Crollo del ponte – Oggi i funerali dei coniugi Diomede a Pagliare

“Ora è il momento del dolore” le parole del figlio Daniele

Camerano, 12 marzo – È terminata ieri pomeriggio, poco dopo le 14, l’autopsia sui corpi di Antonella Viviani ed Emidio Diomede, i due coniugi deceduti nel crollo del ponte sulla A14. L’esito, come diramato a seguito dell’esame autoptico eseguito dal medico legale Mauro Pesaresi, parla di morte per un politrauma complesso da decelerazione, con lesioni da schiacciamento in particolare su torace e addome.

Antonella Viviani e Emidio Diomede (foto da Instagram)
Antonella Viviani e Emidio Diomede, la coppia deceduta sotto il crollo del ponte a Camerano

«Ora è il momento del dolore, che non finirà mai, dovrò abituarmi a conviverci – ha detto Daniele, il figlio della coppia, una volta conosciuti i risultati dell’esame – Abbiamo perso due persone eccezionali, che facevano solo del bene. Sapere le cause della morte cambia poco. Se fosse stato per un loro errore allora saprei con chi prendermela, invece così non lo so».

Parenti, amici di famiglia e conoscenti dei coniugi Diomede li descrivono come due persone non comuni, affiatate come coppia nella vita e sul lavoro. Di gran cuore e disponibili con tutti.

Oggi, domenica 12 marzo, si dovrebbero svolgere i funerali della coppia intorno alle 15 nella chiesa di San Paolo a Pagliare, nell’ascolano.

Uno dei quesiti posti dalla Procura ai tecnici legali era se I coniugi deceduti indossassero o meno le cinture di sicurezza. Una risposta che potrà arrivare solo dopo approfonditi esami istologici e controlli sull’auto. In ogni caso, l’esito dell’incidente sarebbe stato comunque mortale.

foto Federico De Marco
L’auto dei coniugi Diomede (foto Federico De Marco)

Il pm incaricato, Irene Bilotta, fa il punto delle indagini: «Al momento non ci sono persone iscritte nel registro degli indagati, perché stiamo aspettando il resto della documentazione. La situazione è da esaminare sotto diversi punti di vista». È ancora presto per fare valutazioni e arrivare alle prime conclusioni, ma l’avvocato Vincenzo Maccarone, il legale dei familiari dei Diomede tiene a precisare: «Non è stata una fatalità: un fatto così eclatante si poteva prevenire ed evitare». La domanda che si pongono tutti, sui social e nei bar è sempre la stessa: “perché non hanno chiuso quel tratto di autostrada nella fase critica dell’innalzamento del cavalcavia?”

Una operazione, quella dell’innalzamento del cavalcavia, che ai non addetti ai lavori potrebbe sembrare molto pericolosa e che invece è quasi normale routine per chi lavora in questi ambiti. La stessa operazione messa in atto a Camerano è stata ripetuta da tecnici ed operai su quasi tutti i cavalcavia interessati dalla costruzione della terza corsia sulla A14. E nel protocollo delle operazioni, a detta degli ingegneri, non è contemplata la chiusura al traffico della strada.

Il cavalcavia frantumato dalle macchine
Il cavalcavia crollato è stato frantumato dalle macchine per permetterne la rimozione dalla sede stradale

Per l’ingegnere Giovanni Scotto Lavina, responsabile dei lavori per Autostrade per l’Italia: «È andata in crisi la struttura dell’insieme dei sostegni provvisori del ponte». Parlando con i giornalisti dopo un sopralluogo, Scotto Lavina spiega: «Stiamo facendo gli accertamenti del caso; il ponte è andato in crisi per i motivi che dovremo appunto accertare. La struttura di sostegno provvisorio è rimasta integra, questo ci teniamo a dirlo. È una struttura in calcestruzzo: non è andata in crisi la struttura di calcestruzzo che sosteneva le travi fino all’inizio delle operazioni di sollevamento del cavalcavia. È andata in crisi la struttura dell’insieme dei sostegni provvisori»

Alle aziende che hanno progettato ed eseguito i lavori sul cavalcavia crollato in A14, Autostrade per l’Italia ha chiesto con estrema urgenza una relazione dettagliata su quanto accaduto “per accertare eventuali errori umani e valutare possibili azioni a tutela”. Il cantiere, spiega la società in una nota: «Era stato avviato il 7 febbraio e si sarebbe dovuto concludere, per quanto riguarda le attività sulle pile finalizzate all’innalzamento del cavalcavia, il 31 marzo».

Quante ditte lavoravano nel cantiere di Camerano?

  • la Pavimental, società controllata di Autostrade;
  • la Delabech srl di Roma, che stava lavorando in subappalto per conto della prima;
  • il Gruppo Nori srl di Castelnuovo di Porto (Roma);

«Ma ce ne sono anche altre che stiamo cercando di individuare», hanno detto il procuratore di Ancona Elisabetta Melotti e il pm titolare dell’inchiesta Irene Bilotta.

Almeno due, le squadre di operai al lavoro sulla struttura al momento del crollo. I feriti, lo ricordiamo, sono tre operai romeni. Due, di 56 e 46 anni, entrambi dipendenti della Delabech, sono precipitati da un’altezza di circa 7 metri. Sono stati portati all’ospedale di Torrette. Il più anziano ha riportato un trauma cranico e una contusione alla spalla sinistra: «Non so cosa sia successo – dice – non ricordo. Mi sono ritrovato per terra all’improvviso».

Il 46enne ha una prognosi di 30 giorni per i postumi di una frattura pluriframmentaria alla falange prossimale del terzo dito della mano sinistra, e fratture della terza, quarta e quinta costola a sinistra. Il terzo ha riportato lesioni lievi, tanto che è stato trasportato all’ospedale di Osimo dove è stato medicato e tenuto in osservazione.

 


Pane Burro & Marmellata

Una striscia quotidiana di riflessione

di Paolo Fileni

Quel tocco di rossetto che spaventò l’Italia

77 anni fa le donne conquistavano il diritto al voto


Camerano, 01 febbraio 2023 – In questo mese, 77 anni fa, esattamente il 23 febbraio 1946, la Consulta Nazionale approvava il decreto legislativo che dava alle donne, per la prima volta in Italia, il diritto di votare e quello di essere elette. Diritto che le stesse poterono esercitare, sempre nel 1946, quando vennero chiamate al voto alle prime elezioni amministrative del dopoguerra.

Non si pensi che raggiungere questo diritto sia stato facile per le donne, la loro battaglia per il diritto al voto (suffragio universale), risale addirittura al 1861, l’anno dell’Unità d’Italia. E una volta acquisito, quel diritto, non è che la società tutta l’accolse con favore: occorreva un cambio di mentalità che s’era radicato negli uomini per centinaia d’anni.

Basti ricordare, come segno della disabitudine al voto femminile, quel che pubblicò il Corriere della Sera nell’edizione del 2 giugno 1946 commentando la partecipazione delle donne all’elezione dei deputati dell’Assemblea costituente e del Referendum istituzionale Monarchia-Repubblica, nell’articolo intitolato “Senza rossetto nella cabina elettorale” con il quale invitava le donne a presentarsi presso il seggio senza rossetto sulle labbra.

La motivazione era spiegata così: “Siccome la scheda deve essere incollata e non deve avere alcun segno di riconoscimento, le donne nell’umettare con le labbra il lembo da incollare potrebbero, senza volerlo, lasciarvi un po’ di rossetto e in questo caso rendere nullo il loro voto. Dunque, il rossetto lo si porti con sé, per ravvivare le labbra fuori dal seggio“.

Sì, oggi tutto ciò suona parecchio stonato anche perché, come facevi a capire a chi apparteneva quella macchia di rossetto? O che il colore del pigmento si poteva associare a questo o a quello schieramento? Oggi le schede elettorali per fortuna si piegano.

Sono passati 77 anni dal raggiungimento del diritto di voto per le donne. Molte, nel corso degli anni, sono state elette in Parlamento nelle due Camere, poche, pochissime, assise nella poltrona del presidente di questo o quel ramo, sfondando quel “tetto di cristallo” appannaggio riservato agli uomini per tanto, troppo tempo.

Ricordando l’attuale presidente del Consiglio Giorgia Meloni, la prima donna in questo ruolo nella storia d’Italia capace di sfondare quel tetto – e che le ha citate nel suo discorso d’insediamento, vorrei ricordarne alcune di queste eroine: Rosalie Montmasson, testarda al punto da partire con i Mille che fecero l’Italia; Alfonsina Strada, prima donna a competere nel ciclismo in gare maschili.

Eroine nella Cultura come Maria Montessori o Grazia Deledda premio Nobel per la Letteratura. Eroine nella Politica dei giorni nostri: Tina Anselmi, Nilde Jotti, Rita Levi Montalcini; e ancora, Oriana Fallaci enorme firma del giornalismo, Samantha Cristoforetti astronauta.

Chissà cosa sarebbe successo all’Italia e alle italiane se, 77 anni fa, quel diritto al voto fosse stato loro negato. Non credo granché, dal momento che do per scontato che comunque a quel diritto sarebbero arrivate. Semplicemente perché era scritto nelle stelle, e solo l’ottusità, il maschilismo e la paura della perdita di potere dell’uomo, l’ha ritardato nell’evoluzione sociale italiana.

Di una cosa però sono convinto: laddove le donne hanno primeggiato, sfondando quel tetto di cristallo, il mondo che hanno governato e le società che hanno gestito sono migliorate parecchio, colorandosi di quel tocco di rosso tanto vituperato nel 1946: un tocco di rossetto!

© riproduzione riservata


link dell'articolo