ANCONA - TERAMO 0 : 1

LegaPro: l’Ancona s’aggrappa alla matematica

È il peggior campionato dorico degli ultimi 66 anni

Ancona (4-3-3): Anacoura; Daffara, Cacioli, Ricci, Barilaro; Zampa, Gelonese, Bambozzi (33’st Bariti); Voltan, Paolucci, Frediani. A disp: Scuffia, Kostadinovic, Di Dio, Nicolao, Forgacs, Djuric, Mancini, Momentè, Bartoli, Fraternali, Moretti. All. Ripa – Saggiomo

Teramo (4-4-2): Narciso; Sales, Caidi, Speranza, Karkalis; Spighi, Amadio, Ilari, Di Paolantonio (36’st Altobelli); Fratangelo (13’st Barbuti), Sansovini (23’st Masocco). A disp: Calore, Imparato, Scipioni, Palladini, Carraro, Mantini, Baccolo.  All. Ugolotti

Arbitro: Panarese di Lecce

Marcatori: 32’st Barbuti

Ammoniti: Amadio

Note: spettatori 1501, incasso 9456 euro. Angoli 5-1

Un’agonia con una fine annunciata: la retrocessione, amara, in serie D a cui manca solo la matematica certezza. Per l’Ancona quella col Teramo è la nona sconfitta interna stagionale, undicesima nelle ultime dodici gare, sesta consecutiva. I numeri dicono che questa squadra è la peggiore dal 1951 ad oggi. E pensare che la partita di stasera è stata in dubbio fino al primo pomeriggio perché luce e acqua dello stadio erano state staccate causa morosità della società. Col senno di poi, forse, sarebbe stato meglio non riattivare le utenze.

Ancona - Teramo. L'inizio della oartita
Ancona – Teramo. L’inizio della partita

LA CRONACA

De Patre, squalificato e sostituito dal tandem Ripa – Saggiomo, recupera all’ultimo Cacioli e inserisce Bambozzi per l’appiedato Agyei. Il Teramo, forte della vittoria contro la Samb al 95’, schiera un 4-4-2 molto abbottonato pensando più a non prenderle che a darle. Ed ovviamente lo spettacolo ne risente, infatti non succede nulla fino al 25’ quando gli ospiti chiedono un calcio di rigore per un presunto fallo di mano di Ricci dopo un tiro ciccato da Di Paolantonio.

Anche l’Ancona chiede la massima punizione per una spinta di Sales su Frediani che riesce comunque in tuffo ad impegnare Narciso. La ripresa non è molto diversa dal primo tempo, con l’Ancona che effettua uno sterile possesso palla, ma senza mai impegnare il portiere ospite.

Ancona - Teramo. Paolucci prova a scardinare la difesa teramana (foto Max Serenelli)
Ancona – Teramo. Paolucci prova a scardinare la difesa teramana (foto Max Serenelli)

Il Teramo, quasi impaurito, pensa più a tenere lo 0-0, senza provare a vincere. Anche se, al minuto trentadue e quasi per caso, Barbuti viene servito in profondità dopo un calcio d’angolo battuto dall’Ancona, passa in mezzo a Barilaro e Frediani rimasti a difendere la propria porta ed insacca con un tocco di destro battendo Anacoura in uscita.

La curva non ci vede più e fa sospendere la partita con un lancio di fumogeni, ci sono attimi di tensione, poi la gara riprende fino al 95’, ma solo per onor di firma. Poi sono fischi assordanti per i biancorossi di casa ed applausi a scena aperta per quelli ospiti, che con questi tre punti compiono un decisivo passo verso la salvezza diretta.

SALA STAMPA

Ugolotti «Siamo stati bravi e fortunati a trovare l’episodio decisivo. L’Ancona voleva vincere, ci ha aggredito e abbiamo un po’ sofferto inizialmente. Sono soddisfatto per l’approccio e per l’atteggiamento della squadra, ma con questo campo era impossibile fare meglio. Contatto Sales – Frediani? Non ho visto bene dalla panchina, sono decisioni che l’arbitro deve prendere in un istante».

Ancona - Teramo. La curva Nord ormai è stanca e delusa
Ancona – Teramo. La curva Nord ormai è stanca e delusa

Ripa (De Patre squalificato): «Non posso dire nulla ai miei ragazzi, si sono impegnati e meritavano di più. Abbiamo delle lacune negli ultimi trenta metri, ma lo sapevamo già, ci dispiace di aver perso l’ennesima partita in cui dobbiamo recriminare sugli episodi. Il rigore su Frediani? Probabilmente c’era, anche se in fondo l’arbitro non ha diretto male, episodio a parte. La contestazione della tifoseria è stata pesante, ma non mi aspettavo altre reazioni, siamo ultimi e con un trend molto negativo. La squadra si allena bene, ma purtroppo non raccogliamo punti anche perché ci manca un po’ di malizia. Finché la matematica non ci condanna noi crediamo alla salvezza. Purtroppo i ragazzi, al momento, di più non possono dare».


Lascia un commento

Pane Burro & Marmellata

Una striscia quotidiana di riflessione

di Paolo Fileni

Mascherine usa e getta: nuovo rifiuto 2.2

Una stima parla di quasi due miliardi che finiranno quest’anno negli oceani del mondo


Camerano, 5 aprile 2021 – L’allarme arriva dal Regno Unito, dove una recente analisi condotta dalla North London Waste Authority ha evidenziato come ogni settimana in quel Paese vengano usate e gettate via 102 milioni di mascherine usa e getta. Per rendere l’idea, ricoprirebbero un campo di calcio per ben 232 volte, come scrive la giornalista Francesca Mancuso su greenMe.

Purtroppo è vero: le mascherine usa e getta, quelle che ci proteggono dal virus, sono diventate il rifiuto più importante nell’arco dell’ultimo anno e mezzo. Un rifiuto, per intenderci, che ha superato di gran lunga quello delle bottiglie e dei sacchetti di plastica di cui stiamo per liberarci. Un rifiuto, insieme ai guanti in lattice, che la gente abbandona ovunque: per strada, nelle piazze, nei giardini pubblici, nei campi, lungo i sentieri di montagna, in spiaggia, in alto mare.

Un rifiuto che nessuno smaltisce per paura di un eventuale contagio o, più semplicemente, per menefreghismo. Una negligenza imperdonabile che, a livello trasversale, va imputata sia alla maleducazione delle persone sia all’indifferenza degli enti e delle imprese che dovrebbero smaltirle. Tanto che lo studio britannico, nell’invitare ad affrontare il problema che ormai è mondiale, suggerisce di rivederne la produzione invitando ad utilizzare prodotti biodegradabili.

Un problema serio, dunque, che riguarda tutti e che va risolto al più presto. Ho provato, nel mio piccolo, a testare quanto serio possa essere davvero. L’ho fatto, semplicemente, fotografando le mascherine abbandonate lungo il percorso che faccio abitualmente a Camerano, dove vivo, portando a spasso il mio cane. Un percorso di circa un chilometro e mezzo lungo un tratto di Via Loretana, l’area cani nei giardinetti di Via Scandalli, il parco degli orti. Risultato: ne ho incrociate una trentina. In foto la testimonianza di parte di esse.

Considerato che in Italia i Comuni sono oltre settemila, non è così empirico dire che in totale, in un solo chilometro e mezzo di essi, si siano accumulate come rifiuto oltre 237mila mascherine. Se si moltiplica il dato per tutti i possibili chilometri e mezzo percorribili in ogni Comune, si arriverà ad una cifra stratosferica di mascherine abbandonate sul territorio nazionale. Stimiamo, al ribasso, non meno di una decina di milioni? Sono convinto siano di più.

Una stima dello studio britannico parla di quasi due miliardi di mascherine che quest’anno finiranno negli oceani del mondo. Che facciamo, le lasciamo lì? Educare ad un sano e corretto smaltimento due miliardi di cretini, lo vedo poco percorribile. Chiamare a raccolta Greta Thunberg e i suoi seguaci ambientalisti, altrettanto. Finirà come con la plastica: spenderemo miliardi di euro per sbarazzarcene, e tutto grazie alla stupidità e alla maleducazione di tante persone. Le stesse che ogni giorno si lamentano dell’immane spesa pubblica destinata all’ambiente.

© riproduzione riservata


link dell'articolo

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi