L’Ancona 1905 paga gli stipendi ai giocatori… con i soldi di Marinelli!

La società, ormai allo sbando, si salva temporaneamente usando la fidejussione dell’ex patron

testatina-ancona-1905-palla-al-centro

Arrivano gli stipendi! I giocatori, molti dei quali sono fermi al pagamento di ottobre, finalmente potranno ricevere gli arretrati per i quali stanno minacciando da tempo la messa in mora della società (anzi, sembra che l’avvio delle pratiche sia imminente per le mensilità di gennaio e febbraio, oltre alle ingiunzioni di pagamento già pervenute da parte dei ceduti Moi, De Silvestro e Malerba). Il tutto sarà possibile grazie a… Andrea Marinelli!

Un Andrea Marinelli pensieroso ai tempi della sua presidenza dell'Ancona. Un periodo felice per la società rimpianto da tanti tifosi
Un Andrea Marinelli pensieroso ai tempi della sua presidenza dell’Ancona. Un periodo felice per la società rimpianto da tanti tifosi

Sì, perché l’attuale proprietà non ha nessuna intenzione di spendere un solo euro nell’Ancona, come fatto intendere dal dg Nacciarriti che ha parlato di “disimpegno degli attuali soci”. Ed allora ecco che è partito l’iter per cominciare ad erodere la fidejussione che l’ex patron aveva garantito nelle ultime due stagioni.

La Lega Pro, su richiesta della stessa Ancona, ha acconsentito allo sblocco di 116mila euro che nei prossimi giorni verranno corrisposti al club per saldare le pendenze con i tesserati.

Le prime dichiarazioni in sala stampa di Marco Nacciarriti, il nuovo direttore generale dell'Us Ancona 1905
Marco Nacciarriti, il nuovo direttore generale dell’Us Ancona 1905

Ciò non salverà l’Ancona dal deferimento e, probabilmente, dal ricevere un punto di penalizzazione per non aver ottemperato agli obblighi entro il termine del 16 febbraio (gli stipendi e i contributi fino al 31 dicembre).

Con la successiva scadenza del 16 aprile che incombe (ma l’eventuale penalizzazione sarebbe da scontare nel prossimo campionato, qualunque esso sia).

Per decidere i passi futuri, domani ci sarà una importantissima assemblea dei soci: la società dorica dovrà in seguito comunicare alla Co.Vi.So.C il parametro PA, la differenza cioè tra il patrimonio contabile ed il netto patrimoniale, il cui rispetto è assolutamente indispensabile per l’iscrizione al prossimo campionato. Attualmente l’Ancona è fuori da quel parametro, e anche di molto.

Ercole Di Nicola
Ercole Di Nicola

Nasce spontaneo un sorriso amaro al pensiero dell’estate 2015,  quando si parlava di calcio etico e auto-sostenibile, di chiusura verso personaggi poco chiari: l’Ancona è in mano ad Ercole Di Nicola, nonostante non abbia ruoli ufficiali, squalificato per calcio scommesse (è di lunedì la notizia di altri 2 anni e 7 mesi a suo carico, e in totale fanno 7 anni e 7 mesi), e la società in queste due stagioni si è praticamente retta grazie ai soldi dei soliti noti, Marinelli in primis. La sua fidejussione permetterà alla società di terminare l’anno senza andare in default. Poi da giugno qualche santo sarà. Ma non abita certo a Bolzano.

 


Lascia un commento

Pane Burro & Marmellata

Una striscia quotidiana di riflessione

di Paolo Fileni

Primo Maggio con mascherina

Nessun corteo, nessuna bandiera, nessun concerto, pochi vaccini


1 maggio 2021 – Oggi, esattamente come un anno fa. E questo editoriale potrebbe finire qui. Trecentosessantacinque giorni fa, giorno più giorno meno, uscivamo da una dura segregazione forzata in casa dovuta ad una pandemia ignorata da tutti. Erano i giorni degli striscioni ai balconi che recitavano “andrà tutto bene”, “insieme ce la faremo”. Invece, a distanza di 12 mesi siamo ancora qui a misurare quotidianamente i morti per Covid e le persone in quarantena. A registrare l’evoluzione di un virus che sembra invincibile con la sua capacità di trasformarsi in cento varianti sparse nel mondo sempre più aggressive.

Prima ondata, segregazione in casa, apertura; seconda ondata, chiusure forzate; regioni gialle, arancioni, rosse. Obbligo dell’uso delle mascherine, del lavaggio delle mani, del rispetto delle distanze… Traffici e frodi per una bombola d’ossigeno introvabile, gli speculatori dei respiratori, le terapie intensive al collasso, bare accatastate in un magazzino qualsiasi, morti mai consegnati ai parenti. Variante inglese, brasiliana, indiana… E poi l’arrivo dei vaccini, i ritardi nelle consegne, i furbetti del “vax prima io” o del “no vax”…

A riviverli così, questi ultimi 12 mesi, ci rendiamo conto che il vocabolario non ci appartiene. Fatti, accadimenti, decisioni e comportamenti alieni al genere umano. Invece no, è tutto vero, reale. È successo nel nostro quotidiano, sta succedendo e continuerà a succedere. Alla faccia di chi fa finta di niente o bolla tutto come un enorme complotto ordito per governare e soggiogare il popolo, per togliergli ciò che di più sacro esiste: libertà e lavoro.

Oggi, festa dei lavoratori, la libertà del popolo è legata ad una vaccinazione di massa che va troppo a rilento e i lavoratori, stremati dal rispetto delle regole anticoronavirus e con il fiato corto dietro le mascherine, non hanno nulla da festeggiare. Un po’ perché in tanti il lavoro l’hanno perso, altri perché non hanno più i fondi necessari a sostenere l’attività.

Niente celebrazioni dunque, niente cortei, bandiere al vento o concerti in piazza com’era uso fare fino a un paio d’anni fa. Non ci sono i presupposti. Sarà un Primo Maggio con la mascherina: unico orpello concesso in tempo di pandemia.

© riproduzione riservata


link dell'articolo

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi