Argomenti per categorie

L’uomo partita Ambrosini regala i tre punti ai dorici

Campionato Eccellenza Marche ventesima giornata

San Benedetto del Tronto, 2 febbraio 2020 – L’Anconitana, al Ciarrocchi di San Benedetto, dimentica il pareggio della scorsa domenica al Del Conero con il Fabriano Cerreto e contro il Porto d’Ascoli ricorda d’essere votata e costruita per vincere il campionato d’Eccellenza. Lo fa scendendo in campo con determinazione, e giocando una delle sue partite più concrete ben preparata da mister Marino. Il suo uomo partita oggi – e non è la prima volta – è stato Alex Ambrosini che firmando una doppietta non solo ha garantito i tre punti ma ha ribadito che là davanti la sua classe ed esperienza non ha rivali.

I tifosi dorici non hanno smesso un minuto d’incitare l’Anconitana

Il Porto d’Ascoli, dal canto suo, ci ha provato sin dall’inizio a vincerla ma Napolano e compagni alla fine si sono dovuti arrendere alla puntuale difesa biancorossa, al centrocampo ospite più che determinato e a quell’accidente di quell’undici indiavolato che quando è in partita fa la differenza. Eccome, se la fa!

Come al 23°, quando Alex imbeccato da Liccardi ha sparato di destro un bolide dal limite dell’area verso la porta difesa da Di Nardo. L’estremo difensore dei portuali ha provato in tuffo ad intercettare il tiro ma era fuori dalla sua portata e la sfera è andata a gonfiare la rete per il vantaggio dorico.

Subìto il gol, i padroni di casa hanno arrembato l’area biancorossa alla ricerca del pareggio, complici i dorici che hanno arretrato un po’ troppo il baricentro. Un arrembaggio comunque sterile che ha portato le due squadre all’intervallo.

Nei primi venti minuti del secondo tempo l’Anconitana gioca bene in controllo. Poi è il Porto d’Ascoli a produrre il massimo sforzo per agguantare il pari. E ci riesce al 74° con un briciolo di fortuna: Verdesi dai 35 metri spara in porta, la palla supera Battistini in tuffo e si stampa sul palo che la rimanda in campo, sbatte sulla schiena del portiere dorico e carambola in rete.

Sull’1-1, quando ormai sembra che un pareggio possa andar bene ad entrambe le squadre, è ancora Ambrosini ad inventarsi un gol di rapina. È l’84° quando, da una rimessa laterale battuta dai dorici, la palla arriva nell’area piccola del Porto d’Ascoli. I difensori cincischiano solo un attimo ma è quanto basta ad Alex per piombare fulmineo fra due di loro e battere a rete da corsaro per il definitivo 1-2.

Qualche scaramuccia a fine gara tra i giocatori del Porto d’Ascoli e dell’Anconitana

L’Anconitana, grazie a questa vittoria esterna meritata, resta solitaria al vertice della classifica a quota 36. Inseguita da vicino da Castelfidardo (35), Atletico Gallo Colbordolo (34), Montefano (33), a conferma di quanto sarà difficile riuscire a condurre in porto la promozione diretta alla serie D quando mancano ancora 10 giornate al termine .

Il Tabellino

Porto d’Ascoli: Di Nardo, Petrini, Pasqualini, Gabrielli, Vallorani, Sensi, Valentini Rossi, Ciarmela, Napolano, Verdesi. All. Domenico Izzotti. A disp. Cannella, Trawally, Lazzarini, Vespa, Fazzini, Simone Ruggieri, Cinaglia, Di tecco, Samuele Ruggieri.

Anconitana: Battistini, Pierdomenico, Bartolini, Visciano, Micucci, Trombetta, Fiore, Magnanelli, Liccardi, Mansour, Ambrosini. All. Umberto Marino. A disp. Montuoso, Baciu, Marzioni, Mercurio, De Sagastizabal, Basualdo, De Fabritiis, Giambuzzi, Cameruccio.

Arbitro: sig. David Kovacevic sezione di Arco Riva; Assistenti: sig. Emanuel Luigi Amorello e sig. Giacomo Ielo della sez. di Pesaro.

Ammoniti: (PdA) Rossi, Napolano, Gabrielli, Cinaglia, Petrini – (A) Visciano, Trombetta, Marzioni

Marcatori: (PdA) 74° Verdesi – (A): 24° e 84° Ambrosini

Angoli: (PdA) 3 – (A) 3

Recupero: 2’ primo tempo – 5’ secondo tempo

Spettatori: circa 700 di cui oltre 500 dorici