A otto mesi dalla chiusura Passatempo è senza scuola materna

I lavori inizieranno solo a fine maggio. Slitta la data per la realizzazione del parcheggio

Osimo – «Lunedì 29 maggio inizieranno i lavori per la messa in sicurezza della scuola dell’infanzia di Passatempo». Così martedì sera, in sede di consiglio di quartiere, il primo cittadino ha rassicurato i genitori della frazione. O meglio, ha tentato di rassicurarli. Ma non gli è andata granché bene.

Una vicenda inspiegabilmente lunga e travagliata quella che vede protagonista il plesso di via Montefanese, chiuso a sorpresa lo scorso settembre, a pochi giorni dal suono della prima campanella, per via di accorgimenti antisismici che i tecnici comunali hanno ritenuto necessari all’indomani del terremoto del 24 agosto.

Scuola materna di Passatempo, Istituto Comprensivo F.lli Trillini

Stanziati 50 mila euro allo scopo di alzare l’indice di sicurezza da 0.6 a 1, i lavori sarebbero dovuti partire a ottobre per permettere ai bambini – temporaneamente fatti migrare in un paio di aule ricavate alla bell’e meglio all’interno delle scuola primaria di via Pertini – di rientrare in classe a gennaio.

Sono passati otto mesi, nel frattempo di acqua ne è passata sotto i ponti e anche tra le mura della scuola, dove – stando alle dichiarazioni della dirigente scolastica – si è formata la muffa a causa del prolungato periodo di buio. Così, ai 50 mila euro iniziali si dovranno aggiungere quelli necessari a riparare i danni prodotti dall’incuria.

L’ordinanza comunale di trasferimento temporaneo degli alunni affissa da settembre 2016 sul cancello d’ingresso della scuola

Altra questione spinosa riguarda la realizzazione di un parcheggio nelle retrovie della scuola, il cui ingresso affaccia sulla trafficata via Montefanese.

Un progetto rimpallato per anni dalle varie amministrazioni e diventato finalmente realtà – almeno sulla carta – lo scorso novembre in sede di consiglio comunale, quando era stato approvato lo stanziamento di 150mila euro per quindici posti auto.

Ma ancora una volta le parole hanno fatto a gara – vincendo a mani basse – con i fatti. Se i cittadini speravano di vedere il parcheggio a settembre, il sindaco ieri ha spiegato che le probabilità che ciò accada sono pressoché nulle.

Prima della costruzione, infatti, si dovrà attendere la pubblicazione dell’approvazione del progetto – fissata per il prossimo lunedì – sull’albo pretorio, far trascorrere sessanta giorni per eventuali osservazioni presentate dai cittadini, e poi attendere ancora qualche giorno per le controdeduzioni da parte del Comune.

Solo allora potrà essere pubblicato il bando per la gara di appalto e, successivamente, programmare l’inizio dei lavori.

Il sindaco di Osimo, Simone Pugnaloni. non ha convinto i genitori degli alunni della scuola dell’infanzia di Passatempo

Nell’attesa si completi questo iter burocratico, non potrà essere ricavato neppure un semplice camminatoio in grado di collegare l’area che dà le spalle alla scuola con l’ingresso principale, perché un lembo del terreno agricolo acquistato dal Comune per la realizzazione del progetto non rispetta la conformità urbanistica.

«Ci siamo stancati di false promesse – hanno tuonato i genitori riuniti in comitato – Servono idee chiare e progetti a lungo termine per una frazione che sta crescendo a dismisura. La scuola non era in sicurezza e nessuno ci ha avvertiti – hanno denunciato – sono trascorsi otto mesi, ma nessun tecnico ha effettuato un sopralluogo per verificare lo stato degli interni. Pretendiamo che questo venga per lo meno effettuato prima del 29 maggio. Vogliamo conoscere l’entità dei danni!»

Qualsiasi intervento migliorativo ad un edificio datato e su due piani – condizione, quest’ultima, poco adeguata a bambini di tre anni – si rivelerebbe in ogni caso, secondo le famiglie, una soluzione solo temporanea. L’ennesimo, inutile rattoppo.

La richiesta avanzata è quindi quella di elaborare un progetto per la realizzazione di un nuovo plesso. Al momento i soldi nelle casse del Comune non ci sono, ma i genitori della frazione non demordono: «Continueremo a soffiare sul collo dell’Amministrazione. La scuola non è un regalo ma un diritto. Chi governa ha l’obbligo di assicurarci una scuola degna di questo nome».


Lascia un commento

Pane Burro & Marmellata

Una striscia quotidiana di riflessione

di Paolo Fileni

Lettera aperta alla signora Elsa Maria Fornero

L’ex ministro del lavoro “madre degli esodati” torna a Palazzo Chigi come consulente


Camerano, 21 luglio 2021 – Leggo e riporto da Wikipedia: “Elsa Maria Fornero è un’economista, accademica ed ex politica italiana. Ha ricoperto la carica di ministro del lavoro e delle politiche sociali, con delega alle pari opportunità, dal 16 novembre 2011 al 28 aprile 2013 nel governo Monti”.

Leggo e riporto da Il sole 24 ore: “sindacati, M5S e Lega in pressing contro il ritorno alla Fornero. Il 27 luglio parte il tavolo sul “dopo-Quota 100”. Una parte della maggioranza in fermento e spinge per flessibilità in uscita e Quota 41. Il Mef rimane cauto. E la stessa cautela sembra mostrare Palazzo Chigi, dove, nello stesso momento in cui comincia a diventare caldo il tema-pensioni, approda proprio la professoressa Elsa Fornero, che farà parte della squadra di consulenti e “consiglieri” del Comitato d’indirizzo per la politica economica…

Una notizia che ha mandato molti italiani in fibrillazione. Tra questi, un nostro lettore che ha inviato in redazione una lettera aperta indirizzata alla Signora che, ovviamente, non potevamo mandare sotto silenzio. Eccovela.

Cara signora Elsa Maria Fornero (foto by Wakeupnews),

in tutta sincerità e tantissimo rancore – quello che lei ha prodotto in me durante questi ultimi, lunghi, sofferti sette anni cui lei mi ha condannato per il reato (mai commesso) di “esodato” – ma davvero ha la faccia tosta di ripresentarsi a Palazzo Chigi? Ma… davero, davero? come direbbe Brignano.

Cara signora Elsa Maria Fornero ex ministro del lavoro e delle politiche sociali, ma lei, davero davero sa cosa significhi essere condannati – senza aver commesso reati di sorta – a non percepire per sette anni una pensione sacrosanta maturata legalmente? No che non lo sa, perché se lo sapesse quella sua legge, nove anni fa, non l’avrebbe mai firmata.

Cara signora Elsa Maria Fornero ex ministro del lavoro e delle politiche sociali, ma lei, davero davero non si è resa conto che in sette anni mi ha sottratto (che poi sarebbe un eufemismo) – moltiplicato per migliaia e migliaia di italiani come me – circa 50mila euro che moltiplicati per mille fanno cinquanta milioni? Oh, certo, non sono soldi che lei si è messa in tasca; sono però soldi che lei ha ordinato e permesso di sfilare dalle mie tasche, ed è ovvio che m’importa poco dove siano finiti o come siano stati spesi. Erano miei e lei ha ordinato che non mi venissero riconosciuti. L’ha fatto di sua iniziativa, senza neppure domandarmi se fossi d’accordo!

Cara signora Elsa Maria Fornero ex ministro del lavoro e delle politiche sociali, si è mai resa conto che l’ammontare mensile della mia pensione, che lei per sette anni mi ha negato, era pari a quanto guadagnato da lei in un giorno da ministro? E questa riflessione mi fa giungere alla conclusione che quelle sue famose lacrime versate all’annuncio della sua legge, erano lacrime d’un coccodrillo strapagato e anche un tantino ipocrita. Perché vede, lei non era obbligata a firmarla quella legge. Se davvero – come disse – comprendeva il dramma in cui stava per far sprofondare migliaia e migliaia di italiani, avrebbe potuto dire no.    

Cara signora Elsa Maria Fornero ex ministro del lavoro e delle politiche sociali, per favore, mi ascolti. Di danni ne ha fatti già abbastanza. Dica al premier Draghi che ci ha ripensato e se ne resti a casa. A 73 anni, non credo lei abbia ancora bisogno di ulteriore visibilità. Anche perché a me, sinceramente, di saperla lì un po’ inquieta, anche se ci sta aggratis. Resti a casa, per favore. Se non lo vuole fare per la sua, lo faccia almeno per la mia dignità e per quella di migliaia e migliaia di italiani da lei esodati. Un favore, dopo averci condannato a sette anni di sacrifici, potrebbe anche farcelo, non crede?

(segue firma)

© riproduzione riservata


link dell'articolo