ANCONA - FERALPISALO' 1 : 1

Contro FeralpiSalò un pareggio che non risolve

Anche gli avversari lamentano di aver giocato su un campo di patate

ANCONA (4-3-3): Anacoura; Daffara, Cacioli, Ricci, Barilaro; Zampa, Gelonese, Bambozzi (14’st Bariti); Voltan (7’st Del Sante), Paolucci (30’st Momentè), Frediani. A disp: Scuffia, Di Dio, Kostadinovic, Nicolao, Forgacs, Agyei, Mancini, Bartoli. All. De Patre

FERALPISALO’ (4-3-1-2): Caglioni (16’st Vaccarecci); Parodi, Aquilanti, Ranellucci, Ruffini (40’st Gambaretti); Settembrini, Gamarra, Tassi; Bracaletti (22’st Codromaz); Gerardi, Guerra. A disp: Staiti, Davì, Ferretti, Turano, Luche, Liotti. All. Serena

 ARBITRO: Lorenzin di Castelfranco Veneto

MARCATORI: 45’pt Gerardi, 48’st Momentè

 AMMONITI: Gamarra, Cacioli, Caglioni, Del Sante, Ruffini

NOTE: paganti 256, spettatori 1070. Incasso 8395,00 euro. Angoli 5-2, recupero: pt 1’, st 8’

A sinistra, Luca Ricci capitano dell'Ancona 1905. Contro il FeralpiSalò è sceso in campo senza la fascia come punizione per le dichiarazioni rilasciate alla stampa
A sinistra, Luca Ricci capitano dell’Ancona 1905. Contro il FeralpiSalò è stato privato della fascia come punizione per le dichiarazioni rilasciate alla stampa

Non basta il primo gol interno del 2017 all’Ancona per ottenere i tre punti che avrebbero ancora tenuta accesa la fiammella della speranza. In pieno recupero Momentè, molto più attivo in un quarto d’ora che Paolucci in settantacinque minuti, evita almeno la sconfitta numero dieci al Del Conero, ma ormai a tre partite dalla fine il destino dell’Ancona è segnato: la distanza dal Fano, che ha pareggiato al Penzo nella festa del Venezia, rimane immutata e recuperare ai granata cinque punti (sei vista la probabile penalizzazione), è un’impresa ai limite dell’impossibile.

LA CRONACA

De Patre sceglie gli undici corsari a Parma, ma con una novità: Ricci scende in campo senza fascia da capitano, finita sul braccio di Gelonese, a causa del comunicato che i giocatori hanno fatto uscire giovedì con toni molto polemici contro la società.

Prima della gara l’ormai ex capitano ha anche avuto un alterco con l’a.d. Miani: i due non sono venuti alle mani, ma c’è mancato poco. L’Ancona, a differenza di altre volte, scende in campo con un buon piglio e va vicino al gol con Frediani già al 4’: MF7 spreca da pochi passi.

Andrea Bracaletti, uno degli avversari più attivi al Del Conero
Andrea Bracaletti, uno degli avversari più attivi al Del Conero

FeralpiSalò alza il baricentro e per due volte impegna Anacoura tra il 15’ ed il 24’ con Bracaletti e Settembrini. I lombardi sfiorano il vantaggio anche al 25’ con uno slalom in area di Guerra che però allarga troppo la conclusione.

Si risveglia l’Ancona con Voltan alla mezz’ora, ma il suo tiro sfiora l’incrocio dei pali: l’esterno di proprietà del Genoa ci riprova al 39’ con un sinistro potente deviato in angolo. E proprio dal tiro dalla bandierina si crea una mischia che risolve Barilaro con un bolide che, però, sorvola la traversa.

Nel momento migliore dei dorici, come spesso accaduto in questa stagione, segnano gli avversari. È il 45’ quando sugli sviluppi di un calcio di punizione l’Ancona sale in maniera non compatta, Bracaletti viene pescato dal lancio di un difensore, cross preciso sulla testa di Gerardi e gol: da censura il tentativo di parata di Anacoura da dentro la porta e tutto il movimento della difesa biancorossa.

Ottima prestazione di Momenté contro il FeralpiSalò
Ottima prestazione di Momenté contro il FeralpiSalò

Nella ripresa l’Ancona prova tutte le carte a disposizione per il pari, ma fino all’ingresso di Momentè non va oltre ad una punizione di Paolucci deviata in angolo da Caglioni che poi s’infortuna proprio in uno scontro con l’attaccante dorico ed è costretto ad uscire.

Dalla mezz’ora in poi la squadra di De Patre, pur senza grandi occasioni, chiude FeralpiSalò nella propria area. L’unico vero pericolo lo porta Ricci al 37’ su sponda di Daffara, ma la conclusione del centrale esce di poco.

Dopo uno spavento per un tiro di Guerra parato da Anacoura l’Ancona riesce a pareggiare al terzo degli otto minuti di recupero che l’arbitro concede per l’infortunio di Caglioni: è proprio Momentè a realizzare il primo gol casalingo dell’anno con una meravigliosa punizione dai venticinque metri.

Nei restanti cinque minuti i biancorossi ci provano con la forza della disperazione, ma la vittoria non arriva. Mentre per la retrocessione in D, ormai, manca solo poco più della matematica.

SALA STAMPA

DE PATRE: «Questo pareggio ci tiene ancora in corsa, ma c’è delusione visto che anche oggi abbiamo disputato una grande partita e raccolto meno di quanto prodotto. Non posso rimproverare nulla ai ragazzi, abbiamo la convinzione che possiamo lottare fino alla fine. Andremo a Padova con questo spirito battagliero, le risposte dal campo sono positive anche se i limiti che abbiamo ce li porteremo dietro fino al termine del campionato».

Mister De Patre e il ds Spadoni insieme in sala stampa
Mister De Patre e il ds Spadoni insieme in sala stampa

SPADONI: «La decisione di togliere la fascia a Ricci è della società e presa un paio di giorni fa anche se l’abbiamo comunicata al giocatore solo oggi. Non ci è piaciuto il comunicato che i giocatori hanno scritto e fatto avere alla stampa, è chiaro che non condividiamo modi e tempi. Non so se la proprietà vorrà commentare, per adesso abbiamo preferito agire in questa maniera. La vicenda delle scommesse? Sono contento ci sia un’inchiesta perché almeno verrà fuori la verità, in questi giorni ho visto solo tanto fango. Non mi è piaciuto molto l’atteggiamento del presidente della Lega Pro Gravina che ha dato solidarietà solo ai giocatori del Parma e non ha avuto parole edificanti su tutta la storia. Vorrei sapere il suo parere su Venezia – Fano, che sarà stato sicuro un pareggio giusto, ma la partita è stata tolta dai palinsesti delle agenzie di scommesse addirittura mercoledì».


Lascia un commento

Pane Burro & Marmellata

Una striscia quotidiana di riflessione

di Paolo Fileni

Mascherine usa e getta: nuovo rifiuto 2.2

Una stima parla di quasi due miliardi che finiranno quest’anno negli oceani del mondo


Camerano, 5 aprile 2021 – L’allarme arriva dal Regno Unito, dove una recente analisi condotta dalla North London Waste Authority ha evidenziato come ogni settimana in quel Paese vengano usate e gettate via 102 milioni di mascherine usa e getta. Per rendere l’idea, ricoprirebbero un campo di calcio per ben 232 volte, come scrive la giornalista Francesca Mancuso su greenMe.

Purtroppo è vero: le mascherine usa e getta, quelle che ci proteggono dal virus, sono diventate il rifiuto più importante nell’arco dell’ultimo anno e mezzo. Un rifiuto, per intenderci, che ha superato di gran lunga quello delle bottiglie e dei sacchetti di plastica di cui stiamo per liberarci. Un rifiuto, insieme ai guanti in lattice, che la gente abbandona ovunque: per strada, nelle piazze, nei giardini pubblici, nei campi, lungo i sentieri di montagna, in spiaggia, in alto mare.

Un rifiuto che nessuno smaltisce per paura di un eventuale contagio o, più semplicemente, per menefreghismo. Una negligenza imperdonabile che, a livello trasversale, va imputata sia alla maleducazione delle persone sia all’indifferenza degli enti e delle imprese che dovrebbero smaltirle. Tanto che lo studio britannico, nell’invitare ad affrontare il problema che ormai è mondiale, suggerisce di rivederne la produzione invitando ad utilizzare prodotti biodegradabili.

Un problema serio, dunque, che riguarda tutti e che va risolto al più presto. Ho provato, nel mio piccolo, a testare quanto serio possa essere davvero. L’ho fatto, semplicemente, fotografando le mascherine abbandonate lungo il percorso che faccio abitualmente a Camerano, dove vivo, portando a spasso il mio cane. Un percorso di circa un chilometro e mezzo lungo un tratto di Via Loretana, l’area cani nei giardinetti di Via Scandalli, il parco degli orti. Risultato: ne ho incrociate una trentina. In foto la testimonianza di parte di esse.

Considerato che in Italia i Comuni sono oltre settemila, non è così empirico dire che in totale, in un solo chilometro e mezzo di essi, si siano accumulate come rifiuto oltre 237mila mascherine. Se si moltiplica il dato per tutti i possibili chilometri e mezzo percorribili in ogni Comune, si arriverà ad una cifra stratosferica di mascherine abbandonate sul territorio nazionale. Stimiamo, al ribasso, non meno di una decina di milioni? Sono convinto siano di più.

Una stima dello studio britannico parla di quasi due miliardi di mascherine che quest’anno finiranno negli oceani del mondo. Che facciamo, le lasciamo lì? Educare ad un sano e corretto smaltimento due miliardi di cretini, lo vedo poco percorribile. Chiamare a raccolta Greta Thunberg e i suoi seguaci ambientalisti, altrettanto. Finirà come con la plastica: spenderemo miliardi di euro per sbarazzarcene, e tutto grazie alla stupidità e alla maleducazione di tante persone. Le stesse che ogni giorno si lamentano dell’immane spesa pubblica destinata all’ambiente.

© riproduzione riservata


link dell'articolo

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi