ANCONA - VENEZIA 0 : 1

Ancona ancora sotto: un tiro un gol

ANCONA (4-4-2): Rossini; Barilaro, Moi, Ricci, Forgacs; De Silvestro (35’st Montagnoli), Zampa, Agyei (31’st Djuric), Frediani (31’st Bariti); Momenté, Falou Samb.  A disp.: Scuffia, Daffara, Malerba, Tassoni, Gelonese, Battaglia, Bambozzi, Ascani.  All. Brini

VENEZIA (4-4-2): Facchin; Baldanzeddu, Modolo, Domizzi, Garofalo; Fabris, Pederzoli, Bentivoglio, Marsura (46’st Cernuto); Geijo (23’st Pellicanò), Ferrari (28’st Moreo). A disp.: Sambo, Luciani, Galli, Soligo, Tortori, Stulac, Edera, Acquadro, Vicario. All. Inzaghi.

ARBITRO: Valiante di Salerno

MARCATORI: 21’st Marsura

AMMONITI: De Silvestro, Agyei, Zampa

ESPULSI: 29’pt Garofalo, 3’st Inzaghi dalla panchina, 42’st Momentè, 45′ st Baldanzeddu, 47’st Moreo

NOTE: spettatori 1731, angoli 6-3

Una ripartenza del Venezia
Una ripartenza del Venezia

Vorrei, ma non posso. Questa è la sintesi dell’Ancona vista in campo contro il Venezia: tanta buona volontà, tanto impegno, ma zero risultati. I lagunari di Pippo Inzaghi (ingiustamente espulso all’inizio della ripresa), hanno portato via dal Del Conero l’intera posta in palio con il minimo sforzo, un tiro un gol.

Per  contro, la squadra di Brini ha avuto nel primo tempo un paio di nitide occasioni per passare in vantaggio, ma prima Momentè poi De Silvestro non le hanno sfruttate a dovere: clamoroso l’errore dell’esterno a pochi metri dalla porta sguarnita.

I biancorossi hanno avuto anche il vantaggio della superiorità numerica per un’ora, ma è proprio in questo frangente che gli ospiti hanno dimostrato di essere una squadra solida e assolutamente una delle favorite per il salto diretto in serie B: il Venezia, dopo aver metabolizzato l’espulsione di Garofalo, colpevole di aver colpito Barilaro a gioco fermo, non ha mai rischiato di prendere gol se si eccettua la doppia occasione di cui sopra.

L'espulsione di Pippo Inzaghi
L’espulsione di Pippo Inzaghi

Inzaghi ha pensato a non prenderle poi, resosi conto che l’Ancona non avrebbe creato grattacapi particolari, ha alzato il baricentro dei suoi che hanno colpito al 21’ del secondo tempo: gran palla di Geijo nello spazio per Marsura, che ha bruciato Barilaro ed insaccato in diagonale. La partita praticamente è finita qui se non fosse stato per il signor Valiante che ha deciso di ergersi protagonista totale cacciando prima un nervosissimo Momentè (brutto gesto dell’attaccante che si è strappato la maglia all’atto dell’espulsione stile Hulk Hogan), poi Baldanzeddu e Moreo per peccati assolutamente veniali: una partita correttissima che si è conclusa dieci contro otto…

Al novantesimo fischi per tutti, in particolare per il presidente David Miani che è stato “invitato” ad andarsene: una contestazione annunciata, soprattutto dopo che la società ha ammesso di non aver pagato gli stipendi di agosto entro la scadenza fissata. Ora, per non incorrere in penalizzazioni, bisogna saldare il dovuto ai giocatori entro il 16 ottobre.

SALA STAMPA

Miani: “Brutta sconfitta, ma oggi non posso rimproverare nulla ai ragazzi che hanno dato l’anima. In settimana abbiamo stretto un patto, la società farà di tutto per onorare le scadenze e la squadra deve sempre dare il massimo. Novità? No, ancora no”

Brini: “Sono molto deluso per i ragazzi, perché non meritavano di perdere. Abbiamo avuto diverse occasioni per poter segnare, poi come al solito prendiamo gol al primo errore. Dobbiamo solo lavorare e sono sicuro che prima o poi vedremo i frutti delle nostre fatiche”

Inzaghi: “Una vittoria straordinaria in un campo infame in cui non si può giocare a calcio, faccio i complimenti alla mia squadra che è stata meravigliosa. Avevo paura di un calo dopo l’impresa di Parma, ma anche oggi abbiamo dimostrato di poterci togliere delle soddisfazioni. Potevamo evitare le espulsioni, sono errori che nel corso della stagione possono costarci caro, ma non è stata una partita cattiva: quattro rossi sono esagerati”.

di Claudio Marconi

LA NOTA

Miani contestato platealmente dalla curva. Chiunque altro, al suo posto, avrebbe già tolto il disturbo. Dopo lo sfacelo della sua gestione e degli amici di Sosteniamolancona, non si capisce per quale motivo stia ancora lì. “In settimana ho parlato con i ragazzi – dichiara in sala stampa – e ho detto loro che non li lasceremo soli. Sappiamo benissimo quello che dobbiamo fare e lo faremo”. Un ritornello che l’attuale presidente va ripetendo da troppo tempo. Peccato che l’unica cosa saggia da fare, lui non la prenda neppure in considerazione.

Mister Brini, come da copione e da contratto, difende i suoi ragazzi. “Questo abbiamo e con questo dobbiamo lavorare per migliorare quanto più possibile”, ha rimarcato. Il viso mesto di chi forse proprio non se l’aspettava di trovare ad Ancona una tale situazione.

Nei corridoi dei sotterranei del Del Conero, abbiamo visto aggirarsi un silenzioso Ranieri, presidente onorario del club dorico. Non ha parlato in sala stampa, ma ha ascoltato tutto ciò che lì veniva sciorinato, con l’espressione vacua di chi si domanda: ma io, qui, che ci stò a fare? Cellulare fisso all’orecchio e sguardo basso. L’ha alzato solo una volta quello sguardo, per seguire, avido, l’uscita di Pippo Inzaghi. Lassa stà, presidè, quella nun è robba pè noialtri.

Pippo Inzaghi, in sala stampa, elogia i suoi giocatori nonostante le tre espulsioni patite
Pippo Inzaghi, in sala stampa, elogia i suoi giocatori nonostante le tre espulsioni patite

Ultima nota dedicata proprio a mister Inzaghi. Gongolava come pochi, Pippo, mentre elogiava i suoi ragazzi. Completo scuro alla moda, camicia bianca, cravatta scura e pelle scura abbronzata dal sole. C’è poco da fare, lo stile non è acqua. Abbiamo chiesto ad un collega veneziano chi fosse la proprietà della squadra della Serenissima. “Boh –  è stata la risposta – abbiamo provato a capirlo ma non si è cavato un ragno dal buco”. Ma almeno, pagano gli stipendi? abbiamo insistito. “Puntualissimi!” la risposta.

Hai capito, Raniè?


Lascia un commento

Pane Burro & Marmellata

Una striscia quotidiana di riflessione

di Paolo Fileni

Procida Capitale Cultura 2022, Ancona non ce l’ha fatta!

Il sindaco Valeria Mancinelli: “il nostro progetto, popolare, di crescita e di sviluppo, va avanti”


Ancona, 18 gennaio 2021 – Nella mattinata odierna la commissione del MiBACT presieduta da Stefano Baia Curioni ha proclamato la città di Procida (foto) Capitale italiana della Cultura per il 2022. All’annuncio dato dal ministro Dario Franceschini, sull’isola si è scatenato un tifo da stadio.

I complimenti della commissione, al termine della cerimonia d’assegnazione, sono andati tutti al sindaco Raimondo Ambrosino e al suo staff. La motivazione ha premiato la congiunzione tra il valore del progetto, la sostenibilità economica e le sue ricadute socio culturali. «Siamo strafelici – ha esultato fra le lacrime il sindaco Ambrosino – è un’opportunità storica per noi, per tutte le isole e per l’Italia meno in luce».

Delusione per la città di Ancona, anche se mascherata da ottimismo. La città dorica non ce l’ha fatta a convincere i membri della commissione con il suo progetto incentrato tra l’altro sulla cultura dell’Altro, sull’intenzione di far diventare ordinario lo straordinario, come aveva spiegato l’assessore Paolo Marasca in sede di audizione con il MiBACT.

«È stata appena proclamata la Capitale italiana della cultura 2022. La scelta è caduta su Procida. Mi complimento con il collega sindaco e la comunità dell’isola – il commento ufficiale del sindaco Valeria MancinelliSiamo fieri delle parole del presidente della commissione che ha valutato i progetti e ne ha sottolineato il valore, non solo nazionale ma anche europeo. Siamo anche felici di come è stata motivata la scelta della capitale perché la linea su cui si è mossa Procida e il messaggio che ha voluto lanciare hanno molte affinità con il nostro. Dunque siamo sulla strada giusta. Come ho più volte ribadito il nostro progetto, popolare, di crescita e di sviluppo, va avanti. E lo realizzeremo insieme».

Dunque, nonostante i suoi 2400 anni di storia ed un progetto ampio e variegato, Ancona non ce l’ha fatta. Bocciata per il secondo anno consecutivo dopo il primo tentativo del 2020. A batterla è stata Procida, una cittadina di poco più di 10mila abitanti che si affaccia sul mare del Golfo di Napoli, resa famosa a livello internazionale da Massimo Troisi che qui ha girato molte scene del film Il Postino.

Ancona e Procida, due città bagnate dal mare. 100mila abitanti contro 10mila. Con tutta probabilità, le acque del Golfo di Ancona sono diverse da quelle del Golfo di Napoli. Nonostante la delusione per un’opportunità mancata di crescita importante sul piano socio-culturale e turistico, dal capoluogo delle Marche un in bocca al lupo sincero a Procida: sull’isoletta il 2022 sarà un anno fantastico!

© riproduzione riservata


link dell'articolo

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi