ANCONA - MACERATESE 2 : 1

Coppa Italia. Ancona 2 batte Ancona 1 e la Maceratese

Lega Pro - Ottavi Coppa Italia

ANCONA – MACERATESE 2-1

ANCONA (4-3-3): Rossini; Barilaro, Kostadinovic, Tassoni, Malerba (12’st Forgacs); Djuric, Gelonese, Battaglia; Montagnoli (47’st Daffara), Falou Samb, Voltan. A disp: Scuffia, Ricci, Moi, Zampa, Frediani, De Silvestro, Ascani, Bartoli, Papa, Davighi.  All. Brini

MACERATESE (4-3-1-2): Moscatelli; Franchini, Perna, Gremizzi, Bondioli (10’st Ramadani); Mestre (26’st De Grazia), Malaccari, Bangoura; Allegretti (44’st Marchetti); Turchetta, Palmieri. A disp: Cantarini, Quadri, Massei A., Massei M., Ventola, Petrilli, Malaccari, Colombi, Quadrini.  All. Giunti

ARBITRO: D’Apice di Arezzo

AMMONITI: Bangoura, Turchetta, Voltan, Barilaro

MARCATORI: 45’pt e 28’st Gelonese, 27’st Gremizzi

NOTE: 308 spettatori per un incasso di 1296 euro. Angoli 5-3

 

La squadra dell'Ancona in versione turn over scesa in campo contro la Maceratese
La squadra dell’Ancona in versione turn over scesa in campo contro la Maceratese (foto Max Serenelli)

ANCONA. Se i titolari steccano, le seconde linee volano. L’Ancona due batte la Maceratese grazie ad una doppietta di Gelonese ed approda ai quarti di finale di coppa Italia, dove affronterà la vincente di Teramo – Siena. La partita dei quarti si giocherà l’8 febbraio 2017, sarà il sorteggio a stabilire se in casa o in trasferta.

LA CRONACA. Brini ha mandato in campo i giocatori che hanno trovato meno spazio in questa prima parte di campionato, ma dall’altra parte Giunti, reduce dal colpo in trasferta a Bassano, ha fatto altrettanto.

Il primo tempo è stato davvero soporifero, ritmi bassi, quasi da amichevole estiva, ma quando si pensava solo al thè caldo dell’intervallo è arrivato il graffio dell’Ancona. Al minuto 45 bel cross di Montagnoli dalla destra, sponda di Falou Samb per l’accorrente Gelonese che infilava in rete il vantaggio beffando il portiere con un delizioso cucchiaio.

Luca Gelonese festeggiato dai compagni dopo il gol dell'uno a zero. Una doppietta per lui, oggi. (foto Max Serenelli)
Luca Gelonese festeggiato dai compagni dopo il gol dell’uno a zero. Una doppietta per lui, oggi. (foto Max Serenelli)

Nella ripresa sono stati gli ospiti ad esercitare una maggiore pressione offensiva fino ad arrivare al pareggio realizzato al 27’ in mischia dal giovane difensore Gremizzi. Neanche il tempo di esultare che l’Ancona è tornata in vantaggio: cross dalla destra, batti e ribatti in area ospite con la difesa distratta, inserimento perfetto di Gelonese e gol della vittoria (minuto 28).

La partita è finita qui, per la gioia dei pochi tifosi presenti e di Ercole De Nicola, al Del Conero per la seconda volta consecutiva in coppa Italia: magari non sarà coinvolto in prima persona nel nuovo progetto Ancona, ma di sicuro lo ha preso a cuore.

Da segnalare un brutto incidente di gioco per Emanuele Malerba, uscito in barella e trasportato all’ospedale: per il terzino biancorosso si teme la frattura ad un braccio.

Falou Samb in azione. Contro la Maceratese l'attaccante è partito titolare
Falou Samb in azione. Contro la Maceratese l’attaccante è partito titolare

SALA STAMPA:

MANCINI: “Viste le ultime delusioni ci prendiamo questa vittoria che almeno fa morale in vista del Parma. Sono contento per quei ragazzi che hanno giocato meno e che hanno dimostrato di poter essere utile al progetto. Fino allo sosta ci sono 7 partite, dobbiamo fare più punti possibili per arrivare al mercato in una posizione di classifica più serena. Poi valuteremo il da farsi. Ma questa squadra ha tutta la nostra fiducia”.

