Il “custode” tuttofare della Chiesa di San Francesco

Chi l’ha detto che i giovani sono tutti “bamboccioni? Danila Taccaliti smentisce questa stupida diceria

Camerano. La Chiesa di San Francesco è uno dei riferimenti religiosi più importanti di Camerano. Ricca di storia e di elementi artistici non indifferenti. Eccone un sunto.

La facciata della Chiesa di San Francesco (foto Laura Randeni)
La facciata della Chiesa di San Francesco (foto Laura Randeni)

Venne fondata dal santo di Assisi nel lontano 1215, come recita un’antica tradizione. Chiesa e convento edificati sull’area già occupata da un più antico monastero di monache. Con tutta probabilità lo stesso, sotto il titolo di Santa Maria e Sant’Agata Martire, menzionato dal Codice Ravennate tra il secolo VII e il X. Attualmente, all’interno della chiesa, è conservata una lapide gotica con la seguente epigrafe: “In nomine domini amen anno domini MCCCXXXI tempore domini Ioannis Papae XXII”, collocata sopra la porta dell’ex convento.

Una antica pergamena rinvenuta sotto l’altare maggiore informa che il 14 luglio 1437 la chiesa fu consacrata dal Vescovo Pietro Giustiniani dell’Ordine dei Predicatori con il permesso di mons. Giovanni Caffarelli, Vescovo di Ancona.

Nel 1759 la chiesa fu completamente ristrutturata su disegno dell’architetto Francesco Ciaraffoni e dell’edificio originario non rimase che il portale in pietra.

Danneggiata dagli eventi bellici del 1944, la chiesa fu riaperta al culto, per interessamento dell’allora parroco Don Giulio Giacconi, il 29 agosto 1959.

Attualmente l’edificio, di proprietà del Comune, pur essendo saltuariamente officiato, è sede di periodiche manifestazioni culturali quali mostre e concerti.

Dunque, come accennato, nel periodo estivo la chiesa è sede di varie manifestazioni culturali e visitabile dai turisti che, tra le altre possibilità, hanno quella di salire sul campanile dalla cui sommità si gode una vista panoramica notevole.

A fare da padrona di casa, con il compito di ricevere i visitatori, accompagnarli sul campanile e trasmettere loro tutta una serie di cenni storici e biografici sull’edificio religioso c’è Danila Taccaliti, una ragazza simpatica e piena di vita che ama particolarmente questo ruolo.

A destra, Danila Taccaliti, la "custode" della Chiesa di San Francesco
A destra, Danila Taccaliti, la “custode” della Chiesa di San Francesco (foto Laura Randeni)

Danila, ti va di presentarti?

“Certo. Sono nata ad Ancona il 27 gennaio 1990, dunque vivo a Camerano da 26 anni.”

Come passi le tue giornate?

Facendo mille lavori (sorride, ndr), ma mi ritengo molto fortunata per questo. Vediamo se li ricordo tutti. Faccio la dog sitter; lavoro presso le mense scolastiche di Camerano; do una mano presso il bar della locale bocciofila; pulisco i bagni pubblici comunali e, per finire, faccio l’accompagnatrice turistica presso la Chiesa di San Francesco.”

Tutto questo nell’arco di una sola giornata?

“Sì, e quasi tutti i giorni. Sono una ragazza tuttofare (e così dicendo sfodera un altro dei suoi sorrisi contagiosi, ndr). Mi piace ridere e far sorridere le persone – sottolinea -. Per contro, mi arrabbio spesso. E, come dice mamma in quei momenti: ‘Meglio non dirle niente sennò morde!’ Grazie mamma, anch’io ti voglio bene! (altra risata contagiosa).

Come passi il tempo libero, sempre che tu ne abbia?

Sono stata una ragazza sportiva, anche se il mio peso forma non lo dimostra (risata,) ero un portiere di calcio a 5 e di pallamano; purtroppo ho dovuto smettere per via di un incidente stradale avvenuto 6 anni fa. La vita va avanti, anche se mi ha portato via da quel ruolo di portiere che amavo tantissimo. Esco con le amiche, vado a ballare, le solite cose, insomma.

Veniamo al tuo ruolo in San Francesco.

“Si, al mio lavoro di custode della Chiesa come sono stata soprannominata da tutti. Da 8 anni sono socia della Pro Loco e, tramite loro, lavoro per tenere aperta al pubblico la Chiesa durante l’estate. Un impegno che mi gratifica tantissimo e che amo particolarmente.”

Riceverai tanti turisti stranieri. Conosci le lingue?

“Per la verità no. Amo conoscere gente nuova che arriva da ogni parte del mondo, anche se non riesco a comunicare con loro a voce. Però mi faccio capire comunque a gesti, anche se a volte sembro una scimmia (altra risata contagiosa). A dirla tutta – conclude – mi piace raccontare di Camerano a chi viene da fuori. Amo il mio paese. Sono fatta così, una ragazza semplice che ama sorridere e apprezza la vita, e che s’impegna sempre al massimo in ogni lavoro che svolge. Ora vi saluto, ho un lavoro che aspetta. Vi do appuntamento in Chiesa, a San Francesco, per salire sul campanile.”

Danila di fronte ad uno degli altari della Chiesa di San Francesco (foto Laura Randeni)
Danila di fronte ad uno degli altari della Chiesa di San Francesco (foto Laura Randeni)

Bé, ci sarebbe tanto altro da raccontare su questa ragazza e sui tanti ragazzi come lei che, in questi tempi tribolati per tutti, cerca e cercano un loro posto dignitoso nella vita. Annaspando, senza arrendersi, all’interno di una società che offre loro davvero poche opportunità. Se tutti i bamboccioni assomigliano a Danila Taccaliti, allora evviva i bamboccioni!


Pane Burro & Marmellata

Una striscia quotidiana di riflessione

di Paolo Fileni

Quel tocco di rossetto che spaventò l’Italia

77 anni fa le donne conquistavano il diritto al voto


Camerano, 01 febbraio 2023 – In questo mese, 77 anni fa, esattamente il 23 febbraio 1946, la Consulta Nazionale approvava il decreto legislativo che dava alle donne, per la prima volta in Italia, il diritto di votare e quello di essere elette. Diritto che le stesse poterono esercitare, sempre nel 1946, quando vennero chiamate al voto alle prime elezioni amministrative del dopoguerra.

Non si pensi che raggiungere questo diritto sia stato facile per le donne, la loro battaglia per il diritto al voto (suffragio universale), risale addirittura al 1861, l’anno dell’Unità d’Italia. E una volta acquisito, quel diritto, non è che la società tutta l’accolse con favore: occorreva un cambio di mentalità che s’era radicato negli uomini per centinaia d’anni.

Basti ricordare, come segno della disabitudine al voto femminile, quel che pubblicò il Corriere della Sera nell’edizione del 2 giugno 1946 commentando la partecipazione delle donne all’elezione dei deputati dell’Assemblea costituente e del Referendum istituzionale Monarchia-Repubblica, nell’articolo intitolato “Senza rossetto nella cabina elettorale” con il quale invitava le donne a presentarsi presso il seggio senza rossetto sulle labbra.

La motivazione era spiegata così: “Siccome la scheda deve essere incollata e non deve avere alcun segno di riconoscimento, le donne nell’umettare con le labbra il lembo da incollare potrebbero, senza volerlo, lasciarvi un po’ di rossetto e in questo caso rendere nullo il loro voto. Dunque, il rossetto lo si porti con sé, per ravvivare le labbra fuori dal seggio“.

Sì, oggi tutto ciò suona parecchio stonato anche perché, come facevi a capire a chi apparteneva quella macchia di rossetto? O che il colore del pigmento si poteva associare a questo o a quello schieramento? Oggi le schede elettorali per fortuna si piegano.

Sono passati 77 anni dal raggiungimento del diritto di voto per le donne. Molte, nel corso degli anni, sono state elette in Parlamento nelle due Camere, poche, pochissime, assise nella poltrona del presidente di questo o quel ramo, sfondando quel “tetto di cristallo” appannaggio riservato agli uomini per tanto, troppo tempo.

Ricordando l’attuale presidente del Consiglio Giorgia Meloni, la prima donna in questo ruolo nella storia d’Italia capace di sfondare quel tetto – e che le ha citate nel suo discorso d’insediamento, vorrei ricordarne alcune di queste eroine: Rosalie Montmasson, testarda al punto da partire con i Mille che fecero l’Italia; Alfonsina Strada, prima donna a competere nel ciclismo in gare maschili.

Eroine nella Cultura come Maria Montessori o Grazia Deledda premio Nobel per la Letteratura. Eroine nella Politica dei giorni nostri: Tina Anselmi, Nilde Jotti, Rita Levi Montalcini; e ancora, Oriana Fallaci enorme firma del giornalismo, Samantha Cristoforetti astronauta.

Chissà cosa sarebbe successo all’Italia e alle italiane se, 77 anni fa, quel diritto al voto fosse stato loro negato. Non credo granché, dal momento che do per scontato che comunque a quel diritto sarebbero arrivate. Semplicemente perché era scritto nelle stelle, e solo l’ottusità, il maschilismo e la paura della perdita di potere dell’uomo, l’ha ritardato nell’evoluzione sociale italiana.

Di una cosa però sono convinto: laddove le donne hanno primeggiato, sfondando quel tetto di cristallo, il mondo che hanno governato e le società che hanno gestito sono migliorate parecchio, colorandosi di quel tocco di rosso tanto vituperato nel 1946: un tocco di rossetto!

© riproduzione riservata


link dell'articolo