Tutto pronto per la festa di Cristo Re a Numana

Il paese si prepara a festeggiare il crocefisso con iniziative per grandi e bambini

NUMANA. Fervono i preparativi per la festa di Cristo Re che si svolge come da tradizione l’ultima domenica di ottobre e che coinvolge l’intera comunità per mantenere viva la tradizione e la devozione del suo crocifisso miracoloso.

Primo piano del crocefisso
Primo piano del crocefisso miracoloso di Numana

Il programma religioso prevede la tradizionale via crucis di venerdì sera che, partendo dal porto per arrivare al santuario, interesserà la zona di Numana bassa, mentre quella delle 17 di domenica con il crocefisso passerà per il centro storico.

Il programma civile prevede due giorni di iniziative per grandi e piccoli.

Si inizia sabato alle 15 con la grande caccia al tesoro per bambini e ragazzi con Nutella party finale.

Alle 21.15 in chiesa è in programma la rassegna di corali polifoniche: la corale Cristo Re di Numana, quella di San Francesco d’Assisi di Jesi e il coro Andrea Grilli di Sirolo.

Le esibizioni saranno intervallate da letture inerenti la storia del crocifisso di Numana.

La corale Cristo Re
La corale Cristo Re

La corale di Numana spazierà il suo repertorio da “What a wonderful world” interpretata da Louis Armstrong, a “The prayer” Celine Dion e Andrea Bocelli, passando per “Fly me to the moon” di Frank Sinatra fino ad un brano della musica pop, “Fix you” della band inglese Coldplay. Mentre il brano conclusivo della rassegna sarà l’ “Ave verum corpus” di Mozart eseguito collettivamente dalle tre corali.

La giornata di domenica inizierà alle 9 con la passeggiata ecologica e con l’apertura della pesca di beneficenza nei locali dell’oratorio alle 10.30.

Il pomeriggio in piazza saranno presenti animazione e giochi, la ruota della fortuna con i ragazzi dell’Atletico Numana e lo show di Andrea Polverini.

Estrazione della tombola con 1.600 euro di montepremi alle 19.45 e degustazione di prodotti tipici in attesa del tradizionale spettacolo pirotecnico, che chiuderà i festeggiamenti in onore del crocefisso conservato all’interno della chiesa nella piazza centrale di Numana.

La Chiesa del SS Crocefisso illuminata per la festa
La Chiesa del SS Crocefisso illuminata per la festa

Molto vicino allo stile bizantino da cui riprende l’iconografia del Christus trimphans, il Cristo di Numana ha infatti occhi aperti, viso alto, nessuna espressione emotiva, braccia e gambe rilassate e piedi scrociati.

Una figura quasi surreale evidenziata dal fenomeno ottico, molto diffuso in scultura e disegno, per il quale lo sguardo del Cristo sembra seguire l’osservatore in qualsiasi punto della chiesa.

Storia e leggenda

I racconti sul crocefisso si perdono tra leggenda e fede, per cui è difficile risalire alla sua vera storia.

La leggenda vuole che fu ritrovato sepolto in spiaggia alla fine del 1200 in seguito al maremoto dell’846 d.c. che fece franare parte del borgo antico del paese dove si trovava la chiesa che lo conservava.

La tradizione più diffusa sulle sue origini è quella di uno scritto del XII secolo, secondo il quale san Luca evangelista e Nicodemo, dopo aver tolto il corpo di Gesù dalla croce, lo scolpirono su legno di cedro in Palestina e che venne trasferito qualche decennio dopo a Beirut dove venne oltraggiato e colpito con lame e lance.

Secoli dopo il crocefisso iniziò a sanguinare e il sangue venne raccolto in alcune ampolle ancora oggi conservate a Venezia, Mantova e all’interno del crocifisso stesso.

Durante il nono secolo Carlo Magno decise di donarlo a papa Leone III, ma di ritorno dalla Terra santa durante la traversata in mare, l’imperatore fu colto da una furiosa tempesta e fu costretto ad approdare a Numana e a lasciare il crocefisso al paese.

Per alcuni secoli scomparve per poi essere ritrovato in spiaggia dai pescatori e portato nella chiesa a Numana. Con la decadenza del paese, pellegrini e reliquia trovavano ospitalità nel vicino castello di Sirolo.

Da qui il detto: “Chi va a Loreto e non va a Sirolo, vede la madre e non vede il figliolo”.

Col tempo il crocefisso tornò a Numana e i numanesi, per rivalsa, continuano a replicare che i sirolesi si sono venduti il crocefisso per una “magnata de stuccafissu”.

In ogni caso quello di Numana è un crocefisso molto particolare e come ogni anno tutta la comunità si prepara con fermento a una delle feste più sentite del paese.


Lascia un commento

Pane Burro & Marmellata

Una striscia quotidiana di riflessione

di Paolo Fileni

Crisi di Governo e disobbedienza dei ristoranti

Venerdì 15 gennaio migliaia di locali in mezza Italia rialzano le saracinesche


Camerano – 14 gennaio 2021 – Devo smentire me stesso. Due giorni fa, da questo stesso spazio, avevo scritto: “Il Governo Conte 2 sta per crollare sotto la mannaia renziana di un’Italia Viva che con due Ministre e una insignificante manciata di voti si permette il lusso di volerne decidere le sorti. Probabilmente è un bluff, alla fine Renzi dimostrerà di non avere le palle per andare fino in fondo. Incasserà il massimo possibile e troverà le giuste scuse per lasciare le Ministre dove stanno. Ovviamente, il tutto all’insegna del bene dell’Italia e degli italiani” (Corriere del Conero, Il caos agitato della pandemia, 12 gennaio 2021)

I fatti, dopo 48 ore, hanno dimostrato che mi sbagliavo: Matteo Renzi, ieri, (foto) ha ritirato le due Ministre di Italia Viva aprendo, di fatto, la crisi di governo e sfidando apertamente il premier Giuseppe Conte alle uniche due alternative possibili: dimettersi o andare in Parlamento a cercare i numeri per una maggioranza che, allo stato attuale, non esiste. Ma in politica, specialmente in Italia, mai dire mai: troppi salti del grillo e della quaglia, troppi passi all’indietro a mo’ dei gamberi.

Dunque, smentendomi piacevolmente, Matteo Renzi le palle ha dimostrato d’averle, eccome! Ma pure tanto coraggio che, in questo tempo di pandemia, per il PD e i 5 Stelle viene considerato pazzia pura: “Con il Paese in grave difficoltà per via del Covid, le terapie intensive affollate, i contagi che continuano a crescere, i ristori da designare, la campagna vaccinale appena partita da gestire, aprire una crisi di governo è pura follia”, è il loro mantra.

Ha ragione Renzi, o hanno ragione loro? A guardarla dall’esterno, avrebbero ragione entrambi. Renzi, perché quel che chiede, e non stiamo qui a ribadirlo, è sacrosanto, concreto e rispondente al vero; PD e 5 Stelle perché, per come è messo il Paese in questa fase, non si può perdere tempo in litigi politici e partitici quando invece andrebbe speso tutto nel gestire e risolvere i problemi pandemici a livello sociale, sanitario, economico, lavorativo.

Certo è che il quadro, nel suo insieme, al momento è un miscuglio di colori indecifrabili e il titolo del mio editoriale di due giorni fa: “il caos agitato della pandemia”, lo descrive benissimo. Il presidente Mattarella ha fretta di risolvere la crisi, profondamente consapevole dei guasti che produrrebbe al Paese se dovesse prolungarsi oltre misura. Renzi, viaggia a muso duro e in punta di unghie sul filo della lama di un rasoio: potrebbe incassare parecchio o sparire del tutto. Il centrodestra non fa sconti e vorrebbe subito elezioni anticipate. Il Premier, dopo aver accentrato ogni decisione e alzato muri intorno a sé, o riesce nella magia di mettere in piedi un Conte ter o dovrà rimettere il mandato nelle mani di Mattarella.

Tutto questo mentre il Paese, esausto, sfinito, sfiduciato e impaurito, non ne può più. E arrivano le prime ribellioni serie. Domani, venerdì 15, nelle Marche, in Toscana, in Emilia Romagna, migliaia di ristoratori hanno deciso per la disobbedienza totale ai Dpcm contiani e, costi-quel-che-costi-ormai-chi-se-ne-frega, rialzeranno le saracinesche dei loro locali senza più limiti d’orario. Pur rispettando tutte le direttive su distanziamento, sanificazione, mascherine e via dicendo. Mentre i politici a Roma litigano, gli italiani dell’Italia reale e in sofferenza reagiscono come possono e si ribellano. Non per salvarsi la poltrona, ma per salvarsi la vita.

© riproduzione riservata

 


link dell'articolo

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi