Ancona – Al Del Conero arriva il Marina Calcio

Calcio Eccellenza 15ª giornata, domenica 22 dicembre ore 15. Daniele Boafo, attaccante, e Luca Bartolini, difensore, i nuovi acquisti dei dorici

Ancona, 20 dicembre 2019 – Con la quindicesima giornata che si giocherà al Del Conero domenica 22 dicembre inizio ore 15, il Campionato Eccellenza Marche arriva al giro di boa di un torneo capace di regalare ogni week end emozioni forti.

In modo particolare, nella parte alta della classifica che la scorsa domenica ha visto frenare la capolista Atletico Gallo Colbordolo costretta in casa al pareggio (2-2) dalla Vigor Senigallia che lo scorso martedì ha ufficializzato il tesseramento di Andrea Lazzari, centrocampista da oltre 200 presenze in serie A; il Castelfidardo pareggiare con lo stesso punteggio a Montefano e il Porto D’Ascoli perdere a Fossombrone, permettendo così ai locali di restare secondi a 4 punti dalla vetta.

Luca Bartolini, giovane difensore neo acquisto dell’Anconitana

Chi ha approfittato di questa combinazione di risultati è l’Anconitana. Dopo i novanta minuti di Servigliano contro San Marco Lorese, una vera e propria battaglia con i padroni di casa che non hanno mai tirato indietro le gambe nei contrasti, combattuta su un terreno ai limiti della praticabilità, l’eurogoal di Esteban Giambuzzi ha permesso ai biancorossi di portare a casa i tre punti che li hanno catapultati al terzo posto in classifica, a -5 dai pesaresi e a pari merito con Porto D’Ascoli, Castelfidardo e Fossombrone.

Il nuovo assetto tattico preparato da Umberto Marino – un 4-4-2 che grazie alla propensione offensiva dei due esterni Mansour e Fiore si trasforma in fase d’attacco in un 4-2-4, e con l’inserimento di Liccardi fortemente voluto dal mister – ha notevolmente modificato “l’anima” dell’undici biancorosso: il “Toro” di Pollena Torchia, subito in gol all’esordio, crea spazi per Ambrosini sgravato dalla responsabilità d’essere l’unico terminale d’attacco. I due, se faranno reparto, potrebbero diventare devastanti per le difese avversarie nella seconda parte del campionato.

Foto ufficiale del Marina Calcio

Anche a centrocampo le cose sembrano essere migliorate. L’arrivo di Basualdo, che sembra trovarsi molto bene con capitan Visciano, crea una coppia bene assortita; se i due esterni, oltre a spingere, riusciranno a fungere anche da filtro, sarà difficile per gli avversari attaccare gli spazi.

Mercato dei dorici. Oltre all’attaccante classe 2001 Daniel Boafo, si è unito al gruppo Luca Bartolini, difensore anconetano proveniente dal Fabriano Cerreto. Va a rinforzare il reparto probabilmente migliore della squadra, indebolito dall’infortunio capitato a Trombetta.

A testare i progressi della compagine di Umberto Marino, domenica al Del Conero arriva il Marina Calcio. La compagine allenata da Nico Mariani, considerata una delle rivelazioni del torneo e alla sua quarta partecipazione, si presenta alla sfida con un bottino di 22 punti frutto di 6 vittorie, 4 pareggi, 4 sconfitte, 16 reti realizzate (5 quelle messe a segno da Riccardo Pierandrei), contro le 12 subite. E con la curiosa statistica di non avere a proprio carico alcun cartellino rosso.

Terna arbitrale interamente anconetana per questo match che sarà diretto dal sig. Marco Serenellini; assistenti, i signori Luigi Domenella e Stefano Principi.


Lascia un commento

Pane Burro & Marmellata

Una striscia quotidiana di riflessione

di Paolo Fileni

Primarie del centrosinistra ad Ancona

Lo scontro politico per scegliere il candidato sindaco è fra Ida Simonella e Carlo Maria Pesaresi


Camerano, 23 novembre 2022 – A solleticare questo paneburro&marmellata – ultimamente non è semplice trovare argomenti stimolanti – è stato un lungo post su Facebook di Ezio Gabrielli pubblicato qualche giorno fa e intitolato “Si torna a respirare!”. Consiglio di leggerlo. Argomento: le primarie del centrosinistra ad Ancona per scegliere il candidato sindaco alle Amministrative del 2023.

Due sono i candidati: Ida Simonella, appoggiata apertamente e senza tanti fronzoli dal sindaco uscente Valeria Mancinelli, e Carlo Maria Pesaresi. Quest’ultimo, nelle grazie di Ezio Gabrielli: lo ammette con forza nel suo post di cui, tra l’altro, condivido quasi in toto l’analisi.

Sono 17 i seggi scelti per le primarie sparsi in città, ai quali domenica 27 novembre potranno accedere dalle ore 8.00 alle 20.00 (tranne i seggi 9 e 12 aperti dalle 8.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 20.00), tutti gli anconetani dai 16 anni in su, previo un minimo contributo in denaro che pare essere volontario.

La feroce critica di Gabrielli al doppio mandato consumato dalla Mancinelli, la condivido. Non conosco personalmente lui, o i due candidati in lizza, o la Sindaca uscente, per cui posso dire la mia senza vincoli di sorta.

«L’impegno di Carlo Pesaresi di questi giorni ha imposto a tutto il centrosinistra, comprese le parti più recalcitranti e settarie, di rimettersi in moto rianimando un sistema linfatico di relazione che l’approccio Mancinelliano della delega in bianco – ed è questa la critica più feroce che deve essere rivolta a quel gruppo dirigente – aveva inaridito», scrive Gabrielli. E ancora: «Il centrosinistra ha realmente creduto che si potesse presidiare un territorio con l’idea dell’uomo/donna forte a cui delegare le scelte… e lo scorso settembre ci siamo, anche nella nostra città, ritrovati con un corpo rattrappito (incapace financo di fare una iniziativa elettorale con tutti i candidati alla Camera, Senato e Primarie), bloccato dall’anoressia di confronto e di idee e così, ritrovarci con una manciata di voti di distanza dal centrodestra».

«Abbiamo governato bene – continua Gabrielli – ma abbiamo manifestato limiti; nelle dinamiche complesse (esempio fra tutte la costruzione dell’azienda unica provinciale dei rifiuti, obbiettivo principale che era stato dato alla Mancinelli sette anni fa), la politica della delega e della semplificazione arrogante non ha funzionato; un tempo siamo stati un capoluogo di regione ma abbiamo perso, in favore di una visione “paesana”, la capacità di esercitare quel ruolo».

Su “abbiamo governato bene” caro Gabrielli, dissento. L’Ancona di oggi non è migliore di quella presa in mano dalla Mancinelli dieci anni fa. Ancona capoluogo di regione, oggi, è una bestemmia. Basta fare un giro a Fano, Pesaro Urbino, Civitanova o Ascoli per capire e toccare con mano quanta vita sociale ed economica in più ci sia in quelle realtà rispetto alla dorica. Invito i lettori ad esprimersi su questo concetto.

In ultimo, al di là delle manovre di partito e degli eventuali interessi in gioco, personalmente m’interessa poco chi sarà il candidato Sindaco di Ancona del centrosinistra. Che sia Simonella o che sia Pesaresi – dalle voci di corridoio, il vincitore delle primarie del centrosinistra si dovrà misurare con il candidato di centrodestra Daniele Silvetti, attuale presidente dell’Ente Parco del Conero, ma non c’è nulla di ufficiale – quel che davvero m’interessa, e credo sia così anche per la gran parte degli anconetani, è che il nuovo Sindaco di Ancona abbia le capacità necessarie, e la giusta visione, per riportare Ancona al centro della regione Marche sul piano politico, geografico, sociale, industriale, culturale e turistico. Un gran lavoro, non lo nego, ma è un lavoro che va fatto se Ancona vuole restare a pieno titolo capoluogo di regione.

© riproduzione riservata


link dell'articolo