I dieci articoli del Corriere del Conero più letti nel 2017

Una classifica su cui riflettere per capire i gusti dei lettori e, perché no, per rivivere certe emozioni…

Usi, costumi, interessi, cultura di chi abita alle pendici del Monte Conero. È possibile trarre certe conclusioni analizzando i contenuti degli articoli più letti che abbiamo pubblicato nel corso del 2017? Difficile dirlo. Di seguito, l’elenco dei primi 10 pezzi che più degli altri hanno colpito l’immaginario collettivo. A voi l’ardua sentenza.

Al primo posto un articolo divertente… (11 novembre)

 postoOffagna – Studente ubriaco scambia il carabiniere donna per la sua ex

Offagna – Questa mattina i militari della stazione locale dei carabinieri, a conclusione degli accertamenti di Polizia giudiziaria, hanno deferito in stato di libertà alla Procura della Repubblica per il reato di: “guida in stato di ebbrezza alcolica”, A.L. nato  e residente a Osimo, classe 1991, celibe, studente, incensurato. A.L., verso l’una e trenta della … Leggi

Il poliziotto, assistente capo, Domenico Di Michelangelo

Dalla tragedia dell’Hotel Rigopiano (31 gennaio)

2° posto – Ancona – …Ciao Domenico!

Ancona – Come si fa a dire addio a un uomo e a sua moglie, quando entrambi hanno lasciato questo mondo di conseguenza ad una disgrazia: una slavina maledetta piombata all’improvviso su un Hotel. Come si fa a dire addio a quell’uomo quando con lui hai condiviso, per anni, il quotidiano lavorativo: mucchi di ore … Leggi

L’arresto del pedofilo

Uno dei temi che ha coinvolto tantissimi genitori (8 febbraio)

3° posto – Loreto – Arrestato pedofilo reo confesso

Loreto – I militari della locale Stazione, a seguito di delicata attività investigativa sui cui c’è ancora il massimo riserbo, hanno dato esecuzione all’ordinanza dell’applicazione di misura cautelare emessa dal Tribunale di Ancona e hanno tratto in arresto, dopo averlo rintracciato presso la propria abitazione, l’insospettabile S.D.P., nato e residente a Loreto, classe 1971, coniugato, … Leggi

 

Marina, Domenico e il piccolo Samuel in una foto del 16 gennaio, due giorni prima della slavina che ha sommerso l’hotel

L’inizio della tragedia di Rigopiano (19 gennaio)

4° posto – Osimo – La città in apprensione per le sorti di Marina, Domenico e Samuel ospiti dell’Hotel Rigopiano

Osimo – «Ci rigeneriamo e torniamo. Per lo meno speriamo visto la quantità di neve che abbiamo…». Un post ironico su Facebook e la follia del destino che si fa beffe di noi. Sono ore di tensione per i familiari e per i conoscenti di MarinaSerraiocco e Domenico Di Michelangelo, i due osimani che … Leggi

I 15 dipendenti della ditta Sandro Baldini, diventati loro malgrado i 15 “resistenti” che presidiano l’accesso al ponte.

Uno dei temi più sentiti in zona nel 2017. Una storia infinita non ancora conclusa (19 aprile)

5° postoCamerano – Chiude la ditta Sandro Baldini: licenziati tutti i 15 dipendenti

Camerano – La Sandro Baldini è un’azienda che da quasi cinquant’anni si occupa di autotrasporti, scavi e sbancamenti. Si occupa anche di trasporti macerie, laterizi e affini. È la ditta, tanto per fare un esempio, che si è occupata del rifacimento del fondo stradale di Viale della Vittoria in Ancona. E sempre la Baldini si … Leggi

Camerano – Sara ed Elena

Il primo matrimonio gay a Camerano (23 settembre)

6° posto – Camerano – Sara ed Elena: oggi spose!

Camerano – Alle 11 di questa mattina, sabato 23 settembre, la Sala Convegni del Comune era addobbata a festa: palloncini e fiocchi bianchi assicurati alle poltroncine con svolazzi di raso azzurro pastello. Sul piano del tavolo autorità, un mazzo di rose bianche. Fuori, nel cortile inghiaiato, decine di invitati a godersi una bella giornata assolata … Leggi 

Camerano – Igor Cruciani, il fondatore della pagina Facebook Sei Marchigiano se…

A Camerano non c’è solo Corriere del Conero! (2 ottobre)

7° posto – È di Camerano il fondatore della pagina Facebook Sei Marchigiano se

I social network incidono sempre più nella comunicazione di massa.‘La gente ha smesso di leggere’ lamentano i media cartacei, cercando di far passare il messaggio dell’incomunicabilità. Non è vero, e chi li edita lo sa benissimo. La verità è che la gente ha cambiato il proprio modo di comunicare. Probabilmente, legge e… Leggi 

Una di quelle notizie che il giornale non vorrebbe mai pubblicare! (23 gennaio)

8° posto – Ancona – Si toglie la vita un noto barista 48enne

Ancona – Una ferale notizia ha sconvolto Ancona attorno all’ora di pranzo. Un barista di 48 anni, molto noto in città, è stato ritrovato senza vita dai Carabinieri nella sua casa di Palombina. L’uomo, da tempo alle prese con problemi personali, si è impiccato probabilmente nella notte, ma le cause sono ancora al vaglio degli … Leggi  

Sarà stato il caldo? (4 agosto)

9° posto – Castelfidardo 17enne entra nella tabaccheria Serenelli e dà in escandescenze

Un ragazzo minorenne è entrato nella tabaccheria Serenelli di Via Rossini a Castelfidardo per acquistare del tabacco. Al rifiuto del gestore, dal momento che quel cliente era appunto minorenne, ha dato in escandescenze. Sono dovuti intervenire i carabinieri che hanno arrestato N. N., 17 anni, residente a Osimo, celibe, studente, incensurato, per i … Leggi 

Sirolo – La Range Rover bianca rubata dai cinque minorenni

Ai giovani piace esagerare… (12 luglio)

10° posto – Sirolo – Cinque minori rubano un Suv per andare al mare

Sirolo – Intorno alle 16 di ieri, martedì 11 luglio, la pattuglia dei carabinieri di Numana nel corso del servizio preventivo per il controllo del territorio, arrivata a Sirolo in frazione Coppo, via La Forma, ha ingaggiato un inseguimento con unaRange Rover bianca, notata transitare con cinque persone a bordo. Gli immediati accertamenti effettuati … Leggi  

 

redazionale


Pane Burro & Marmellata

Una striscia quotidiana di riflessione

di Paolo Fileni

Ancona e i perseguitati politici antifascisti

Ricostituita nelle Marche l’ANPPIA memoria storica con presidente Gianluca Quacquarini


Camerano, 26 gennaio 2023 – Arriva una nota in redazione a firma Gianluca Quacquarini consigliere comunale dorico in orbita Articolo Uno, già iscritto al M5 stelle e ancora prima nel PD: “Ricostituita ad Ancona l’ANPPIA, Associazione Nazionale Perseguitati Politici Italiani Antifascisti, ed io sono stato eletto presidente di questa ricostituita federazione”.

Lì per lì, ignorando del tutto l’esistenza di questa Associazione, sono stato assalito dallo sgomento. Ma come, nel 2023 stiamo ancora a parlare di perseguitati politici antifascisti? In oltre vent’anni di mestiere, dal 2000 ad oggi, non ne ho mai incontrato uno. A cosa diavolo serve ricostituire una simile associazione? E ancora, a cosa diavolo serve essere degli anti qualcosa se quel qualcosa è finito nel 1946?

Gianluca Quacquarini

Mio nonno poteva essere un antifascista, dal momento che fu mandato al fronte nella Prima Guerra Mondiale (1915-1918) come un ‘ragazzo del ‘99” (nati nel 1899). E dunque testimone adulto dell’era fascista (1919-1943). Mio padre poteva essere un antifascista, dal momento che vide la luce nel 1928, alla caduta del regime di Mussolini aveva 15 anni e dunque sapeva cosa significasse esserlo. Un pensiero reso concreto dal fatto che per tutta la vita mio padre tenne nel cassetto del comodino in camera da letto la tessera del PCI, anche quando il PCI non esisteva più.

Loro sì, ma io? E con me tutti quelli della mia età o più giovani come appunto Quacquarini… Per me e per loro che senso ha, oggi, parlare di perseguitati politici antifascisti? Nessuno, ma rispondo solo per me. Per il semplice motivo che sono cresciuto in un’epoca in cui questi perseguitati semplicemente non esistevano. Appartenevano ad un passato per me remoto. Occhio però a giudicare, perché da quando ho iniziato a capire la storia ho sempre condannato il regime di Mussolini, e conosciuto a fondo la storia dei perseguitati politici antifascisti, da Sandro Pertini in testa e soci illustri, suoi compagni di lotta.

Così, sempre per capire, ho fatto qualche ricerca e finalmente ho capito. L’ANPPIA, che ha sede a Roma sin dal 1946, ha uno Statuto, un Comitato esecutivo con tanto di Revisori dei conti e un Collegio dei Probiviri; edita un giornale bimestrale: L’antifascista, fondato guarda tu proprio da Sandro Pertini, e ha sempre dedicato molta parte delle sue energie alla ricerca e diffusione della conoscenza della storia dell’Antifascismo e dei suoi protagonisti, attraverso pubblicazioni, convegni, mostre, attività nelle scuole e molto altro.

Quel che vale per la Shoah, dunque, vale anche per l’ANPPIA: la memoria storica è importante, mai dimenticare quei perseguitati dal fascismo che hanno fatto la galera e subìto l’esilio – in alcuni casi pagando con la propria vita – per costruire l’Italia democratica, liberale e repubblicana di oggi.

Dunque, il senso di questa ricostituzione sta tutto qui: ricordare la storia per non dimenticare, un monito affinché non si ripetano più certe storture del passato, assolutiste e sanguinarie. Del passato, però! Perché oggi proprio grazie a quegli eroi certe reminiscenze sono state cancellate, non ci appartengono più. E certi gruppetti nostalgici lasciano il tempo che trovano e non vale neppure la pena citarli.  Meglio così, per un attimo avevo pensato che mi fosse sfuggito qualcosa!

© riproduzione riservata


link dell'articolo