Caso Baldini: continua la farsa di Autostrade per l’Italia

Ieri mattina il Tribunale di Ancona gli ha imposto la rimozione immediata delle barriere jersey

Camerano. Vincere una battaglia non significa vincere la guerra, anche se fa morale. Si fa sempre più intricata e insostenibile la situazione della Conero Frantumazioni di Sandro Baldini, l’azienda di Camerano segregata al di là del cavalcavia 166 dell’A14.

Imprigionata all’interno della propria sede dall’indifferenza di Autostrade per l’Italia che – abbassando arbitrariamente da 72 a 12 tonnellate il transito sul ponte – ha impedito di fatto ai mezzi della Baldini di transitarvi,  e di poter operare regolarmente.

Il cavalcavia 166 con Il cartello che vieta il passaggio a mezzi con peso superiore alle 12 tonnellate

A rischio c’è il posto di lavoro dei suoi quindici dipendenti. Quindici padri di famiglia delle cui sorti ad Autostrade non interessa un fico secco. E solo perché si ostina a non voler collaudare quel maledetto ponte. Un collaudo, effettuabile nell’arco di una mattinata, che sentenzierebbe la reale portata del ponte e, di conseguenza, il via libera al transito dei mezzi pesanti della Baldini.

Viceversa, se dal collaudo emergessero delle criticità spetterebbe ad Autostrade intervenire per ripristinare la portata necessaria (il ponte è di sua proprietà, ndr). Il che equivarrebbe  a spendere un mucchio di soldi. Perché di ponti di seconda categoria com’è il cavalcavia 166, Autostrade per l’Italia nelle tratte che gestisce ne ha a decine. Tutti nelle stesse condizioni. Tutti senza manutenzione da decenni.

I 15 dipendenti della ditta Sandro Baldini. Il loro futuro lavorativo, e quello della loro azienda, è nelle mani di Autostrade per l’Italia che non ne vuole sapere di effettuare il collaudo al cavalcavia 166, il ponte che collega la sede della Baldini con il mondo esterno

Costa meno, infinitamente meno, piazzare al loro imbocco – arbitrariamente – un cartello stradale che declassa il tonnellaggio da 72 a 12. Quanto costa un cartello stradale del genere, venti euro? Vuoi mettere venti euro contro le centinaia di migliaia di euro necessari a risistemare e mettere in sicurezza un cavalcavia?

E chi se ne frega se, posizionando – arbitrariamente – quel cartello si mandano a casa 15 padri di famiglia. Chi se ne frega se, posizionando – arbitrariamente – quel cartello si obbliga alla chiusura un’azienda florida e in salute. «Non è una nostra azienda» pare abbia sottolineato con cinismo un avvocato di Autostrade a Diego Baldini, figlio del titolare, durante la conferenza dei servizi svoltasi ieri pomeriggio presso il Comune di Camerano.

Questo è il quadro. Interpellati, i vertici di Autostrade rispondono solo attraverso il proprio ufficio stampa con comunicati generici che non dicono nulla. Peggio: Autostrade non fa nulla. Non propone nulla, si limita – attraverso i suoi legali – a dichiarare: “Proponete voi, siamo qui ad ascoltare”. Una posizione oscena, inaccettabile, di fronte al destino quasi segnato di un’azienda e dei suoi 15 dipendenti. “Non è un’azienda nostra…” L’azienda, no. Ma il ponte, sì.

Però, a quell’azienda che non gli appartiene, Autostrade a suo tempo ha proposto di rifare il ponte, il suo ponte, a spese di quell’azienda. Bel modo questo di risolversi i problemi, ricattando, per proprio tornaconto, chi tu stesso hai messo in difficoltà.

Dopo l’uscita rocambolesca dei mezzi dall’azienda, permessa in una sola notte da Autostrade per l’Italia, la ditta Baldini ha potuto iniziare i lavori di demolizione della scuola di San Ginesio, salvando una commessa che sembrava compromessa. Avrebbero bisogno, per accelerare i lavori, di un escavatore più grande che possiedono, ma è sequestrato nei cortili aziendali impossibilitato ad uscire perché Autostrade ha limitato il transito sul cavalcavia a 12 tonnellate

L’immobilismo di Autostrade, la sua strategia volta a far passare il tempo senza intervenire, gioca a suo favore. Baldini non può permettersi di perdere tempo, le commesse se non vengono onorate si perdono. E senza commesse l’azienda chiude. Chiusa l’azienda – tolto il dente – Autostrade ha risolto i suoi problemi. E ha risparmiato una montagna di denaro.

Intanto, ieri mattina, Autostrade ha dovuto incassare una prima sconfitta. Il Tribunale di Ancona gli ha imposto di rimuovere le barriere jersey in cemento armato poste – arbitrariamente – all’imbocco del cavalcavia 166. Ricordiamo che il cavalcavia è di proprietà di Autostrade ma la strada d’accesso al ponte appartiene alla Baldini.

Un momento della conferenza dei servizi di ieri. Da sinistra, il sindaco Annalisa Del Bello, quello di Osimo Simone Pugnaloni (di spalle), Giancarlo Babini, Sandro Baldini e l’assessore Costantino Renato

Ieri pomeriggio, presso il Comune di Camerano e con la regia del sindaco Annalisa Del Bello, si è svolta la prima conferenza dei servizi mirata a trovare una soluzione alternativa. Una stradina che dall’azienda Baldini sbuca sulla statale in direzione Osimo Stazione, sul territorio del Comune di Osimo.

Una stradina di passaggio su cui insistono una ventina di proprietari. Che dovrebbero dare il loro assenso al passaggio dei mezzi pesanti. Una stradina che, se l’accordo si dovesse raggiungere, abbisogna di un intervento di adeguamento al passaggio dei mezzi.

C’erano tutti, ieri pomeriggio. I legali di Autostrade per l’Italia, il titolare della Conero Frantumazioni, il sindaco di Osimo Pugnaloni, quello di Camerano padrona di casa e una decina di rappresentanti dei privati proprietari della stradina.

Il sindaco di Camerano Annalisa Del Bello discute con il titolare della Conero Frantumazioni Sandro Baldini

«Autostrade per l’Italia – ha spiegato al termine della riunione il sindaco Del Bello – si è resa disponibile alla realizzazione dell’intervento da attuare sulla stradina per permettere il transito dei mezzi della Baldini. Abbiamo messo sul tavolo un’ipotesi di indennizzo nei confronti dei privati proprietari della strada. Ora ragioniamo con Autostrade sull’ammontare di questo indennizzo, magari da riconoscere ai singoli mensilmente».

Un indennizzo non facile da quantificare ma, soprattutto, difficile da far comprendere ai diretti interessati. Che poi sono quelli che dovranno subire il disagio maggiore: rumore, polvere, strada dissestata dai tanti passaggi dei mezzi pesanti. Senza dimenticare che quel disagio si potrebbe protrarre per un tempo difficile da stimare oggi.

«È proprio questo il punto – conclude la Del Bello – la sentenza definitiva del tribunale arriverà non prima di giugno. I transiti su quella stradina potrebbero andare avanti per mesi. Ma noi dobbiamo trovare subito il modo di far uscire i mezzi della Baldini. Domani, giovedì 11 maggio, ho messo in agenda un nuovo incontro con i privati e auspico di raggiungere un accordo con loro sugli indennizzi».

Dunque, Autostrade per l’Italia è disposta a spendere soldi per sistemare la stradina. Ne spenderà altri per riconoscere indennizzi mensili ai privati che abitano lungo il suo percorso. Ma di spenderne per collaudare il ponte non se ne parla proprio. Già:  “Non è un’azienda nostra…”


Lascia un commento

Pane Burro & Marmellata

Una striscia quotidiana di riflessione

di Paolo Fileni

Ciao Anconitana, benvenuta AnconaMatelica

Come andare a letto in Eccellenza e risvegliarsi in Serie C!


Camerano, 16 giugno 2021 – Incubo o sogno? Delusione o gioia? Opportunismo o riscatto? Elemosina o risarcimento? Tutto ciò, e forse ancora di più, deve aver provato quel tifoso del calcio dorico che ieri ha appreso dello tzunami (positivo?) che ha travolto l’Anconitana del presidente Stefano Marconi. Anconitana e presidente che spariscono dal palcoscenico sportivo per far posto al progetto AnconaMatelica arrivato con la forza di un’onda anomala prodotta da quel terremoto (positivo?) del presidente Mauro Canil da Matelica.

Come andare a dormire sapendo di dover affrontare un’altra tribolata annata calcistica in Eccellenza, per risvegliarsi il mattino dopo con la certezza che non sarà tribolata né in Eccellenza bensì in Serie C.

Un sogno, senza dubbio! Invece, parrebbe proprio di no. Condizionale d’obbligo fintanto che le parole, i progetti, le intenzioni e gli impegni non si trasformeranno in fatti reali, concreti, funzionanti. Parrebbe di no dal momento che patron Canil sembra aver convinto e messo d’accordo tutti: tifosi dorici della Nord, Amministratori comunali (Guidotti e Mancinelli) “Non mi è mai capitato di trovare un’Amministrazione così disponibile”, città, giornalisti, scettici, raccattapalle, venditori di bibite e bastian contrari.

Poteva essere diversamente? No. Ieri, in conferenza stampa alla Mole Vanvitelliana, Mauro Canil da Matelica ha parlato forte e chiaro ai presenti nell’esporre il suo progetto che mette al centro, meglio, al vertice della piramide, lo sviluppo senza se e senza ma del settore giovanile (Progetto Giovani del Territorio) con sei squadre che parteciperanno ai vari campionati nazionali. Ragazzi che preferibilmente verranno cercati sul territorio anconetano/marchigiano prima che altrove.  (Nella foto: il presidente Mauro Canil, l’assessore allo Sport di Ancona Andrea Guidotti, il presidente Stefano Marconi).

Poi, verrà l’interesse per la prima squadra con quelle promesse che tanto sono piaciute alla Curva Nord: la società si chiamerà AnconaMatelica, per poi diventare solo Ancona dalla seconda stagione, la maglia sarà biancorossa, avrà lo scudo del Cavaliere armato. «Mi piace molto il Cavaliere – ha sottolineato Canil, che ha comunque aggiunto con convinzione – Vengo ad Ancona ma non vi prometto nulla, faremo una squadra dignitosa e punteremo a restare nella categoria. Tutto quello che verrà in più sarà ben accetto. Marconi ha promesso una sponsorizzazione per i prossimi 5 anni e noi punteremo a coinvolgere nel progetto le aziende del territorio».

Questo era ciò che il mondo del pallone dorico voleva sentirsi dire, e questo Canil gli ha detto. Servito con lucidità, decisione, convinzione, esperienza (per lui parlano i suoi trascorsi e l’apprezzamento che si porta dietro). L’uomo è sembrato degno, serio, credibile, onesto. Il Presidente lo scopriremo man mano, con la convinzione che nessuno prova  a fare calcio solo per gettare soldi dalla finestra. Qualche tornaconto dovrà averlo pure lui. E se lo sai gestire bene il settore giovanile un tornaconto te lo dà.

Prossime tappe del nuovo progetto: entro il 28 giugno, iscrizione della prima squadra al campionato; entro il 15 luglio cambio nome della società con atto notarile. Punti fermi: la dirigenza resterà quella del Matelica con moglie, figlio e dirigenti vari quasi tutti al femminile. L’allenatore sarà quello del Matelica. Previsto qualche inserimento di figure anconetane.

In chiusura un invito a una riflessione che non vuol significare nulla. Semplicemente, una citazione passata per la mente senza riferimenti a chicchesia. È firmata Massimo D’Azeglio: “Saper campare del proprio, poco o molto che sia, è la prima garanzia di una vita onorata e tranquilla. Quando, invece, si comincia a vivere dell’altrui, addio tranquillità e purtroppo non di rado, addio onore”.

© riproduzione riservata


link dell'articolo

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi