Ciclismo – Torna il 18 e 19 maggio la 38ª Due Giorni Marchigiana

Riservata ad Elite ed Under 23 quest’anno sfiorerà il passaggio dell’ottava tappa del Giro d’Italia

Castelfidardo, 29 marzo 2019 – L’edizione numero 38 della “Due Giorni Marchigiana”, che tornerà sulle strade della regione nei giorni 18 e 19 maggio, si troverà quest’anno ad incrociare, quasi in dissolvenza, il giro d’Italia. Questa particolare circostanza avverrà sabato 18 maggio quando la gara rosa, nella 8ª tappa Tortoreto Lido – Pesaro, attraversando la provincia di Ancona transiterà con poco anticipo sulle strade della corsa fidardense.

Una simbologia che suggestivamente sembra voler ancor più rafforzare la circostanza che chi si impone alla “Due Giorni”, si ritrova a breve proprio ad esordire nel gotha del professionismo. Una consuetudine che si ripete, senza soluzione di continuità, già dalle primissime edizioni.

Moreno Marchetti vince in volata il Città di Castelfidardo 2018 (foto d’archivio)

A conferma che la gara ha uno spessore anche di respiro internazionale, con un percorso di altissima qualità ed estremamente selettivo, già sono pervenute le iscrizioni della nazionale russa Under 23 e di team provenienti da Svizzera ed Inghilterra. Per la cronaca va segnalato che quest’anno si correrà la frazione ideale per i velocisti nella giornata di sabato. Proprio per la particolare concomitanza con il Giro, il presidente dello Sporting Club Sant’Agostino, Bruno Cantarini e il suo braccio destro Luciano Angelelli, hanno posticipato la partenza di 30 minuti.

Saranno 174 i km da coprire per il Trofeo Città di Castelfidardo -Trofeo Cisel. Partenza a passo turistico da Piazza della Repubblica alle 13.50. Il via da Acquaviva per toccare Cerretano, Bivio Laghi, Campanari e Villa Musone di Loreto con arrivo in località Cerretano.

Samuele Battistella si impone per distacco al G.P. Santa Rita 2018 (foto d’archivio)

La manifestazione, iscritta nel calendario nazionale strada, vedrà correre invece domenica la frazione più adatta agli scalatori. Appuntamento questo dedicato allo storico Gran Premio Santa Rita – Trofeo Foridra, con partenza (ore 13.30) ed arrivo a Sant’Agostino.

Vinta lo scorso anno da Samuele Battistella per distacco, nel ricco palmares troviamo i nomi anche di Fondriest, Bugno, Pozzo, Moreno Moser. In avvio saranno 13 i giri completamente pianeggianti di km 6,2 ciascuno. Nel finale i corridori si troveranno a compierne altri 7 questa volta di Km 12,8, con saliscendi importanti. In questo tratto verranno attraversati i rioni Fornaci, Crocette, Acquaviva e Laghi.

Per la combinata speciale a punti, al corridore che totalizzerà il miglior punteggio nelle due giornate verrà assegnato il Gran Premio Semar.

 

redazionale


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pane Burro & Marmellata

Una striscia quotidiana di riflessione

di Paolo Fileni

Clima, ambiente e Greta Thunberg

Un paio di trecce salveranno il Mondo… forse


19 aprile 2019 – «Parlo a nome delle future generazioni: nel 2030 avrò 26 anni, mi dicono che sarà un’età meravigliosa perché avrò la vita davanti a me, ma non ne sono così sicura». Ha esordito così, ieri al Senato della Repubblica, Greta Thunberg, la sedicenne svedese divenuta paladina mondiale dello sviluppo sostenibile, e contro il cambiamento climatico, con lo slogan: “Sciopero scolastico per il clima”.

«Le persone come me – ha continuato Greta – hanno avuto tutto ciò che potevano immaginare ma forse alla fine non avremo nulla, perché il nostro futuro c’è stato scippato. Ci avete mentito, ci avete dato false speranze, ci avete detto che il futuro era una cosa alla quale potevamo guardare ed è così, ma solo per ora».

Questa ragazzina con le trecce, amica di Papa Francesco e icona di milioni di studenti, non gliel’ha certo mandato a dire ai nostri soloni della politica: «Il cambiamento sta arrivando e non potete farci niente. Basta solo decidere di fare una cosa, per farla – ha detto loro – Come per i fondi raccolti in 24 ore per Notre Dame».

Greta Thunberg con il cartello: “sciopero scolastico per il clima” (foto di Anders Hellberg)

E proprio qui sta il punto, la chiave di volta dell’intera questione. In un mondo opportunista, egoista, cieco per comodo e per profitto qual è quello che viviamo, ci sono le risorse economiche per fare di tutto e di più. Basta decidere di volerlo fare. E fino ad oggi, sul tema climatico e su quello della salvaguardia del Pianeta dall’inquinamento, i potenti del Mondo hanno deciso di non fare. E quel poco che è stato fatto ha inciso sui risultati lo zero virgola…

Nazioni sorde come gli Stati Uniti e la Cina, i maggiori inquinatori del Pianeta, fanno orecchie da mercante alle azioni e ai protocolli messi in campo con grande difficoltà dall’Europa. Troppo grandi, per loro, gli investimenti da mettere in campo per ridurre gli effetti del surriscaldamento del Pianeta. Inutili, a loro dire, perché non è l’inquinamento delle loro fabbriche a produrre il fenomeno.

Maria Elisabetta Casellati, presidente del Senato, ha rivolto un grazie speciale a Greta: «Senza di te, senza il tuo coraggio, senza il tuo esempio, la strada per portare il tema ambientale al centro del dibattito politico internazionale sarebbe stata più difficile e tortuosa».

Belle parole, Presidente, ma la gente è stufa delle parole. Occorrono fatti concreti, azioni importanti e durevoli. Questo pianeta non appartiene a lei, alla Cina o agli Stati Uniti, appartiene alle generazioni future. Noi siamo solo un tramite, e abbiamo l’obbligo e il dovere di consegnare loro lo stesso pianeta ereditato dai nostri nonni e dai nostri padri. Non un torrente, una specie animale o un albero di meno. Sarebbe un furto all’Umanità.


link dell'articolo

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi