Area Marina Protetta: il Comitato del No replica al TAG Costa Mare

Fabio Fiori: “Chi vive tutto l’anno nell’ambiente marino ed ha a cuore la fauna ittica è contrario allo strumento giuridico Area Marina Protetta per la Costa del Conero”

Ancona, 26 novembre 2020 – In attesa delle decisioni finali di Sindaci e Regione Marche, che a breve dovranno comunicare al Ministero dell’Ambiente le decisioni prese in merito alla costituzione o meno dell’Area Marina Protetta per la Costa del Conero, continua la discussione in merito alla sua validità da parte di ambientalisti, pescatori e fruitori dell’area interessata.

Fabio Fiori, coordinatore Marche-Umbria Fipsas settore pesca in apnea, chiede il diritto di replica in risposta alle associazioni ambientaliste. Replica che ovviamente  è doverosa e che pubblichiamo di seguito integralmente.

Fabio Fiori

«Leggendo l’articolo del Corriere del Conero del 24 novembre con l’appello del TAG Costa Mare (leggi qui) mi sento in dovere di replicare a quanto asserito. I firmatari, sono sicuramente mossi da buoni propositi sulla tutela dell’ambiente, ma molti di loro non hanno alcuna conoscenza ed esperienza di mare, di ambienti marini, di problemi della pesca

La Federazione Italiana Pesca Sportiva ed Attività Subacquee, nella quale svolgo attività dirigenziali da oltre quarant’anni, è associazione di protezione ambientale riconosciuta dal Ministero dell’Ambiente con esperienza specifica nella tutela degli ambienti acquatici sia di acque interne che di mare.

Le affermazioni del tipo: l’ottenimento di concreti ed immediati benefici dalla istituzione della AMP di fronte al Monte Conero, sono pure fantasie.

L’incremento della biomassa di pescato e degli introiti dei pescatori sono smentiti dalle ricerche scientifiche effettuate in varie AMP già istituite. La biomassa tra le zone “B” e “C” e le zone esterne alla AMP è equivalente perché la pesca costiera professionale non viene preclusa. L’effetto positivo è invece presente nelle zone “A” di riserva integrale, che però non sono previste nel progetto di AMP del Conero.

La pesca con le reti da posta (tramaglio) è esercitata oggi in maniera talmente massiccia lungo tutta la Riviera del Conero da intaccare profondamente gli stock ittici, ebbene questo tipo di pesca non viene limitata nelle zone “B” e “C” delle AMP.

Ancora più fantasiose sono le affermazioni di sviluppo di attività di carattere economico quali il whale-watching (per i non addetti ai lavori si parla di turismo dedicato alla osservazione delle balene).

Sicuramente penalizzate sarebbero invece le attività nautiche, la pesca sportiva e la pesca in apnea, che vengono svolte anche in periodo primaverile ed autunnale consentendo una destagionalizzazione del turismo al di fuori della stagione balneare, nella quale le presenze sono fin troppo numerose.

Chi vive tutto l’anno nell’ambiente marino ed ha a cuore la fauna ittica è contrario allo strumento giuridico “Area Marina Protetta” per la Costa del Conero.

Più adatte ed efficaci per il contesto della Riviera del Conero sarebbero le Zone di Tutela Biologica, nelle quali è precluso qualunque tipo di prelievo sia sportivo che professionale, da realizzare in siti di estensione limitata e facilmente controllabili. Ancora più efficaci se abbinate a barriere artificiali che ostacolano la pesca industriale e creano ulteriori nuovi habitat, idonei per lo sviluppo delle specie ittiche, come ampiamento dimostrato dagli impianti realizzati dall’Istituto per le Risorse Biologiche e le Biotecnologie Marine del CNR di Ancona».

segue firma

 

redazionale

© riproduzione riservata


Lascia un commento

Pane Burro & Marmellata

Una striscia quotidiana di riflessione

di Paolo Fileni

Covid – Ok lo screening di massa a Osimo e Castelfidardo

Organizzazione perfetta e soliti denigratori


Camerano, 24 gennaio 2021 – Al PalaBaldinelli di Osimo e al PalaOlimpia di Castelfidardo (foto) sono in corso gli screening di massa gratuiti tramite tampone antigenico rapido che rientrano nel progetto Marche Sicure messo in atto dalla Regione.

Al PalaBaldinelli, da oggi e fino a martedì 26 gennaio, oltre agli osimani possono sottoporsi allo screening i residenti di Filottrano, Agugliano, Polverigi, Santa Maria Nuova e Offagna. Al PalaOlimpia, oggi e domani, i residenti di Castelfidardo, Camerano, Numana e Sirolo.

In un Paese dove tutto si complica e niente risulta efficiente quando si tratta di dare servizi alla popolazione, va detto che sia ad Osimo sia a Castelfidardo le procedure di screening stanno procedendo senza intoppi. Meglio, in entrambe le realtà l’organizzazione, lo staff medico, gli addetti, stanno producendo un lavoro d’eccellenza.

Nonostante la massiccia adesione, e nonostante il giorno di pioggia, tutto risulta ben organizzato, non ci sono file d’attesa, il personale addetto allo screening risulta gentile, altamente professionale, con una particolare disponibilità nei confronti di anziani e bambini. E per capire quanto ciò sia rispondente alla realtà basta andare su Facebook e leggersi le centinaia di apprezzamenti, ringraziamenti e complimenti postati da altrettanti cittadini che si sono sottoposti al test.

In linea di principio, ma bisognerà aspettare il termine dello screening per avere un dato certo e attendibile, la percentuale di positivi che sta uscendo dai test si aggira intorno all’uno per mille a Castelfidardo, qualche virgola in più ad Osimo ma lo scostamento è minimo.

Particolarmente soddisfatti di questo andamento i due sindaci, Simone Pugnaloni e Roberto Ascani, che oltre ad averci messo del proprio nell’organizzazione non perdono occasione per ringraziare tutti gli artefici di questo bell’esempio di efficienza. Un’esperienza cui plaudire senza se e senza ma, che sarà propedeutica alla fase successiva della vaccinazione per tutti. Un esempio di come sia possibile far bene le cose quando il sindaco è valido e ci crede, a prescindere dalla propria appartenenza politica.

Eppure, nonostante tutto ciò, sui social c’è chi proprio non ce la fa a dare a Cesare quel che è di Cesare, a riconoscere all’avversario politico un successo, una capacità. Come nel caso di un nostro lettore che sotto l’articolo di presentazione dello screening ad Osimo ha postato: “Una bella pubblicità per il PD osimano”.

Non citerò il nome del lettore, non ne vale la pena. E dirò anche – ma lui lo sa – che Pugnaloni non raccoglie il massimo delle mie simpatie giornalistiche, ma questa è un’altra storia. In questa storia dello screening di massa, invece, riconosco al sindaco Simone Pugnaloni un gran lavoro al servizio della sua comunità e di quelle degli altri Comuni che sta ospitando al PalaBaldinelli. E sono convinto che neppure per un attimo, mentre si dava da fare per organizzarlo, abbia pensato alla sua appartenenza politica. E lo stesso vale per Roberto Ascani. Grazie sindaci!

© riproduzione riservata 


link dell'articolo

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi