Ancona 1905 – “Cronaca di una morte annunciata”

La palla ora passa al sindaco Valeria Mancinelli

Stavolta è finita davvero. L’Ancona rinuncia a completare gli incartamenti per l’iscrizione in serie D, la cui domanda incompleta è stata presentata la settimana scorsa. Miani si arrende, troppe le difficoltà incontrate per reperire fondi, nonostante il lavoro del ds Antonio Recchi, molto contrariato dall’esito finale.

Ma cos’è successo per far prendere a Miani una decisione così improvvisa? Da quanto trapela da fonti vicine alla società, un istituto bancario non avrebbe anticipato la cifra che sarebbe servita per l’iscrizione, nonostante alcuni sponsor avrebbero promesso il loro appoggio.

L’A.d. David Miani ha gettato la spugna. Con un comunicato ha ufficializzato l’impossibilità di iscrivere la squadra alla serie D. Il suo tentativo di salvataggio della società dorica è fallito

Vero o no non cambia la sostanza: l’Us Ancona 1905 ha terminato la sua corsa. Ora si aprono vari scenari per il futuro.

Che ne sarà di Miani? L’A.d. proverà con tutte le sue forze ad evitare il fallimento, magari puntando alla liquidazione come Petocchi nel 2010. Ma l’Ancona odierna non ha i crediti della cessione Mastronunzio come all’epoca: quei soldi servirono a trovare un accordo con tutti i creditori e l’Ac Ancona non fallì.

Miani è solo contro tutti, nessuno l’ha aiutato finora e nessuno lo farà in futuro: l’ex paladino del calcio etico si è isolato nel corso dei mesi costruendosi nemici dal nulla, forse per giustificare il suo disastroso operato, dando colpe a destra e a manca, stampa in primis.

Lo ha fatto fino all’ultimo, anche ieri. Durante l’allenamento dei baby di Arno ha dribblato le domande dei cronisti presenti con un secco: «non ci sono novità!» In realtà aveva già dato mandato di scrivere il comunicato di rinuncia, comparso pochi minuti dopo sul sito ufficiale del club.

Valeria Mancinelli, sindaco di Ancona

L’Ancona avrà un futuro? Difficile dirlo ora. La palla passa al sindaco Mancinelli, come da regolamento. Sta alla Prima cittadina valutare le eventuali proposte che le arriveranno per formare una nuova società. Come a Como, ad esempio, dove il sindaco ha indetto un bando che ha visto la partecipazione di oltre dieci soggetti, credibili e non.

Per ora tutto tace anche tra l’imprenditoria locale, da molti tifosi accusata di non aver mosso un dito per salvare l’Ancona: ma diciamocela tutta, chi avrebbe accostato il suo nome a questa società gestita da Miani e Di Nicola? Chi avrebbe pagato i debiti, circa 1 milione e 300 mila euro, scelleratamente accumulati in due stagioni?

Adesso però è ora di venire allo scoperto, se qualcuno avesse davvero l’intenzione di costruire un progetto per far ripartire il calcio dorico. Non sarà impresa facile, anche perché la tifoseria è stanca e sfiduciata. Gli ultras hanno fatto sapere che non intendono seguire un’Ancona diversa da quella che ieri ha chiuso i battenti. Come biasimarli, dopo la terza morte sportiva in tredici anni?

Che dire… Resta poco da aggiungere a questa “Cronaca di una morte annunciata”, tanto per citare Gabriel GarcÍa Márquez. Al di là di tutte le menate intellettuali e dell’intreccio narrativo, anche nelle ultime vicende societarie dell’Ancona, come nel romanzo, tutti conoscevano la sorte dei protagonisti ma nessuno ha fatto qualcosa per evitare l’ineluttabile e tragico epilogo della vicenda.


Lascia un commento

Pane Burro & Marmellata

Una striscia quotidiana di riflessione

di Paolo Fileni

Lettera aperta alla signora Elsa Maria Fornero

L’ex ministro del lavoro “madre degli esodati” torna a Palazzo Chigi come consulente


Camerano, 21 luglio 2021 – Leggo e riporto da Wikipedia: “Elsa Maria Fornero è un’economista, accademica ed ex politica italiana. Ha ricoperto la carica di ministro del lavoro e delle politiche sociali, con delega alle pari opportunità, dal 16 novembre 2011 al 28 aprile 2013 nel governo Monti”.

Leggo e riporto da Il sole 24 ore: “sindacati, M5S e Lega in pressing contro il ritorno alla Fornero. Il 27 luglio parte il tavolo sul “dopo-Quota 100”. Una parte della maggioranza in fermento e spinge per flessibilità in uscita e Quota 41. Il Mef rimane cauto. E la stessa cautela sembra mostrare Palazzo Chigi, dove, nello stesso momento in cui comincia a diventare caldo il tema-pensioni, approda proprio la professoressa Elsa Fornero, che farà parte della squadra di consulenti e “consiglieri” del Comitato d’indirizzo per la politica economica…

Una notizia che ha mandato molti italiani in fibrillazione. Tra questi, un nostro lettore che ha inviato in redazione una lettera aperta indirizzata alla Signora che, ovviamente, non potevamo mandare sotto silenzio. Eccovela.

Cara signora Elsa Maria Fornero (foto by Wakeupnews),

in tutta sincerità e tantissimo rancore – quello che lei ha prodotto in me durante questi ultimi, lunghi, sofferti sette anni cui lei mi ha condannato per il reato (mai commesso) di “esodato” – ma davvero ha la faccia tosta di ripresentarsi a Palazzo Chigi? Ma… davero, davero? come direbbe Brignano.

Cara signora Elsa Maria Fornero ex ministro del lavoro e delle politiche sociali, ma lei, davero davero sa cosa significhi essere condannati – senza aver commesso reati di sorta – a non percepire per sette anni una pensione sacrosanta maturata legalmente? No che non lo sa, perché se lo sapesse quella sua legge, nove anni fa, non l’avrebbe mai firmata.

Cara signora Elsa Maria Fornero ex ministro del lavoro e delle politiche sociali, ma lei, davero davero non si è resa conto che in sette anni mi ha sottratto (che poi sarebbe un eufemismo) – moltiplicato per migliaia e migliaia di italiani come me – circa 50mila euro che moltiplicati per mille fanno cinquanta milioni? Oh, certo, non sono soldi che lei si è messa in tasca; sono però soldi che lei ha ordinato e permesso di sfilare dalle mie tasche, ed è ovvio che m’importa poco dove siano finiti o come siano stati spesi. Erano miei e lei ha ordinato che non mi venissero riconosciuti. L’ha fatto di sua iniziativa, senza neppure domandarmi se fossi d’accordo!

Cara signora Elsa Maria Fornero ex ministro del lavoro e delle politiche sociali, si è mai resa conto che l’ammontare mensile della mia pensione, che lei per sette anni mi ha negato, era pari a quanto guadagnato da lei in un giorno da ministro? E questa riflessione mi fa giungere alla conclusione che quelle sue famose lacrime versate all’annuncio della sua legge, erano lacrime d’un coccodrillo strapagato e anche un tantino ipocrita. Perché vede, lei non era obbligata a firmarla quella legge. Se davvero – come disse – comprendeva il dramma in cui stava per far sprofondare migliaia e migliaia di italiani, avrebbe potuto dire no.    

Cara signora Elsa Maria Fornero ex ministro del lavoro e delle politiche sociali, per favore, mi ascolti. Di danni ne ha fatti già abbastanza. Dica al premier Draghi che ci ha ripensato e se ne resti a casa. A 73 anni, non credo lei abbia ancora bisogno di ulteriore visibilità. Anche perché a me, sinceramente, di saperla lì un po’ inquieta, anche se ci sta aggratis. Resti a casa, per favore. Se non lo vuole fare per la sua, lo faccia almeno per la mia dignità e per quella di migliaia e migliaia di italiani da lei esodati. Un favore, dopo averci condannato a sette anni di sacrifici, potrebbe anche farcelo, non crede?

(segue firma)

© riproduzione riservata


link dell'articolo