. Marco, la seconda dalla vite e dall’Abbazia di S. Maria di Grottaferrata. L’opera, che arricchisce Rossano, è stata realizzata e come d’accordo collocata tra Piazza Steri e la salita per l’ex Convento di S. Bernardino. Un caro ricordo dell’artista Salvatore D’Addario.
    Francesco Filareto (filaretofra@gmail.com)

Lascia un commento

Pane Burro & Marmellata

Una striscia quotidiana di riflessione

di Paolo Fileni

Marchigiani: rabbia, orgoglio e dignità

Un onore appartenere a questo popolo un po’ dorico un po’ piceno


Camerano, 21 settembre 2022 – Non voglio star qui a commentare ciò che è successo nella notte fra giovedì 15 e venerdì 16 settembre 2022 nelle Marche. Né i morti di Ostra, i disastri a Sassoferrato, Pianello, Corinaldo, Cantiano, Senigallia, per citarne solo alcuni. O la reiterata piena del Misa, le responsabilità di chi doveva fare e non ha fatto. O i dispersi… Se ne è parlato e se ne sta parlando, forse anche troppo, su tutti i media social compresi.

No, non commento, sperando, finalmente, che le responsabilità di chi poteva arginare i danni e se n’è fregato saltino fuori e i colpevoli vengano puniti. Magra consolazione però di fronte ai morti, dispersi, feriti o ai rimasti senza un’abitazione.

Di fronte ad un’alluvione con conseguenze così drammatiche come quest’ultima, aspettando che la Magistratura e la Giustizia facciano il loro corso, vorrei sottolineare invece la reazione dei marchigiani. Rabbia sì, tanta, tantissima, perché gran parte dei disastri si sarebbero potuti evitare visti i precedenti del 2014. Ma anche tanto orgoglio e dignità.

Senza tante chiacchiere, senza aspettare inermi gli aiuti che comunque sono arrivati anche da mezza Italia, i marchigiani colpiti dal disastro si sono da subito rimboccati le maniche e, indossati gli stivali e agguantate le pale e le scope, si sono messi immediatamente all’opera per spalare via dal fango strade, garage, cantine e abitazioni allagate.

Mentre Vigili del fuoco, Protezione civile e volontari cercavano i morti e i dispersi, tanti giovani studenti, operai, commercianti, imprenditori e liberi professionisti, uniti dallo stesso intento e tutti insieme, si sono riversati per strada cercando di salvare il salvabile. Con orgoglio e dignità. L’orgoglio e la dignità di un antico popolo di mare avvezzo a fare da sé di fronte agli accidenti della vita. Perché i marchigiani sanno da sempre come si fa a rialzare la testa, con tigna e la forza delle proprie braccia.

Ma c’è anche di più, e questo solo i marchigiani lo possono capire. Vedere gruppi di tifosi dell’Ascoli e dell’Ancona – acerrimi nemici quando si tratta di calcio giocato – lavorare fianco a fianco a Senigallia e Borgo Bicchia pale in mano, sporchi di fango e stremati dalla fatica, dà la vera misura di cosa significhi la solidarietà, l’orgoglio e la dignità di questo popolo un po’ dorico e un po’ piceno (foto, Curva Nord Ancona).

Scene particolari che ad un vecchio cronista di provincia come me fanno sentire fino in fondo, e con sincero orgoglio, il senso d’appartenenza a questa gente. Se questi sono i marchigiani, è un onore per me essere nato in questa regione. Grazie a tutti quelli che in un modo o nell’altro hanno lavorato per far rialzare la testa alle mie Marche!

© riproduzione riservata


link dell'articolo