BRINI: “Ho visto impegno da parte dei giocatori e la cosa mi ha fatto piacere. Abbiamo anche mostrato qul pizzico di cattiveria necessaria in certe partite. Rimane il fatto che dobbiamo lavorare sui nostri difetti e migliorare sin da sabato, a prescindere da quello che sarà il nostro avversario. Gelonese? Non mi dveva dimostrare nulla, conosco pregi e difetti di tutti i miei ragazzi”.

GELONESE: “Sono molto contento per la doppietta, soprattutto con la fascia di capitano al braccio. L’anno scorso mi avevano annullato un gol regolare contro la Maceratese, mi sono rifatto con gli interessi. Rimango come sempre a disposizione dell’allenatore e dei miei compagni, ovviamente mi piacerebbe giocare di più, sarebbe strano il contrario”.

GIUNTI: “Mi sarebbe piaciuto passare il turno soprattutto per dare la possibilità ai ragazzi che impiego di meno di mettere minuti nelle gambe. Peccato aver preso gol subito dopo il pari, evidentemente abbiamo peccato un po’ di inesperienza. Diamo il benvenuto al nuovo proprietario Spalletta, ma ci teniamo a ringraziare la presidente Tardella che ci è stata vicina fino all’ultimo (nel pomeriggio è arrivata l’ufficialità del passaggio societario da Maria Francesca Tardella a Filippo Spalletta ndr.)

 

 


Lascia un commento

Pane Burro & Marmellata

Una striscia quotidiana di riflessione

di Paolo Fileni

Procida Capitale Cultura 2022, Ancona non ce l’ha fatta!

Il sindaco Valeria Mancinelli: “il nostro progetto, popolare, di crescita e di sviluppo, va avanti”


Ancona, 18 gennaio 2021 – Nella mattinata odierna la commissione del MiBACT presieduta da Stefano Baia Curioni ha proclamato la città di Procida (foto) Capitale italiana della Cultura per il 2022. All’annuncio dato dal ministro Dario Franceschini, sull’isola si è scatenato un tifo da stadio.

I complimenti della commissione, al termine della cerimonia d’assegnazione, sono andati tutti al sindaco Raimondo Ambrosino e al suo staff. La motivazione ha premiato la congiunzione tra il valore del progetto, la sostenibilità economica e le sue ricadute socio culturali. «Siamo strafelici – ha esultato fra le lacrime il sindaco Ambrosino – è un’opportunità storica per noi, per tutte le isole e per l’Italia meno in luce».

Delusione per la città di Ancona, anche se mascherata da ottimismo. La città dorica non ce l’ha fatta a convincere i membri della commissione con il suo progetto incentrato tra l’altro sulla cultura dell’Altro, sull’intenzione di far diventare ordinario lo straordinario, come aveva spiegato l’assessore Paolo Marasca in sede di audizione con il MiBACT.

«È stata appena proclamata la Capitale italiana della cultura 2022. La scelta è caduta su Procida. Mi complimento con il collega sindaco e la comunità dell’isola – il commento ufficiale del sindaco Valeria MancinelliSiamo fieri delle parole del presidente della commissione che ha valutato i progetti e ne ha sottolineato il valore, non solo nazionale ma anche europeo. Siamo anche felici di come è stata motivata la scelta della capitale perché la linea su cui si è mossa Procida e il messaggio che ha voluto lanciare hanno molte affinità con il nostro. Dunque siamo sulla strada giusta. Come ho più volte ribadito il nostro progetto, popolare, di crescita e di sviluppo, va avanti. E lo realizzeremo insieme».

Dunque, nonostante i suoi 2400 anni di storia ed un progetto ampio e variegato, Ancona non ce l’ha fatta. Bocciata per il secondo anno consecutivo dopo il primo tentativo del 2020. A batterla è stata Procida, una cittadina di poco più di 10mila abitanti che si affaccia sul mare del Golfo di Napoli, resa famosa a livello internazionale da Massimo Troisi che qui ha girato molte scene del film Il Postino.

Ancona e Procida, due città bagnate dal mare. 100mila abitanti contro 10mila. Con tutta probabilità, le acque del Golfo di Ancona sono diverse da quelle del Golfo di Napoli. Nonostante la delusione per un’opportunità mancata di crescita importante sul piano socio-culturale e turistico, dal capoluogo delle Marche un in bocca al lupo sincero a Procida: sull’isoletta il 2022 sarà un anno fantastico!

© riproduzione riservata


link dell'articolo

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi