Camerano – Controllo rifiuti sul territorio comunale

Chi trasgredisce rischia sanzioni in denaro da 25 a 620 euro.

Camerano – Sono partiti i controlli congiunti tra Polizia Locale e Autorità territoriale d’ambito per verificare gli abbandoni e il conferimento dei rifiuti su tutto il territorio comunale.

Polizia locale
Camerano. Polizia locale e Autorità territoriale d’ambito al lavoro per verificare il corretto smaltimento dei rifiuti

I controlli, che sono stati pianificati secondo una precisa calendarizzazione, saranno effettuati in base alle segnalazioni dei cittadini e a quelle della ditta incaricata alla raccolta. A queste, seguiranno le ispezioni mirate nei luoghi dove i problemi sui conferimenti vengono segnalati con più frequenza, come condomini ed imprese. Senza tralasciare la possibilità di effettuare verifiche a campione.

Nelle ultime settimane gli addetti al servizio hanno riscontrato una serie di criticità:

  • uso di buste non conformi;
  • rifiuti non differenziati correttamente;
  • conferimento di rifiuti in giorni e fasce orarie non previste;
  • smaltimento al di fuori degli appositi bidoni
  • abbandono immotivato di sacchetti all’interno di cestini gettacarte o sulla banchina di alcune strade comunali.

Va detto, sottolineato dall’assessorato ai rifiuti, che la stragrande maggioranza dei cittadini ha un grande senso civico. Non sussiste una situazione particolarmente grave o fuori controllo, ma ha senso intervenire laddove è possibile mettere in campo le giuste azioni correttive mirate al miglioramento del servizio.

Dalle prossime settimane (ma qualcosa è già stato fatto), la ditta Rieco non effettuerà la raccolta di quei rifiuti che riterrà non conformi. E lascerà sul posto un bigliettino con la motivazione del mancato ritiro. Azione che verrà comunque segnalata all’Autorità territoriale d’ambito e al Comune.

I sacchetti utilizzati per lo smaltimento dei rifiuti
I sacchetti utilizzati per lo smaltimento dei rifiuti devono essere conformi alla normativa in vigore

Se l’utente, una volta avvisato, non metterà in atto le dovute azioni correttive potrebbe venir sanzionato. Della serie: perseveri nell’errore? Beccati la multa!

Esiste una vera e propria tabella sanzionatoria che regolamenta  le trasgressioni:

  • per chi abbandona o deposita rifiuti (ovvero li immette nelle acque superficiali o sotterranee), è prevista una sanzione amministrativa che va da 105 a 620 euro;
  • se l’abbandono di rifiuti sul suolo riguarda i non pericolosi e i non ingombranti, si applica la sanzione amministrativa da 25 a 155 euro;
  • per tutte le violazioni del Regolamento comunale di gestione rifiuti urbani, nei casi in cui non sia prevista una sanzione specifica nella legge 152/2006 e successive modifiche, o in altre norme statali o regionali, si applica la sanzione amministrativa da 77 a 500 euro.

In alcune situazioni specifiche di una certa gravità potrebbero partire anche procedimenti di natura penale.

Per qualsiasi segnalazione, richiesta di chiarimento o modalità di recupero dei rifiuti non raccolti in quanto non conformi, è possibile contattare l’ATA Rifiuti (Tel 0731200969 – 073159804 Pec atarifiutiancona@pec.it – e-mail serviziorifiuti@atarifiuti.an.it – segnalazioni online http://www.atarifiuti.an.it/segnalazioni/). O la ditta Rieco (Numero Verde 800277999 – e-mail ecosportellomarche@riecospa.it – PEC: rieco@poste-certificate.it).

 


Lascia un commento

Pane Burro & Marmellata

Una striscia quotidiana di riflessione

di Paolo Fileni

Procida Capitale Cultura 2022, Ancona non ce l’ha fatta!

Il sindaco Valeria Mancinelli: “il nostro progetto, popolare, di crescita e di sviluppo, va avanti”


Ancona, 18 gennaio 2021 – Nella mattinata odierna la commissione del MiBACT presieduta da Stefano Baia Curioni ha proclamato la città di Procida (foto) Capitale italiana della Cultura per il 2022. All’annuncio dato dal ministro Dario Franceschini, sull’isola si è scatenato un tifo da stadio.

I complimenti della commissione, al termine della cerimonia d’assegnazione, sono andati tutti al sindaco Raimondo Ambrosino e al suo staff. La motivazione ha premiato la congiunzione tra il valore del progetto, la sostenibilità economica e le sue ricadute socio culturali. «Siamo strafelici – ha esultato fra le lacrime il sindaco Ambrosino – è un’opportunità storica per noi, per tutte le isole e per l’Italia meno in luce».

Delusione per la città di Ancona, anche se mascherata da ottimismo. La città dorica non ce l’ha fatta a convincere i membri della commissione con il suo progetto incentrato tra l’altro sulla cultura dell’Altro, sull’intenzione di far diventare ordinario lo straordinario, come aveva spiegato l’assessore Paolo Marasca in sede di audizione con il MiBACT.

«È stata appena proclamata la Capitale italiana della cultura 2022. La scelta è caduta su Procida. Mi complimento con il collega sindaco e la comunità dell’isola – il commento ufficiale del sindaco Valeria MancinelliSiamo fieri delle parole del presidente della commissione che ha valutato i progetti e ne ha sottolineato il valore, non solo nazionale ma anche europeo. Siamo anche felici di come è stata motivata la scelta della capitale perché la linea su cui si è mossa Procida e il messaggio che ha voluto lanciare hanno molte affinità con il nostro. Dunque siamo sulla strada giusta. Come ho più volte ribadito il nostro progetto, popolare, di crescita e di sviluppo, va avanti. E lo realizzeremo insieme».

Dunque, nonostante i suoi 2400 anni di storia ed un progetto ampio e variegato, Ancona non ce l’ha fatta. Bocciata per il secondo anno consecutivo dopo il primo tentativo del 2020. A batterla è stata Procida, una cittadina di poco più di 10mila abitanti che si affaccia sul mare del Golfo di Napoli, resa famosa a livello internazionale da Massimo Troisi che qui ha girato molte scene del film Il Postino.

Ancona e Procida, due città bagnate dal mare. 100mila abitanti contro 10mila. Con tutta probabilità, le acque del Golfo di Ancona sono diverse da quelle del Golfo di Napoli. Nonostante la delusione per un’opportunità mancata di crescita importante sul piano socio-culturale e turistico, dal capoluogo delle Marche un in bocca al lupo sincero a Procida: sull’isoletta il 2022 sarà un anno fantastico!

© riproduzione riservata


link dell'articolo

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi