Argomenti per categorie

Sulle vistose toppe del Pirani l’Anconitana torna al vertice

Grazie alla sconfitta del Fossombrone in quel del Montefano e al pareggio dell’Atletico Gallo a Fabriano i dorici tornano solitari a guidare la classifica dell’Eccellenza a quota 32 punti

18ª giornata Eccellenza Marche

Grottammare, 19 gennaio 2020 – Anconitana che scende in campo al Pirani di Grottammare con in testa la consapevolezza che sarà un incontro tutto in discesa. Non sarà così, anche se alla fine i dorici la vincono per tre reti a una e, con la sconfitta del Fossombrone in quel del Montefano e il pareggio dell’Atletico Gallo a Fabriano, grazie ai tre punti strappati ai biancocelesti si ritrovano nuovamente solitari in testa alla classifica a quota  32 punti.

Crisi e problemi superati per i biancorossi? Forse sì, ma solo in linea teorica e il test di oggi a Grottammare non fa certo testo: giocare e vincere contro la penultima in classifica per chi è stato costruito per passare di categoria non è da considerare un trionfo. Anche perché i biancocelesti, inferiori tecnicamente e nelle individualità, hanno fatto la loro bella figura.

Su un campo rappezzato che somigliava molto alla coperta della nonna, fatta con scampoli di recupero, sono stati proprio i padroni di casa a passare in vantaggio, al 29°, con De Panicis che sorprende la difesa dorica, scarta tutti e deposita la sfera alle spalle di un incolpevole Battistini. Un De Panicis che sfiora il raddoppio al 33° quando, lanciato a rete , si è visto negare la battuta decisiva dalla pronta uscita dell’estremo difensore dorico.

Visto l’andazzo, l’Anconitana si dà una mossa e al 38° coglie il pareggio. Angolo battuto dalla destra da Trombetta, Giambuzzi, in area, intercetta la sfera e con un colpo di testa all’indietro beffa Palanca. Le squadre vanno al riposo sull’1-1.

Il secondo tempo è tutto dell’Anconitana, anche se il Grottammare pur subendo non si dà mai per vinto. Al 51° Liccardi, sorprendendo tutti, dai quaranta metri spara al volo una palla in direzione della porta biancoceleste: la sfera passa sopra la testa di Palanca e s’infila in rete siglando il vantaggio ospite.

Grottammare rassegnato? Affatto. Al 59° è solo grazie ad una prodezza, un vero e proprio miracolo di Battistini che para e devia, se Lanza da due metri non sigla il pareggio con un colpo di testa sottomisura. Scorrono i minuti e le forze calano in campo un po’ per tutti. All’89° è Fiore a chiudere definitivamente l’incontro: un errore della difesa biancoceleste gli apre un varco in area, lui è lesto ad infilarcisi e a battere l’incolpevole Palanca. Finisce 1-3. Con L’Anconitana nuovamente sul gradino più alto della classifica, in solitaria.

Il Tabellino

Grottammare: Palanca, Orsini, Marini, Ferrari, Haxhiu (67° Nallira), Lanza (65° Franchi), De Panicis, De Cesare, Amadio, Iovannisci, Vallorani. All. Manolo Manoni. A disp. Pignotti, Rosettani, Franchi, Ricci, Crescenzi, Acciarri, Nallira, Laci, Pagliarini.

Anconitana: Battistini, Pierdomenico, Bartolini, Visciano, Micucci (85° Mercurio), Trombetta, Giambuzzi, Magnanelli, Liccardi (74° De Sagastizabal), Mansour (91° Zagaglia), Ambrosini (70° Fiore). All. Umberto Marino. A disp. Montuoso, Baciu, Marzioni, Zagaglia, Mercurio, Fiore, De Sagastizabal, Basualdo, Cameruccio.

Arbitro: sig. Andrea Giorgiani sezione di Pesaro. Assistenti: sig. Simone Tidei sez. di Pesaro; sig. Nello Grieco sez. di Macerata.

Reti: 29° De Panicis, 38° Giambuzzi, 51° Liccardi, 89° Fiore;

Ammoniti: Grottammare: De Panicis, De Cesare, Amadio – Anconitana: Liccardi, Micucci;

Note: angoli: 3 (G) – 7 (A); recupero: 1° T: 1’ – 2° T: 5’; spettatori: 600 circa, un centinaio i dorici.