Argomenti per categorie

Ancona – Sciopero alla clinica privata Villa Adria, adesione al 90%

Cgil e Cisl: “stipendi ridotto fino al 18% con tagli fino a 400 euro mensili”

Ancona, 3 novembre 2022 – L’ulteriore sciopero di oggi presso la casa di cura privata Villa Adria di Ancona, indetto da Fp Cgil e Cisl Fp, ha registrato un’adesione delle maestranze pari al 90%.

Ancona – Sciopero delle maestranze a Villa Adria (foto d’archivio riferita allo sciopero del 14 ottobre scorso)

Il caso di Villa Adria è il più eclatante nelle Marche, quello cioè di una struttura ospedaliera privata che applica un contratto di lavoro tra i peggiori del settore. Il salario dei lavoratori, infatti, è decurtato di circa 400 euro rispetto a quello di un sanitario ospedaliero.

«Una situazione – come denunciano Cgil e Cisl- che si trascina da molti mesi. La Regione Marche ha riconosciuto negli anni tariffe e budget per prestazioni ospedaliere intensive, mentre l’azienda ha corrisposto e continua a corrispondere retribuzioni per prestazioni extraospedaliere estensive e cioè più basse rispetto a quelle dovute per l’attività prestata».

Ancona – La casa di cura privata Villa Adria

In altre parole, nello specifico: «Mentre, negli ultimi anni, il budget e le tariffe riconosciute dalla Regione Marche per Villa Adria sono rimasti sostanzialmente invariati, gli stipendi si sono ridotti fino al 18% in meno. Questi dati evidenziano ancora di più l’ingiustizia di un contratto scorretto e peggiorativo e la necessità di riconoscere le giuste retribuzioni e le adeguate condizioni di lavoro».

 

redazionale

© riproduzione riservata

 

Tags: