Argomenti per categorie

Nonostante gli errori, l’Ancona porta a casa un punto

Calcio - Serie C Now girone B - 18ª giornata

Ancona, 17 dicembre 2023 – Al Del Conero, prima del fischio d’inizio di Ancona – Pescara, il Presidente federale ha disposto un minuto di raccoglimento per commemorare la scomparsa di Antonio Juliano, Campione d’Europa nel 1968 e Vicecampione del Mondo nel 1970. Nello stesso minuto di silenzio, è stata ricordata anche la signora Giovanna, mamma del presidente Canil. Nebbiolina fitta sopra lo stadio e terreno di gioco non in ottime condizioni. L’atmosfera che si respira dagli spalti è quella delle grandi occasioni.

La coreografia della Curva Nord in Ancona – Pescara (foto, Ufficio stampa Ancona)

Per l’Ancona in porta non c’è Perucchini, sostituito da Vitali. Pe il Pescara in panchina è assente Zeman (riposo cautelare per lui dopo un disturbo), sostituito da Bucaro.

Inizia l’incontro con una bella coreografia della Curva Nord con risposta da parte dei tifosi ospiti nella Sud. Al 2’ si fa vedere subito in avanti l’Ancona che guadagna il primo angolo su iniziativa di Spagnoli. Al 6’ esplode il Del Conero per il vantaggio dell’Ancona: azione Cella, Cioffi e palla nell’area piccola degli ospiti, arriva Coli Saco che sottomisura trova di tacco l’angolino basso alle spalle di Plizzari per l’1-0. Offensiva pescarese che non ci sta e al 12’ si fa vedere nell’area dorica, ma la difesa biancorossa allontana il pericolo.

Pescara che insiste grazie anche a qualche sbandamento dei dorici e al 17’ trova il pareggio con un tiro da lontano di Cangiano, palla che sembrerebbe facile preda di Vitali ma il numero 12 dell’Ancona cincischia con la sfera a mani molli che entra in rete per l’1-1. Pronta la reazione dell’Ancona che al 18’ ci prova con Paolucci, tiro respinto da Plizzari e Floriani spedisce in corner. Reazione biancorossa che continua al 27’ (palla sfiorata di testa da Saco) e al 29’ con un’azione partita da un calcio d’angolo neutralizzata dalla difesa abruzzese. Cambio di fronte e Pescara pericoloso con un tiro di Merola, uscita a vuoto di Vitali e la palla, destinata in porta, viene deviata da Cella sulla linea.

Ritmi elevatissimi, non c’è un attimo di sosta con continue ripartenze. In evidenza il portiere ospite Plizzari che interviene due volte a sventare i pericoli portati da Saco e Paolucci; con Cioffi in evidenza al 37’. L’altro portiere, Vitali, sembra giocare con paura di sbagliare dopo alcuni interventi di dubbia fattura. Dopo un minuto di recupero il sig. Centi di Terni manda tutti negli spogliatoi per il tè.

I marcatori di Ancona – Pescara: Coli Saco e Gianmarco Cangiano

Seconda frazione di gioco che parte con le stesse formazioni del primo tempo, e Ancona sempre avanti. Angolo di Energe, testa di Coli Saco e gol ma l’arbitro annulla per fuorigioco. Al 47’ cross teso di Paolucci per Spagnoli che in spaccata non arriva sulla palla. Riparte anche il Pescara, al 52’ Merola manovra in avanti e la dà a Cuppone, conclusione centrale rasoterra e Vitali para in sicurezza. Gli abruzzesi alzano l’asticella: al 57’ colpiscono la traversa con Merola che aggancia un traversone di Floriani, la sua volée viene deviata da Vitali sul legno. Al 58’ Cuppone entra nell’area dorica ma la difesa neutralizza. Al 63’ ancora Vitali in evidenza deviando in corner una punizione di Cangiano.

Al 65’ primi cambi. Per l’Ancona escono Saco e Gatto, sostituiti rispettivamente da Nador e Basso. Il Pescara sostituisce Aloi con Tunjov. Dopo venti minuti senza soste le due squadre rallentano leggermente i ritmi, senza però rinunciare a cercare il vantaggio e creando lavoro per le rispettive difese. Al 77’ è il Pescara a cercare la porta avversaria con una conclusione di Cuppone, Vitali blocca a terra. All’80’ Energe batte una punizione dalla lunga distanza, Plizzari para. Altri cambi per il Pescara: all’81’ Cuppone e Merola lasciano il posto ad Accornero e Tommasini; all’85’ Di Pasquale sostituisce Brosco. Sull’altra sponda, Gavioli prende il posto di Energe. L’arbitro concede 5’ di recupero. Al 92’ l’Ancona subisce un fallo a centrocampo su Paolucci, la palla finisce sui piedi di Peli libero di andare in porta ma l’arbitro non concede il vantaggio e interrompe l’azione. Protestano i dorici e fioccano le ammonizioni. Al 96’ il derby dell’Adriatico termina con un pareggio.

Per l’Ancona, che ferma le vittorie del Pescara e un suo periodo poco felice, un punto prezioso che smuove la classifica. Stupiscono i numeri della gara: dieci angoli per i dorici contro i tre del Pescara; sei ammoniti biancorossi contro uno degli ospiti.  

Il Tabellino

Ancona (4-3-3): Vitali, Martina, Cella, Gatto (65’ Basso), Spagnoli, Energe (87’ Gavioli), Cioffi (70’ Peli), Paolucci, Clemente, Pellizzari, Saco (65’ Nador). A disposizione: Testagrossa, Perucchini, Nador, Peli, Marenco, Agyemang, Kristoffersen, Dutu, Radicchio, Barnabà, Mattioli, Gavioli, Basso. Allenatore: Gianluca Colavitto.

Pescara (4-3-3): Plizzari, Milani, Squizzato, Aloi (66’ Tunjov), Merola (81’ Tommasini), Brosco (85’ Di Pasquale), Floriani, Mesik, Cuppone (81’ Accornero), Dagasso, Cangiano. A disposizione: Ciocci, Barretta, Di Pasquale, Masala, Vergani, Accornero, Tunjov, Pierno, Mora, Manu, Staver, Moruzzi, De Marco, Tommasini. Allenatore: Giovanni Bucaro.

Arbitro: sig. Matteo Centi di Terni; 1° Assistente: sig. Vincenzo Pedone di Reggio Calabria; 2° Assistente: sig. Domenico Castro di Livorno. Quarto Ufficiale: sig. Gianluca Guitaldi di Rimini.

Reti: 6’ Saco; 17’ Cangiano;

Ammoniti: Cella, Gatto, Saco, Spagnoli, Martina, Cella(AN); Dagasso (PE);

Note: Recupero: 1’ p.t.; 5’ s.t. Spettatori 5.332 di cui 1.000 ospiti; Incasso: 34.600,00 euro.

© riproduzione riservata