Calcio – Le caldissime estati dell’Ancona

Una storia che si ripete da decenni. E questa del 2017 potrebbe essere l’ultima

Ancona – È la terza estate caldissima negli ultimi 13 anni: l’Ancona è ad un passo dallo scomparire per la terza volta dal calcio dopo il 2004 ed il 2010. Andiamo ad analizzare differenze ed analogie e a cercare di capire cosà potrà accadere da qui al 12 luglio, data di scadenza dei termini per l’iscrizione in serie D.

ESTATE DEL 2004

L’Ancona era reduce dal suo secondo campionato di serie A culminato con una retrocessione non proprio onorevole: la squadra di patron Ermanno Pieroni realizzò soltanto 13 punti in 34 partite, vincendo la prima gara soltanto alla vigilia di Pasqua contro il Bologna.

Al termine del campionato la società era sommersa dai debiti, causa di qualche investimento sbagliato (vedi il contratto con la pay tv Gioco Calcio, una piattaforma fallita dopo pochi mesi),  ed a una gestione non proprio limpida che portò il club al fallimento ed alla bancarotta. Pieroni sta ancora finendo di scontare la pena in carcere.

Ermanno Pieroni

Dopo l’esclusione dalla serie B si mise in moto l’allora sindaco Fabio Sturani che organizzò un tavolo di lavoro formato dagli industriali della città, tra i quali Sergio Schiavoni, Massimo Virgili e Paolo Giampaoli: la cordata cercò di ripartire dalla C1 grazie al Lodo Petrucci, abolito anni dopo, ma al momento di mettere nero su bianco saltò tutto.

Sergio Schiavoni decise allora di agire in solitaria e, grazie ai buoni uffici con l’allora vice Premier Gianni Letta, iscrisse la nuova Ancona in C2.

ESTATE DEL 2010

Dopo due campionati di serie B, l’Ancona del manager bustocco Enrico Petocchi quell’anno aveva grossi problemi di liquidità che erano costati alla squadra diversi punti di penalizzazione nell’arco della stagione.

Enrico Petocchi

Entrò in società l’imprenditore Alfredo Villa, che cercò di trovare la fideiussione da 800 mila euro necessaria per iscrivere il club alla serie B: per agevolare la situazione fu venduto al Siena il centravanti Mastronunzio, per oltre 2 milioni (tuttora miglior realizzatore biancorosso del dopoguerra con 54 gol in 113 presenze).

Ma fu tutto inutile, l’Ancona fu esclusa per non aver consegnato la garanzia di quei famosi 800 mila euro. E tanti saluti al credito della vendita di Mastronunzio, che fu utilizzato nei mesi successivi per il pagamento degli arretrati ai calciatori.

Andrea Marinelli

Quell’Ancona non fallì mai. Fu messa in liquidazione (Petocchi provò anche ad iscriverla in Terza Categoria, ma la squadra non si presentò in capo nelle prime 4 giornate e fu prima esclusa ed in seguito radiata).

Anche qui il sindaco, che in quel periodo era Fiorello Gramillano, cercò di radunare imprenditori per provare a ripartire almeno dalla serie D, ma i tifosi, anche grazie o a causa della nascita di Sosteniamolancona, scelsero di ripartire dall’Eccellenza, dal Piano San Lazzaro e da Andrea Marinelli che lo trasformò nell’Ancona 1905.

ESTATE 2017

La situazione dell’Ancona 1905 è diversa da quelle precedenti, se non altro per le prospettive aperte. Il club non ha un euro in cassa ed ha circa un milione e mezzo di debiti fra sportivi e non.

Cosa serve a Miani & company per iscrivere la squadra alla serie D? Il pagamento, entro il 12 luglio, degli stipendi fino al 31 maggio e dei contributi fino al 30 aprile: attualmente la società ha corrisposto ai tesserati, grazie alla fideiussione di Marinelli, gli stipendi ed i contributi fino a febbraio.

In soldoni, quanto serve all’Ancona? Diciamo circa 500 mila euro subito, il resto entro il 30 settembre (per arrivare ai circa 800mila euro di debito sportivo esistente). Più tutto il resto.

Miani, Di Nicola, Schiavoni

Ce la farà Miani nell’impresa? Con questa proprietà certamente no, gli abruzzesi di Ercole Di Nicola nel 2017 non hanno messo neanche un euro nel club. L’ex paladino del calcio etico sta provando a coinvolgere varie cordate, di cui si conosce poco o nulla. Ma con un unico denominatore comune: dopo aver manifestato interesse, scompaiono!

Non è da escludere che Miani possa fare domanda di iscrizione alla D il 12 luglio, ma i documenti saranno ovviamente incompleti: l’obiettivo di una tale manovra potrebbe essere prendersi altre due settimane di tempo per arrivare al 26 luglio, quando la LND comunicherà le iscritte e le escluse.

Alternative? A differenza del 2004 e del 2010 attualmente nessuna. Sergio Schiavoni sta cercando di trovare risorse per formare una nuova società, ma al momento tutti suoi tentativi sono caduti nel vuoto. La prospettiva è che l’estate del 2017 possa essere quella più calda nella storia dell’Ancona e che soprattutto possa essere l’ultima.


Un commento alla notizia “Calcio – Le caldissime estati dell’Ancona”:

  1. f says:

    nessuno ha contatti con i della valle?
    in prima squadra ci mandano i tanti giovani acerbi da firenze che non sono da serie A e che devono maturare, nel contempo si instaura una scuola calcio SERIA in ancona in stile cantera.

Lascia un commento

Pane Burro & Marmellata

Una striscia quotidiana di riflessione

di Paolo Fileni

Meglio essere formica o essere cicala?

Riflessioni a confronto nell’evolversi della società


Camerano, 19 giugno 2022 – La favola di Esopo la conosciamo tutti, sì sì, quella della formica e della cicala. Quella dove si racconta delle formiche che passano tutta l’estate a faticare e a immagazzinare semi e provviste per l’inverno, mentre le cicale se ne fregano delle provviste e dedicano i mesi estivi a godersi il sole e a cantare da mattina a sera. Poi, quando l’estate passa e arriva il freddo dell’inverno, le formiche hanno cibo per superarlo mentre le cicale muoiono di fame.

Morale a parte (è chiaro che Esopo ci tramette la negatività dell’essere cicala), ai giorni nostri, essere formica vale ancora la pena? Voglio dire, visto l’andazzo delle cose, ha ancora senso passare una vita a spaccarsi la schiena per assicurarsi un inverno decedente e sostenibile, oppure è meglio godersela quanto più è possibile, fare ciò che si vuole e non ciò che si deve, tanto alla fine quando viene l’inverno ci sarà qualcuno che penserà anche alle cicale?

Negli ultimi sessant’anni il mondo è cambiato parecchio. Per certi versi in bene, per altri in male. Parecchio in male. I nostri genitori, negli anni ’60 del secolo scorso, hanno iniziato a fare le formiche e, dopo una vita di lavoro, rinunce e tanto sudore, in linea di principio sono riusciti ad avere una casa di proprietà e ad assicurarsi una vecchiaia senza tribolazioni. Ma quelli erano anni in cui le regole esistevano ed erano rispettate. Oggi?

Oggi, ai genitori dell’ultima generazione non basterebbero tre vite vissute nelle rinunce per riuscire a mettere al sicuro la propria vecchiaia né, tantomeno, a garantire serenità ai propri figli; e forse è anche per questo che di figli non se ne fanno più. Allora, visto come stanno le cose, che senso ha essere formica? Meglio essere cicala, se non altro me la sono goduta!

Meglio essere cicala anche perché, quando l’inverno arriva, arriva anche la Naspi, il reddito di cittadinanza, il sussidio di disoccupazione, lo sconto sulle bollette in base al proprio Isee (che più è basso e meglio è). Il lavoro? Ma che, sei matto? Chi me lo fa fare di sudare le proverbiali sette camicie quando, stando a casa in canottiera, mi danno comunque dei soldi per vivere?

Certo, mica tutti sono così… cicale, le eccezioni esistono, ma sono milioni quelli che non fanno eccezione. Quelli che (anziani indigenti a parte) oggi succhiano dal sociale tutto ciò che possono e che dicono: domani si vedrà! Eppoi, sai che domani! Le pensioni spariranno, così come tanti lavori. Magari arriva la terza guerra mondiale e… amen. Il lavoro è sempre più precario e non permette di programmare il futuro. La vita è così breve che va vissuta e non certo subìta. Meglio mille volte cicala che formica!

Eddai, ci risiamo! Eppure, basterebbe così poco. Basterebbe pagare salari equi ed onesti, con denaro che abbia un potere d’acquisto reale e solido, cosicché, dopo aver pagato l’affitto, le bollette, il cibo per la famiglia, la scuola dei propri figli, restasse ancora qualcosa per qualche capriccio. Negli anni ’60 era così, poi è arrivata la globalizzazione e la Terza Repubblica.

Ma negli anni ’60 le cicale si contavano sulle dita di una mano, e venivano additate come esempio negativo. Oggi, nel 2022, è l’esatto opposto; oggi, le cicale vengono osannate sui social. Fare sacrifici, lavorare sodo anche per poco, aspirare ad un traguardo migliore, sono modi di vivere che non ci appartengono più: che siano le formiche a fare fatica!

© riproduzione riservata


link dell'articolo