Meritato successo della Mostra della Radio al Centro Civico “Due sorelle”

Angelo Olivieri -curatore della Mostra - ci accompagna nel magico mondo degli esperimenti radiotecnici. Un mondo fantastico con sede permanente a Sirolo che da anni affascina turisti e visitatori

È stato un successo anche quest’estate la consueta mostra di esperimenti radiotecnici curata da Angelo Olivieri presso il Centro civico “Due sorelle” di Sirolo.

Fantastico, complimenti!”; “Dopo 40 anni che vengo in vacanza a Sirolo, finalmente qualcosa di interessante!”; “W la scienza!!!!” Queste sono solo alcune delle recensioni scritte dai visitatori sul libro dei commenti, a testimonianza dell’alto indice di apprezzamento da parte di sirolesi e turisti che ogni sera, durante l’estate, entrano a visionare gli esperimenti, ad ascoltare le storie e gli aneddoti raccontati da un vero amante della radiotecnica.

Angelo Olivieri, ricercatore e curatore della Mostra della Radio di Sirolo, si è diplomato presso il prestigioso Istituto Tecnico Industriale Montani di Fermo e ha lavorato per anni come agente di commercio di componenti elettrici ed elettronici per numerose aziende.

Originario di San Ginesio (MC), ha vissuto in Centro Italia, al Nord e infine nel 1973 si è stabilito con la sua famiglia a Sirolo.

La Mostra ripercorre le tappe della storia della radio e presenta alcuni dei maggiori esperimenti realizzati attorno alla fine del 1800, quando il mondo iniziava a conoscere per la prima volta l’elettricità e la potenzialità delle onde elettromagnetiche.

Olivieri illustra ai visitatori della Mostra il funzionamento del telegrafo senza fili
Olivieri illustra ai visitatori della Mostra il funzionamento del telegrafo senza fili

Alla mostra sono presenti le apparecchiature più insolite, da bussole fatte in casa a motori magnetici ed elettrici primordiali. Dal misuratore dell’energia prodotta da proprio corpo, al Coherer – invenzione del marchigiano Temistocle Calzecchi Onesti di Lapedona in quel di Fermo -. Per passare alla riproduzione del telegrafo senza fili di Marconi, all’oscillofono, alla radio a diodi, al generatore di Van Der Graff, al trasformatore ad altissima tensione e frequenza di Tesla che riesce ad accendere le lampade al neon a distanza. Per poi finire, novità del 2016, con la macchina di Wimshurst.

Tutte le macchine e i marchingegni esposti sono stati realizzati dallo stesso Olivieri. Lo abbiamo incontrato al Centro civico per capire meglio la sua passione e per ascoltare dalla sua voce la storia della mostra.

Olivieri, da dove nasce questo suo interesse?
In parte dagli studi intrapresi da ragazzo, ma molto per mia curiosità personale. Leggevo e mi informavo continuamente sulle apparecchiature e sugli esperimenti di elettrotecnica e magnetismo della fine del 1800. Devo molto alla mia manualità, che mi ha aiutato a realizzare negli anni tanti esperimenti, perché non basta solo leggere e informarsi, la soddisfazione più grande è mettere in pratica e far funzionare il tutto!

Com’è nata l’idea della Mostra della Radio a Sirolo?
Ho frequentato per tanti anni fiere di elettronica e mostre di settore, così ho pensato di fare anche a Sirolo un’esposizione con gli esperimenti realizzati nella soffitta di casa mia.
Ho organizzato la mia prima mostra 15 anni fa al Circolo culturale in piazza di fronte alla chiesa, poi nei locali messi a disposizione dalla Parrocchia e infine da circa 10 anni siamo qui al Centro civico “Due sorelle” di Sirolo.

I suoi occhi si illuminano quando spiega il funzionamento del telegrafo senza fili. Qual è il suo ricercatore preferito?
Sicuramente Guglielmo Marconi, perché è stato un inventore con tre qualità fondamentali: intelligenza, intuito e padronanza dell’inglese, grazie a sua madre che era irlandese. Non aveva nessun titolo accademico e aveva frequentato solo la scuola elementare, ma nel 1909 Marconi ricevette il premio Nobel per la fisica! Quelle tre caratteristiche gli permisero di realizzare invenzioni ed esperimenti che, evoluti nel tempo, portarono allo sviluppo dei più moderni sistemi di radio-comunicazione, dalla radio alla tv, fino agli attuali smartphone. È cominciato tutto da lì, da quel telegrafo senza fili!

Il curatore alle prese con il Coherer, il dispositivo utilizzato da Marconi per realizzare il telegrafo senza fili
Il curatore alle prese con il Coherer, il dispositivo utilizzato da Marconi per realizzare il telegrafo senza fili

Alla mostra è un continuo via vai di curiosi e Angelo Olivieri si appassiona ad illustrare le proprie apparecchiature ai visitatori, ama il confronto con gli esperti e si diverte a far domande a trabocchetto a tecnici, periti o giovani studenti di ingegneria.

Occhi fieri e curiosi, Olivieri sta già pensando al prossimo esperimento, il generatore di Hertz, che sarà la novità della Mostra della prossima estate.


Lascia un commento

Pane Burro & Marmellata

Una striscia quotidiana di riflessione

di Paolo Fileni

Procida Capitale Cultura 2022, Ancona non ce l’ha fatta!

Il sindaco Valeria Mancinelli: “il nostro progetto, popolare, di crescita e di sviluppo, va avanti”


Ancona, 18 gennaio 2021 – Nella mattinata odierna la commissione del MiBACT presieduta da Stefano Baia Curioni ha proclamato la città di Procida (foto) Capitale italiana della Cultura per il 2022. All’annuncio dato dal ministro Dario Franceschini, sull’isola si è scatenato un tifo da stadio.

I complimenti della commissione, al termine della cerimonia d’assegnazione, sono andati tutti al sindaco Raimondo Ambrosino e al suo staff. La motivazione ha premiato la congiunzione tra il valore del progetto, la sostenibilità economica e le sue ricadute socio culturali. «Siamo strafelici – ha esultato fra le lacrime il sindaco Ambrosino – è un’opportunità storica per noi, per tutte le isole e per l’Italia meno in luce».

Delusione per la città di Ancona, anche se mascherata da ottimismo. La città dorica non ce l’ha fatta a convincere i membri della commissione con il suo progetto incentrato tra l’altro sulla cultura dell’Altro, sull’intenzione di far diventare ordinario lo straordinario, come aveva spiegato l’assessore Paolo Marasca in sede di audizione con il MiBACT.

«È stata appena proclamata la Capitale italiana della cultura 2022. La scelta è caduta su Procida. Mi complimento con il collega sindaco e la comunità dell’isola – il commento ufficiale del sindaco Valeria MancinelliSiamo fieri delle parole del presidente della commissione che ha valutato i progetti e ne ha sottolineato il valore, non solo nazionale ma anche europeo. Siamo anche felici di come è stata motivata la scelta della capitale perché la linea su cui si è mossa Procida e il messaggio che ha voluto lanciare hanno molte affinità con il nostro. Dunque siamo sulla strada giusta. Come ho più volte ribadito il nostro progetto, popolare, di crescita e di sviluppo, va avanti. E lo realizzeremo insieme».

Dunque, nonostante i suoi 2400 anni di storia ed un progetto ampio e variegato, Ancona non ce l’ha fatta. Bocciata per il secondo anno consecutivo dopo il primo tentativo del 2020. A batterla è stata Procida, una cittadina di poco più di 10mila abitanti che si affaccia sul mare del Golfo di Napoli, resa famosa a livello internazionale da Massimo Troisi che qui ha girato molte scene del film Il Postino.

Ancona e Procida, due città bagnate dal mare. 100mila abitanti contro 10mila. Con tutta probabilità, le acque del Golfo di Ancona sono diverse da quelle del Golfo di Napoli. Nonostante la delusione per un’opportunità mancata di crescita importante sul piano socio-culturale e turistico, dal capoluogo delle Marche un in bocca al lupo sincero a Procida: sull’isoletta il 2022 sarà un anno fantastico!

© riproduzione riservata


link dell'articolo

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi