Camerano – Chiude la ditta Sandro Baldini: licenziati tutti i 15 dipendenti

Autostrade per l’Italia limita il tonnellaggio sul ponte che collega la ditta con la Direttissima del Conero, impedendo di fatto il transito ai mezzi pesanti dell’azienda. Presidio di protesta sul ponte da parte dei licenziati

Camerano – La Sandro Baldini è un’azienda che da quasi cinquant’anni si occupa di autotrasporti, scavi e sbancamenti. Si occupa anche di trasporti macerie, laterizi e affini. È la ditta, tanto per fare un esempio, che si è occupata del rifacimento del fondo stradale di Viale della Vittoria in Ancona. E sempre la Baldini si sarebbe dovuta occupare della ricostruzione della nuova scuola a San Ginesio. Oggi.

Si sarebbe dovuta occupare, abbiamo scritto, perché non lo potrà fare.

Sullo sfondo, l'area occupata dalla ditta Baldini al di là dell'A14
Sullo sfondo, l’area occupata dalla ditta Baldini al di là dell’A14

La ditta di Sandro Baldini ha sede lungo la strada Direttissima del Conero – al di là dell’autostrada – a circa 200 metri dal ponte crollato sulla A14 il 9 marzo scorso. E la causa dei sui problemi è dovuta proprio a un ponte. Un altro ponte, quello che permette ai suoi mezzi pesanti di entrare ed uscire dall’azienda. L’unica via esistente e percorribile che collega la sede con la Direttissima del Conero, scavalcando l’autostrada.

Un ponte che i suoi camion non possono più attraversare.

Autostrade per l’Italia, con una decisione univoca e senza preavviso, ha deciso di abbassare il tonnellaggio del ponte a 12 tonnellate. Quando un camion della Baldini, a vuoto, pesa circa 14 tonnellate. Un ponte collaudato a suo tempo per sopportare passaggi fino a 72 tonnellate.

Il geometra della Baldini, Simone Paoletti
Il geometra della Baldini, Simone Paoletti, si è fatto portavoce della protesta di tutti i dipendenti licenziati

«È iniziato tutto a novembre – racconta Simone Paoletti, geometra della ditta Baldini – quando Autostrade ha installato il cartello delle 12 tonnellate. Siamo andati subito in difficoltà perché a quel punto i nostri fornitori non potevano più passare sul ponte. Non ci portavano più il cemento, né gli inerti. Costringendoci, di fatto, a limitare parecchio le nostre lavorazioni».

Il cartello posizionato da Autostrade per l'Italia  all'ingresso del ponte che vieta il transito ai mezzi con peso superiore alle 12 tonnellate
Il cartello posizionato da Autostrade per l’Italia all’ingresso del ponte che vieta il transito ai mezzi con peso superiore alle 12 tonnellate

Per Paoletti, però, quel ponte non aveva nessun problema. «Fino a qualche settimana prima della posa del cartello – spiega – i camion della Pavimental e di Autostrade lo hanno attraversato centinaia di volte carichi di fresato proveniente dalla terza corsia in costruzione, con pesi per ogni mezzo intorno alle 50/55 tonnellate».

E arriviamo a giovedì 13 aprile quando, in mattinata, Autostrade arriva sul ponte accompagnata dai carabinieri di Camerano e fa posizionare delle barriere jersey in cemento di traverso sulla carreggiata all’imbocco del ponte, in modo da permettere il passaggio solo alle auto. L’avvocato della Baldini intima ad Autostrade la rimozione delle barriere entro le 7 del giorno successivo, venerdì, perché posizionate in modo abusivo sull’area privata dell’azienda.

Una delle due barriere jersey in cemento armato posizione all'ingresso del ponte e che, di fatto, impediscono il transito agli autocarri e ai mezzi pesanti
Una delle due barriere jersey in cemento armato posizione all’ingresso del ponte da Autostrade e che, di fatto, impediscono il transito agli autocarri e ai mezzi pesanti

«Alle 7.30 di venerdì 14 aprile – racconta Paoletti – le barriere erano ancora al loro posto, così le abbiamo rimosse e portate in un nostro cantiere vicino all’azienda. Lo stesso giorno, nel pomeriggio, la Polstrada di Ancona ha fatto irruzione all’interno dei nostri uffici e ha denunciato il nostro titolare per furto aggravato.  Alle 21.30 circa di sera, Autostrade è tornata sul ponte e ha riposizionato nuove barriere jersey in cemento».

Il tutto, parrebbe, senza nessuna spiegazione, senza esibire neppure uno straccio di autorizzazione che, ovviamente, la Baldini ha richiesto senza però ottenere la benché minima considerazione.

«In pratica – conclude il geometra Paoletti – fra venerdì 14 e sabato 15 abbiamo vissuto la passione della Baldini che- di fatto – si è vista chiudere l’unica via di sbocco dell’attività e, per giunta, su una strada privata di nostra proprietà. Il mio titolare Sandro, seduto per terra, mentre piangeva mi ha detto: “Simone, la ditta è chiusa!”

Il testo di una delle 15 lettere di licenziamento che Sandro Baldini è stato costretto a firmare
Il testo di una delle 15 lettere di licenziamento che Sandro Baldini è stato costretto a firmare

Datate sabato 15 aprile, Sandro Baldini ha firmato e consegnato ai propri dipendenti 15 lettere di licenziamento “per giustificato motivo senza preavviso”. Di conseguenza, è iniziato il presidio di protesta all’imbocco del ponte da parte di tutti i dipendenti licenziati. Il geometra Simone Paoletti è il loro portavoce ed è arrabbiato, molto arrabbiato per usare un eufemismo. «Ho due figli – si sfoga alzando la voce, nonostante sia quasi afono a forza di gridare – di 6 e 8 anni, ieri erano qui con noi e piangevano. In settimana avremmo dovuto iniziare ad aprire due nuovi cantieri, invece siamo qui ad aspettare che qualcuno si degni di farsi vivo, dal sindaco di Camerano al Questore».

Gli striscioni di protesta e uno dei gazebo che ospitano gli operai licenziati , in presidio permanente del ponte
Gli striscioni di protesta e uno dei gazebo che ospitano gli operai licenziati, in presidio permanente del ponte

Chiamata in causa, il sindaco di Camerano Annalisa Del Bello si è detta solidale con la protesta degli operai licenziati: «Questa mattina (mercoledì 19 aprile, ndr), sono andata da loro – ci ha detto – e ho manifestato loro il mio sostegno. Il 4 gennaio scorso, come amministrazione abbiamo contattato Autostrade affinchè risolvesse la questione, offrendo i locali del Comune come luogo di mediazione, perorando le ragioni della Baldini. Non ci hanno risposto».

Annalisa Del Bello, sindaco di Camerano da 100 giorni, intervistata dal nostro direttore Paolo Fileni
Annalisa Del Bello, sindaco di Camerano, durante un’intervista rilasciata al nostro giornale

La prima cittadina di Camerano non si spiega l’atteggiamento di Autostrade. «Può avere tutte le sue giustificazioni – afferma – ma non si può saltare sui destini delle persone in questo modo. Sto andando in prefettura per capire come poter affrontare la questione: a Camerano c’è un altro ponte a rischio, quello che porta al depuratore, voglio capire cosa intendono fare, sia per quello di Baldini sia per quello del depuratore».

La posizione di Autostrade       

Il giornale ha provato a interpellare la direzione di Pescara di Autostrade per l’Italia. Siamo stati dirottati al loro ufficio stampa di Roma. Abbiamo posto loro le seguenti domande:

  • per quale motivo Autostrade per l’Italia ha deciso di interdire il passaggio dei mezzi pesanti al di sopra delle 12 tonnellate sul ponte in questione?
  • esisterebbero problematiche accertate se si dovesse permettere il passaggio a mezzi di tonnellaggio superiore a 12?
  • nei mesi passati, Autostrade per l’Italia o Pavimental, hanno usufruito di quel ponte per trasportare materiali con mezzi di tonnellaggio superiore ai 12? Ci riferiamo al periodo interessato alla costruzione della terza corsia.
  • nei giorni scorsi, quando è stato deciso l’abbassamento del tonnellaggio, Autostrade ha avvisato la ditta Baldini che ciò sarebbe avvenuto?
  • sul ponte interessato, Autostrade (o chi per essa), ha provveduto a regolare manutenzione dell’opera?
  • è interesse e/o intenzione di Autostrade procedere ad una eventuale prova di carico del ponte in questione con l’intento di aumentare il possibile tonnellaggio di percorrenza dello stesso da parte dei mezzi pesanti?
  • Autostrade è consapevole che l’abbassamento del tonnellaggio a 12 ha, di fatto, obbligato la ditta Baldini a chiudere l’attività e a licenziare i suoi 15 dipendenti?
  •  Autostrade ha qualcosa da dire ai 15 dipendenti Baldini che – di conseguenza all’abbassamento del tonnellaggio di percorrenza del ponte, hanno ricevuto la lettera di licenziamento e che da giorni stazionano all’imbocco dello stesso con un presidio di protesta?
  • sull’argomento, Autostrade, ha qualcosa da aggiungere a quanto espresso fin qui?

 

Il presidio permanente degli operai licenziati, le due barriere jersey e l'imbocco del ponte
Il presidio permanente degli operai licenziati, le due barriere jersey e l’imbocco del ponte

Ovviamente, Autostrade non ha risposto alle nostre domande, o meglio, lo ha fatto a modo suo non entrando nel merito delle singole questioni da noi poste e limitandosi ad inviare al giornale la seguente nota:

La 7^ Direzione di  Tronco di Autostrade per l’Italia precisa che: il cavalcavia 166 che passa sopra la A14 non ha alcun problema di manutenzione ed è costantemente monitorato e conservato in condizioni di piena efficienza statica.

Il cavalcavia in questione è stato costruito e collaudato negli anni ’70. In fase di progettazione sono stati considerati carichi inferiori rispetto ai valori ammessi per la libera circolazione dal Codice della Strada e a quelli degli autocarri utilizzati dalla società Sandro Baldini, Conero Frantumazioni.

Già nel 2014 la Direzione di Tronco aveva sollecitato sia il Comune di Camerano sia il signor Baldini – proprietario della strada privata che passa sopra il cavalcavia in questione – a disciplinare i transiti sull’opera nel rispetto ai limiti di portata.

Al fine di scongiurare un potenziale pericolo per la circolazione autostradale, la Direzione 7° Tronco aveva provveduto a installare un cartello di divieto, più volte violato, poi aveva richiesto l’intervento delle autorità competenti, in seguito era intervenuta in via provvisoria con limitazioni funzionali per impedire esclusivamente il transito dei mezzi per i quali era già vigente il divieto di transito”.

Questo è quanto. Neppure un cenno ai 15 dipendenti rimasti senza lavoro di conseguenza all’imposizione di quella limitazione sul tonnellaggio in transito sul ponte. Che, va ribadito, fino a pochi mesi fa veniva ampiamente superata anche dai mezzi della stessa Autostrade e della Pavimental ad essa collegata.


Pane Burro & Marmellata

Una striscia quotidiana di riflessione

di Paolo Fileni

Quel tocco di rossetto che spaventò l’Italia

77 anni fa le donne conquistavano il diritto al voto


Camerano, 01 febbraio 2023 – In questo mese, 77 anni fa, esattamente il 23 febbraio 1946, la Consulta Nazionale approvava il decreto legislativo che dava alle donne, per la prima volta in Italia, il diritto di votare e quello di essere elette. Diritto che le stesse poterono esercitare, sempre nel 1946, quando vennero chiamate al voto alle prime elezioni amministrative del dopoguerra.

Non si pensi che raggiungere questo diritto sia stato facile per le donne, la loro battaglia per il diritto al voto (suffragio universale), risale addirittura al 1861, l’anno dell’Unità d’Italia. E una volta acquisito, quel diritto, non è che la società tutta l’accolse con favore: occorreva un cambio di mentalità che s’era radicato negli uomini per centinaia d’anni.

Basti ricordare, come segno della disabitudine al voto femminile, quel che pubblicò il Corriere della Sera nell’edizione del 2 giugno 1946 commentando la partecipazione delle donne all’elezione dei deputati dell’Assemblea costituente e del Referendum istituzionale Monarchia-Repubblica, nell’articolo intitolato “Senza rossetto nella cabina elettorale” con il quale invitava le donne a presentarsi presso il seggio senza rossetto sulle labbra.

La motivazione era spiegata così: “Siccome la scheda deve essere incollata e non deve avere alcun segno di riconoscimento, le donne nell’umettare con le labbra il lembo da incollare potrebbero, senza volerlo, lasciarvi un po’ di rossetto e in questo caso rendere nullo il loro voto. Dunque, il rossetto lo si porti con sé, per ravvivare le labbra fuori dal seggio“.

Sì, oggi tutto ciò suona parecchio stonato anche perché, come facevi a capire a chi apparteneva quella macchia di rossetto? O che il colore del pigmento si poteva associare a questo o a quello schieramento? Oggi le schede elettorali per fortuna si piegano.

Sono passati 77 anni dal raggiungimento del diritto di voto per le donne. Molte, nel corso degli anni, sono state elette in Parlamento nelle due Camere, poche, pochissime, assise nella poltrona del presidente di questo o quel ramo, sfondando quel “tetto di cristallo” appannaggio riservato agli uomini per tanto, troppo tempo.

Ricordando l’attuale presidente del Consiglio Giorgia Meloni, la prima donna in questo ruolo nella storia d’Italia capace di sfondare quel tetto – e che le ha citate nel suo discorso d’insediamento, vorrei ricordarne alcune di queste eroine: Rosalie Montmasson, testarda al punto da partire con i Mille che fecero l’Italia; Alfonsina Strada, prima donna a competere nel ciclismo in gare maschili.

Eroine nella Cultura come Maria Montessori o Grazia Deledda premio Nobel per la Letteratura. Eroine nella Politica dei giorni nostri: Tina Anselmi, Nilde Jotti, Rita Levi Montalcini; e ancora, Oriana Fallaci enorme firma del giornalismo, Samantha Cristoforetti astronauta.

Chissà cosa sarebbe successo all’Italia e alle italiane se, 77 anni fa, quel diritto al voto fosse stato loro negato. Non credo granché, dal momento che do per scontato che comunque a quel diritto sarebbero arrivate. Semplicemente perché era scritto nelle stelle, e solo l’ottusità, il maschilismo e la paura della perdita di potere dell’uomo, l’ha ritardato nell’evoluzione sociale italiana.

Di una cosa però sono convinto: laddove le donne hanno primeggiato, sfondando quel tetto di cristallo, il mondo che hanno governato e le società che hanno gestito sono migliorate parecchio, colorandosi di quel tocco di rosso tanto vituperato nel 1946: un tocco di rossetto!

© riproduzione riservata


link dell'articolo