Loreto posticipa il pagamento della Tassa Rifiuti

Il provvedimento preso dall’Amministrazione comunale in seguito alla pandemia da Covid-19. Previsti anche sconti e riduzioni per le utenze domestiche e non domestiche

Loreto, 9 settembre 2020 – Per agevolare i contribuenti in questo anno colpito dalla pandemia da Covid -19, L’Amministrazione comunale ha deciso di posticipare il pagamento delle rate della tassa rifiuti nel seguente modo:

  • 30 settembre 2020
  • 30 novembre 2020
  • 28 febbraio 2021
  • soluzione unica  30 settembre 2020

Nel caso l’avviso dovesse essere recapitato in ritardo, si può procedere al pagamento senza l’applicazione di ravvedimenti, sanzioni o interessi. Qualora vi siano modifiche da apportare all’avviso per sopravvenute variazioni, prima di procedere al pagamento l’utente si deve rivolgere all’ufficio Tributi (tel: 071/7505636 – 7505666 – mail tributi.loreto@regione.marche.it), per procedere alle necessarie modifiche o integrazioni.

Loreto – Raccolta rifiuti (foto di repertorio)

Riduzione Covid-19

per utenze non domestiche

Per il solo anno 2020, in conformità alla delibera Arera n. 158/2020, alle utenze non domestiche di cui sia stata disposta la chiusura e la successiva riapertura, con provvedimenti governativi emessi a seguito dell’emergenza Covid-19, sono applicate le riduzioni della quota variabile della tariffa in proporzione ai giorni di chiusura imposti, come di seguito specificato:

Cat.Descrizione ex DPR 158/99CODICE ATECO

INDICATIVO

GG. DI CHIUSURA%

RIDUZIONE QUOTA VARIABILE

1Musei,91.027125%
Biblioteche91.017125%
Scuole85>12025%
Associazioni945625%
Luoghi di culto94.917125%
2Cinematografi e teatri59.14-90.049925%
3Autorimesse, magazzini senza alcuna vendita diretta00%
4Campeggi00%
Distributori di carburante00%
Impianti sportivi93.11-93.12-93.137625%
5Stabilimenti balneari93.39.2000%
6Esposizioni e autosaloni45.115325%
7Alberghi con ristorante55.16725%
8Alberghi senza ristorante, bed and breakfast55.16725%
9Case di cura e riposo, Caserme, Altre collettività86.10-87.3000%
10Ospedali86.1000%
11Uffici, agenzie,  studi professionali6725%
12Banche, istituti di creditoK6400%
13Negozi di abbigliamento commercio al dettaglio di vestiti per bambini e neonati47.713325%
Negozi di libreria47.613325%
Negozi di cartoleria47.62.203325%
Negozi di abbigliamento, calzature e altri beni durevoli47.72-47.716725%
15Negozi particolari: filatelia tende e tessuti, tappeti, cappelli e ombrelli, antiquariato47.53.11-47.51.10-47.53.12-47.71.50-47.79.206725%
16Banchi di mercato beni durevoli47.82-47.896725%
17Attività artigianali: parrucchieri, barbieri, estetista, lavanderie96.026725%
18Attività artigianali: falegnami, idraulici fabbri ed elettricistiSI VEDA CODICE ATECO4225%
19Carrozzeria, autofficine, elettrauto, gommistaSI VEDA CODICE ATECO025%
20Attività industriali con capannone di produzioneSI VEDA CODICE ATECO4225%
21Attività artigianali di produzione beni specificiSI VEDA CODICE ATECO4225%
22Ristoranti, trattorie, osterie, pizzerie e pub566725%
23Mense, birrerie hamburgherie56.26725%
24Bar, caffè; pasticceria566725%
Fiori e piante47.76.105325%
Pizza al taglio56.10.205325%
30Discoteche, night club, sale da ballo93.29.10>12025%

 

utenze domestiche

Per il solo anno 2020, alle utenze domestiche verrà applicata una riduzione pari al 10% nella parte variabile della tariffa di competenza, qualora il contribuente dichiari che per il grave disagio economico-sociale, causa emergenza Covid-19, abbia già usufruito entro il mese di luglio 2020, del bonus per le utenze acqua, luce, gas.

La dichiarazione del contribuente richiedente dovrà essere confermata da parte del Settore servizi sociali. L’agevolazione è prevista per una sola utenza ad uso domestico nella titolarità di uno dei componenti del nucleo famigliare.

Per info, codici Ateco e moduli di richiesta rivolgersi all’ufficio Tributi del Comune.

 

redazionale

© riproduzione riservata


Lascia un commento

Pane Burro & Marmellata

Una striscia quotidiana di riflessione

di Paolo Fileni

Il dilemma dei cameranesi doc

Dove andrà a finire il loro voto per le Regionali?


Camerano, 16 settembre 2020 – Mancano quattro giorni all’apertura dei seggi per votare sì o no al referendum confermativo del taglio dei parlamentari. Un election day per la verità, dal momento che qui nelle Marche si vota anche per eleggere il nuovo Presidente di Regione e, in tre Comuni nella provincia di Ancona, si vota anche per eleggere il nuovo Sindaco.

Qui a Camerano saranno due le schede che verranno consegnate agli elettori: quella per il referendum e quella per le regionali. E su quest’ultima mi vorrei soffermare. Non foss’altro, perché qui a Camerano a distanza di vent’anni c’è un cameranese doc candidato alla carica di consigliere regionale nelle fila di Fratelli d’Italia di Giorgia Meloni. Unico candidato in tutto il Comune. Si chiama Lorenzo Rabini (foto) e in paese lo conoscono praticamente tutti. Perché è stato – ed è –  consigliere comunale dal 2001 e consigliere provinciale dal 2007.

Una lunga militanza politica la sua, che nel 2000 lo aveva già portato ad una prima candidatura alla Regione: “Quello fu un modo per farmi conoscere territorialmente” dice lui a tal proposito.

Ma è un’altra la riflessione che vorrei fare e la domanda che mi pongo. Una curiosità che senz’altro verrà appagata il 22 settembre a scrutini terminati. Quanti voti i cameranesi, dirotteranno su di lui? Camerano è un Comune che da decenni è governato dal PD, anche se il sindaco in carica me lo negò espressamente a precisa domanda anni fa. E se il PD sta lì da tempo, significa che di simpatizzanti in paese ne ha una buona manciata.

Cosa prevarrà negli animi di questi simpatizzanti, la bocciatura a prescindere verso un uomo di centrodestra, o la volontà e la necessità di avere in Regione uno che li rappresenti? Per giunta, uno di loro, un compaesano. Detta in un altro modo, quanto hanno colto, i cameranesi, della lunga esperienza politica accumulata negli anni da Rabini? Quanto potrà essere utile un compaesano in Regione per provare a cambiare le sorti e il futuro di un paese come Camerano che si sta spegnendo giorno dopo giorno? Sempre, ovviamente, che Rabini in Regione ci arrivi.

Personalmente, ho sempre pensato e pesato il mio voto badando più al candidato e al suo programma; cercando di valutare come si è mosso negli anni e quanto ha prodotto, come lo ha prodotto e verso chi, piuttosto che basarlo sul colore di una bandiera o di una chiesa. Eppoi, diciamocelo: tra avere un conoscente in Regione e non averlo, è sempre preferibile averlo: non si sa mai!

Staremo a vedere come la pensano e come si muoveranno i cameranesi. Se la vivranno come un’opportunità in più o: “chi se ne importa, tanto il paese è quello che è e non sarà certo un Rabini di turno a cambiare il suo destino”, come mi ha detto tempo fa un altro cameranese doc.

© riproduzione riservata

 


link dell'articolo

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi