Ancona – Ricerca e sviluppo in chirurgia aortica

L’Università Politecnica delle Marche e Ospedali Riuniti in primo piano a Londra con il professor Marco Di Eusanio ed il dottor Emanuele Gatta

Ancona, 17 novembre 2020 – Un innovativo approccio ibrido per la cura degli aneurismi estesi dell’aorta toracica ideato ed eseguito dal professor Marco Di Eusanio (Univpm e direttore Cardiochirurgia OORR) e dal dott. Emanuele Gatta (Ch. Vascolare OORR), verrà presentato il prossimo 10 dicembre al Barts Aortovascaular Symposium di Londra, senz’altro uno dei più importanti convegni al mondo per la chirurgia aortica.

Ancona – da sx: il professor Marco Di Eusanio e il dottor Emanuele Gatta.

Insieme ad altri luminari europei e statunitensi, Di Eusanio è stato invitato a presentare un approccio che combinando tecniche chirurgiche tradizionali con innovative tecniche endovascolari consente di operare pazienti con voluminosi aneurismi dell’aorta toracica evitando quelli che per 30 anni sono stati considerati elementi imprescindibili di questa chirurgia: l’ipotermia e l’arresto di circolo. Una vera rivoluzione.

«Il fatto che i chirurghi aortici abbiano sempre utilizzato l’arresto di circolo e l’ipotermia – asserisce il professor Di Eusanio – non li rende meno dannosi per il paziente: l’arresto di circolo e l’ipotermia sono le principali cause di complicanze post-operatorie. Grazie ad una continua ricerca e alla collaborazione con il dottor Gatta, abbiamo potuto sviluppare un approccio ibrido che consente durante il tempo centrale dell’intervento di mantenere una continua e piena perfusione di tutti gli organi permettendoci di migliorare i nostri risultati. In una serie di undici pazienti non abbiamo avuto nessun decesso e nessuna complicanza maggiore o minore per una tipologia di interventi che nella letteratura internazionale è associata a tassi di mortalità compresi tra il 5 e il 15%».

Ancona – Gian Luca Gregori, Rettore UnivPM

Nel merito anche il Rettore dell’UnivPM Gian Luca Gregori: «Un esempio eccezionale di innovazione e sinergia tra l’Università Politecnica delle Marche e l’Azienda Ospedali Riuniti di Ancona, al servizio della salute dei cittadini – ha detto il Rettore Ancora una volta si evidenzia l’importanza della ricerca e della condivisione dei progressi, perché gli sviluppi scientifici nascono e migliorano la vita delle persone, grazie alla condivisione delle conoscenze e alla collaborazione scientifica nazionale e internazionale».

Lusinghiero il commento del direttore generale dell’Azienda Ospedali Riuniti di Ancona, dottor Michele Caporossi,  che sottolinea la crescita fortemente innovativa: «Infatti, con la progressiva ibridazione tra le discipline in atto, presso il nostro Ospedale si prefigura, con assoluta evidenza, quale sarà la medicina e la chirurgia del futuro: non il paziente che passa da un reparto all’altro ma gli specialisti di varie branche tutti intorno al letto del paziente, con quest’ultimo curato in maniera sempre più efficace».

La domanda di brevetto per due protesi disegnate ad hoc per questo intervento sarà depositata nelle prossime settimane dal professor Di Eusanio e dal dottor Gatta.

 

redazionale

© riproduzione riservata


Lascia un commento

Pane Burro & Marmellata

Una striscia quotidiana di riflessione

di Paolo Fileni

FNSI: ecco a voi l’Informazione italiana!

La denuncia, fatta a pagamento, del sindacato dei giornalisti


17 ottobre 2021 – Oggi, sui principali quotidiani nazionali, la Federazione Nazionale Stampa Italiana (FNSI), ha pubblicato – a pagamento – una denuncia su quella che è la situazione in cui versano i giornalisti e l’informazione in Italia. Di seguito, il testo integrale:

Il diritto dei cittadini a essere informati è sotto attacco. I giornalisti sono nel mirino di organizzazioni criminali e neofasciste. Vengono quotidianamente intimiditi, minacciati, picchiati per via del loro lavoro.

Una crisi senza precedenti mette in ginocchio il settore dell’editoria. L’occupazione è sempre più precaria. Migliaia di giornalisti sono costretti a lavorare senza diritti, senza tutele, e con retribuzioni indegne di un Paese civile.

Governo e Parlamento dimenticano l’articolo 21 della Costituzione. Non vogliono fermare le querele bavaglio. Non vogliono norme per l’equo compenso e per contrastare il precariato.

Lasciar affondare l’Istituto di previdenza dei giornalisti italiani significa dare il via allo smantellamento progressivo dell’autonomia e del pluralismo dell’informazione, pilastro di ogni democrazia. Governo e Parlamento non lascino morire l’informazione italiana”.

Intanto, non è assurdo che FNSI (sindacato unico e unitario dei giornalisti italiani che, a loro nome, stipula con le organizzazioni datoriali dei vari settori dell’informazione i contratti collettivi nazionali di lavoro giornalistico), per una tale denuncia debba pagare uno spazio sui giornali?

Poi, diciamocelo: la denuncia, sacrosanta, purtroppo vera, dai contenuti più che condivisibili, arriva con grave ritardo ad accusare un sistema in atto nel Paese da almeno vent’anni. Certo, meglio tardi che mai, ma adesso la Federazione, in quanto sindacato, si dia una mossa con azioni concrete per sovvertire l’andazzo: non bastano le parole di denuncia, occorrono i fatti!

Articolo 21 della Costituzione

Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure.

Si può procedere a sequestro soltanto per atto motivato dell’autorità giudiziaria nel caso di delitti, per i quali la legge sulla stampa espressamente lo autorizzi, o nel caso di violazione delle norme che la legge stessa prescriva per l’indicazione dei responsabili.

In tali casi, quando vi sia assoluta urgenza e non sia possibile il tempestivo intervento dell’autorità giudiziaria, il sequestro della stampa periodica può essere eseguito da ufficiali di polizia giudiziaria, che devono immediatamente, e non mai oltre ventiquattro ore, fare denunzia all’autorità giudiziaria. Se questa non lo convalida nelle ventiquattro ore successive, il sequestro s’intende revocato e privo d’ogni effetto.

La legge può stabilire, con norme di carattere generale, che siano resi noti i mezzi di finanziamento della stampa periodica.

Sono vietate le pubblicazioni a stampa, gli spettacoli e tutte le altre manifestazioni contrarie al buon costume. La legge stabilisce provvedimenti adeguati a prevenire e a reprimere le violazioni”.

© riproduzione riservata


link dell'articolo