Milano – Lavoro: ci salveranno i videogiochi

Cresce l’industria della creatività, lo dice uno studio presentato in settimana

Milano – I videogiochi portano occupazione e la musica, quella on line, più fatturato. Il primo settore registra un +7,8% in occupazione; mentre il secondo mette in tabella un tondo + 10%. In estrema sintesi, è la fotografia dell’industria della cultura e della creatività. Se ne è discusso in settimana  alla presentazione della seconda edizione di “Italia creativa”.

Cresce l'industria della creatività
Cresce l’industria della creatività, sia in occupazione sia in fatturato

Nel complesso, il valore economico del comparto è di 47,9 miliardi di euro, ossia il 2,96% del Pil. La crescita rispetto all’anno precedente è del 2,4%. In termini di occupazione l’industria creativa è il terzo settore in Italia, dopo l’edile e quello della ristorazione. Negli ultimi anni, ha superato anche energia, automotive e alimentare.

Oltre ai videogiochi e alla musica, il comparto spazia dalla pubblicità all’audiovisivo; dai musei all’editoria. Quest’ultimo spicchio è l’unico che cala, con un meno 8% alla voce quotidiani e periodici.

Un settore trainante quello dei videogiochi
Un settore trainante quello dei videogiochi

Secondo le stime di Ernest & Young, che ha condotto lo studio, il comparto ha un potenziale molto superiore. Quei quasi 48 miliardi di euro potrebbero diventare 72, se riuscirà a vincere le grandi sfide e le minacce. Prima fra tutte quella della pirateria.

Si stima che la pirateria generi mancati introiti pari a un valore compreso tra i 4,6 e gli 8,1 miliardi di euro. All’interno di questo ampio range, il valore più elevato appare il più probabile, essendo più vicino allo scenario tecnologico attuale, in cui lo streaming e il download diretto sono prevalenti, rispetto alle modalità di scambio peer-to-peer.

pirateria

Una seconda minaccia è quella generata dal value gap. Sarebbe la remunerazione iniqua derivante dal mancato riconoscimento di una parte consistente del valore generato da alcuni intermediari tecnici, attraverso le loro piattaforme, alla filiera creativa, ideatrice e generatrice dei contenuti messi a disposizione.

Per contrastare i fenomeni, viene suggerito di puntare a un miglior dialogo con le istituzioni; a favorire di più l’internalizzazione del settore e a migliorare la formazione degli operatori.


Pane Burro & Marmellata

Una striscia quotidiana di riflessione

di Paolo Fileni

Quel tocco di rossetto che spaventò l’Italia

77 anni fa le donne conquistavano il diritto al voto


Camerano, 01 febbraio 2023 – In questo mese, 77 anni fa, esattamente il 23 febbraio 1946, la Consulta Nazionale approvava il decreto legislativo che dava alle donne, per la prima volta in Italia, il diritto di votare e quello di essere elette. Diritto che le stesse poterono esercitare, sempre nel 1946, quando vennero chiamate al voto alle prime elezioni amministrative del dopoguerra.

Non si pensi che raggiungere questo diritto sia stato facile per le donne, la loro battaglia per il diritto al voto (suffragio universale), risale addirittura al 1861, l’anno dell’Unità d’Italia. E una volta acquisito, quel diritto, non è che la società tutta l’accolse con favore: occorreva un cambio di mentalità che s’era radicato negli uomini per centinaia d’anni.

Basti ricordare, come segno della disabitudine al voto femminile, quel che pubblicò il Corriere della Sera nell’edizione del 2 giugno 1946 commentando la partecipazione delle donne all’elezione dei deputati dell’Assemblea costituente e del Referendum istituzionale Monarchia-Repubblica, nell’articolo intitolato “Senza rossetto nella cabina elettorale” con il quale invitava le donne a presentarsi presso il seggio senza rossetto sulle labbra.

La motivazione era spiegata così: “Siccome la scheda deve essere incollata e non deve avere alcun segno di riconoscimento, le donne nell’umettare con le labbra il lembo da incollare potrebbero, senza volerlo, lasciarvi un po’ di rossetto e in questo caso rendere nullo il loro voto. Dunque, il rossetto lo si porti con sé, per ravvivare le labbra fuori dal seggio“.

Sì, oggi tutto ciò suona parecchio stonato anche perché, come facevi a capire a chi apparteneva quella macchia di rossetto? O che il colore del pigmento si poteva associare a questo o a quello schieramento? Oggi le schede elettorali per fortuna si piegano.

Sono passati 77 anni dal raggiungimento del diritto di voto per le donne. Molte, nel corso degli anni, sono state elette in Parlamento nelle due Camere, poche, pochissime, assise nella poltrona del presidente di questo o quel ramo, sfondando quel “tetto di cristallo” appannaggio riservato agli uomini per tanto, troppo tempo.

Ricordando l’attuale presidente del Consiglio Giorgia Meloni, la prima donna in questo ruolo nella storia d’Italia capace di sfondare quel tetto – e che le ha citate nel suo discorso d’insediamento, vorrei ricordarne alcune di queste eroine: Rosalie Montmasson, testarda al punto da partire con i Mille che fecero l’Italia; Alfonsina Strada, prima donna a competere nel ciclismo in gare maschili.

Eroine nella Cultura come Maria Montessori o Grazia Deledda premio Nobel per la Letteratura. Eroine nella Politica dei giorni nostri: Tina Anselmi, Nilde Jotti, Rita Levi Montalcini; e ancora, Oriana Fallaci enorme firma del giornalismo, Samantha Cristoforetti astronauta.

Chissà cosa sarebbe successo all’Italia e alle italiane se, 77 anni fa, quel diritto al voto fosse stato loro negato. Non credo granché, dal momento che do per scontato che comunque a quel diritto sarebbero arrivate. Semplicemente perché era scritto nelle stelle, e solo l’ottusità, il maschilismo e la paura della perdita di potere dell’uomo, l’ha ritardato nell’evoluzione sociale italiana.

Di una cosa però sono convinto: laddove le donne hanno primeggiato, sfondando quel tetto di cristallo, il mondo che hanno governato e le società che hanno gestito sono migliorate parecchio, colorandosi di quel tocco di rosso tanto vituperato nel 1946: un tocco di rossetto!

© riproduzione riservata


link dell'articolo