Corruzione decadenza e lobby gay in Vaticano raccontate da Gianluigi Nuzzi

Camerano.  Gremita oltre ogni ordine di posti la sala convegni comunale di Piazza Umberto Matteucci, ieri sera, 19 settembre, in occasione dell’apertura del 5° Festival del giornalismo d’inchiesta delle Marche. Ospite d’eccezione, Gianluigi Nuzzi, conduttore mediaset della trasmissione Quarto grado.

Il numeroso pubblico intervenuto alla sala convegni di Camerano per ascoltare il giornalista e conduttore televisivo Gianluigi Nuzzi
Il numeroso pubblico intervenuto alla sala convegni di Camerano per ascoltare il giornalista e conduttore televisivo Gianluigi Nuzzi

Il compito d’introdurre il giornalista è toccato a Gianni Rossetti, direttore artistico del festival organizzato mirabilmente dall’associazione Juter club di Osimo. Una figura di notevole caratura giornalistica quella di Rossetti, già collaboratore del Resto del Carlino, poi della Rai e, attualmente, direttore della prestigiosa scuola di giornalismo di Urbino.

“Le Marche, incapaci per molti di promuoversi ed emergere – ha esordito Rossetti – vanta tradizioni importanti nell’ambito giornalistico. Penso a Maria Grazia Capulli, maceratese, alla quale è dedicata questa edizione del festival, che è arrivata a lavorare per il Tg2. Penso a Luigi Albertini, anconetano, che ha lanciato il Corriere della sera. Insomma – ha concluso il direttore artistico – in questa regione esistono grandi talenti e la nostra scuola di Urbino dimostra ogni anno una notevole crescita in tal senso”.

L'intervento di Gianni Rossetti, direttore artistico del 5° festival del giornalismo d'inchiesta nelle Marche
L’intervento di Gianni Rossetti, direttore artistico del 5° festival del giornalismo d’inchiesta nelle Marche

Nel suo intervento, Gianni Romagnoli, in rappresentanza dell’Ordine dei giornalisti delle Marche, ha ricordato gli oltre 28 colleghi morti sul campo per mano della mafia, o in reportage di guerra, o di conseguenza ad inchieste scomode sui poteri forti. “Un nome su tutti – ha ricordato Romagnoli – quello di Ilaria Alpi”.

Infine, dopo un brevissimo saluto del sindaco Annalisa Del Bello, è entrato in scena lui, Gianluigi Nuzzi. Pacato, voce profonda, proprietà di linguaggio e notevoli capacità comunicative, il conduttore televisivo è apparso così come lo si vede nel piccolo schermo. Completamente a suo agio di fronte ad una platea dal vivo, ha iniziato a raccontare la sua vicenda giudiziaria seguita alla pubblicazione del suo ultimo libro: Via Crucis. Quella denominata Vatileaks, per intenderci, che lo ha portato di fronte alla “santa inquisizione” vaticana e che gli ha fatto rischiare la galera. Uscendone comunque assolto.

Luca Romagnoli, a sinistra, introduce Gianluigi Nuzzi
Luca Romagnoli, a sinistra, introduce Gianluigi Nuzzi

“Non ho fatto altro che fare il mio mestiere di giornalista giudiziario – ha sottolineato Nuzzi, di fronte ad una attenta platea –. Ho scritto un libro, e mai avrei pensato di andare sotto processo per questo, anche perché del libro non veniva sindacata una riga. No, qui venivo accusato di aver diffuso notizie concernenti interessi rilevanti dello stato Città del Vaticano. Un po’ come se avessi violato il segreto di Stato italiano. Che, badate bene, è normato verso la sicurezza del Paese. Ma io non mi sono occupato della sicurezza dello Stato Vaticano o dei suoi interessi fondamentali. A meno che questi interessi non siano i privilegi, i furti, le rapine che racconto nel libro”.

Ne ha per tutti, Nuzzi, a conferma della decadenza imperante fra vescovi e cardinali. I loro intrighi per il potere, la loro insaziabile sete di denaro, le loro depravazioni. E cita, a tal proposito, il cardinale Tarcisio Bertone: “Che voi tutti conoscete per la storia dell’attico – sorride Nuzzi – ma vi posso garantire che l’attico, rispetto al resto, è una minuzia”. Prosegue, raccontando di Monsignor Franco Camaldo: “Che voi non conoscete – sottolinea – ma che la Roma notturna conosce molto bene, lo chiamano Jessica”.

il conduttore di Quarto grado, ospite della serata, Gianluigi Nuzzi
il conduttore di Quarto grado, ospite della serata, Gianluigi Nuzzi

E via così, per circa due ore, a raccontare in modo diretto e schietto di una Chiesa romana che i più, qui nelle Marche, stentano a credere vera. Eppure lo è, documenti alla mano, così come Nuzzi l’ha raccontata in Via Crucis.

Una testimonianza reale, quella di ieri sera, su come e quanto sia prezioso il difficile lavoro del giornalista d’inchiesta. Tutto votato alla divulgazione della verità per quanto scomoda o rischiosa possa essere. “Siete venuti in tanti qui, questa sera, ma io non sono Belen. Siete venuti per la mia credibilità. Ed io sono concentrato per darvi qualcosa che – come quello che scrivo nei miei libri – non vi dice nessun altro. Non do nulla per scontato, e cerco d’essere credibile. Sempre”.


Lascia un commento

Pane Burro & Marmellata

Una striscia quotidiana di riflessione

di Paolo Fileni

Primo Maggio con mascherina

Nessun corteo, nessuna bandiera, nessun concerto, pochi vaccini


1 maggio 2021 – Oggi, esattamente come un anno fa. E questo editoriale potrebbe finire qui. Trecentosessantacinque giorni fa, giorno più giorno meno, uscivamo da una dura segregazione forzata in casa dovuta ad una pandemia ignorata da tutti. Erano i giorni degli striscioni ai balconi che recitavano “andrà tutto bene”, “insieme ce la faremo”. Invece, a distanza di 12 mesi siamo ancora qui a misurare quotidianamente i morti per Covid e le persone in quarantena. A registrare l’evoluzione di un virus che sembra invincibile con la sua capacità di trasformarsi in cento varianti sparse nel mondo sempre più aggressive.

Prima ondata, segregazione in casa, apertura; seconda ondata, chiusure forzate; regioni gialle, arancioni, rosse. Obbligo dell’uso delle mascherine, del lavaggio delle mani, del rispetto delle distanze… Traffici e frodi per una bombola d’ossigeno introvabile, gli speculatori dei respiratori, le terapie intensive al collasso, bare accatastate in un magazzino qualsiasi, morti mai consegnati ai parenti. Variante inglese, brasiliana, indiana… E poi l’arrivo dei vaccini, i ritardi nelle consegne, i furbetti del “vax prima io” o del “no vax”…

A riviverli così, questi ultimi 12 mesi, ci rendiamo conto che il vocabolario non ci appartiene. Fatti, accadimenti, decisioni e comportamenti alieni al genere umano. Invece no, è tutto vero, reale. È successo nel nostro quotidiano, sta succedendo e continuerà a succedere. Alla faccia di chi fa finta di niente o bolla tutto come un enorme complotto ordito per governare e soggiogare il popolo, per togliergli ciò che di più sacro esiste: libertà e lavoro.

Oggi, festa dei lavoratori, la libertà del popolo è legata ad una vaccinazione di massa che va troppo a rilento e i lavoratori, stremati dal rispetto delle regole anticoronavirus e con il fiato corto dietro le mascherine, non hanno nulla da festeggiare. Un po’ perché in tanti il lavoro l’hanno perso, altri perché non hanno più i fondi necessari a sostenere l’attività.

Niente celebrazioni dunque, niente cortei, bandiere al vento o concerti in piazza com’era uso fare fino a un paio d’anni fa. Non ci sono i presupposti. Sarà un Primo Maggio con la mascherina: unico orpello concesso in tempo di pandemia.

© riproduzione riservata


link dell'articolo

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi