In questa rubrica pubblicheremo periodicamente la classifica dei libri di narrativa più venduti nella nostra zona, oltre a recensioni dei romanzi più letti. Grazie alla collaborazione di librerie specializzate presenteremo le ultime novità e ve le riassumeremo in diretta. Volete conoscere qualcosa di più di un romanzo che intendete acquistare o leggere? Scriveteci in redazione citando la rubrica, faremo di tutto per accontentarvi: redazione@corrieredelconero.it

“L’arminuta” prima in classifica

Si difende alla grande "L'ultimo faraone" di Wilbur Smith. Recensione de "L'amore addosso" di Sara Rattaro

LA CLASSIFICA DI VENDITA DEI PRIMI DIECI*

1Donatella di Pietrantonio L’arminutaEinaudi
2Daniel PennacIl caso MalaussèneFeltrinelli
3Wilbur SmithL’ultimo faraoneLonganesi
4Kent HarufLe nostre anime di notteNN
5Cavallo, FavilliStorie della buonanotte

per bambine ribelli

Mondadori
5Sara RattaroL’amore addossoGarzanti
7Luca BianchiniNessuno come noiMondadori
8Jay AsherTrediciMondadori
9Federica ManzonLa nostalgia degli altriFeltrinelli
10AA. VV.Viaggiare in gialloSellerio

*periodo: dal 15 aprile al 1 maggio  

L’arminuta, di Donatella di Pietrantonio, edito da Einaudi, balza in testa alla classifica dei più venditi in questi ultimi quindici giorni. Due settimane fa era collocato al quarto posto, segno che sta piacendo ai lettori e che le voci corrono. Si piazza al vertice scalzando L’amore addosso di Sara Rattaro che scende fino al quinto posto.

Wilbur Smith, con un balzo felino, fa salire dalla decima alla terza posizione il suo “L’ultimo faraone”. D’altro canto, al maestro indiscusso delle storie d’avventura sono sempre piaciute le posizioni di vertice.

Da segnalare l’uscita repentina dalla classifica (due settimane fa era al secondo posto), di Jo Nesbø con “Sete” edito da Einaudi

La classifica è redatta in base ai dati forniti dalle seguenti librerie:

in Mondadori Grotte Center – Camerano

tel. 071959525

mail: mondadoricamerano@libero.it

Il Mercante di Storie Osimo

tel. 071 723 2065

mail: ilmercantedistorie@live.it

Libreria Aleph Castelfidardo

tel. 071 7825248

mail: librerialeph@gmail.com

LA RECENSIONE

SARA RATTARO “L’AMORE ADDOSSO” – EINAUDI

Scrivere dell’ultimo romanzo di Sara Rattaro significa scrivere di noi e delle nostre vite.

E’ impossibile non riconoscersi durante la lettura, non pronunciare la frase anche io… quante volte, non condividere pensieri e stati d’animo.

Come molti di noi Giulia, la protagonista, vive due dimensioni parallele, all’apparenza donna forte e realizzata rinchiusa nella bolla di una rassicurante esistenza borghese ma nel profondo portatrice di un fardello enorme che le pesa sul cuore e che le toglie il respiro.

A Giulia manca l’aria perché è così che ci si sente sull’orlo del precipizio.

Così con lei in bilico ci riscopriamo anche noi ginnasti inesperti sopra l’asse della vita: quante volte le nostre debolezze ci hanno condotto verso territori inaspettati che con la ragione non avremmo sfiorato neppure, si fa presto a pontificare, a parole ci riempiamo di certezze e sentenze che sappiamo non avranno nessun seguito.

L’autrice ha compreso pienamente la naturale incoerenza del genere umano, nei suoi scritti la dannata presunzione del mai e del per sempre non trovano alcun posto.

L’amore addosso è quello che comunque sentiamo e portiamo dentro, è quello che vorremmo ricevere e spesso non sappiamo chiedere, è quella linfa vitale che ci scorre nel cuore e che ci tiene vivi, stravolti e confusi ma vivi.

Vorrei dire grazie a Sara Rattaro che ci invita finalmente a perdonare e a perdonarci e mentre come i suoi personaggi ci arrabattiamo quotidianamente alla ricerca di emozioni, soluzioni e felicità che sembrano sfuggirci, lei ci regala la speranza.

Come succede a Giulia li rincontreremo anche noi un giorno quegli occhi che sembravano perduti: la vita a volte prova duramente ma sa anche restituire con generosità nei momenti meno attesi e l’amore è sempre la preziosa moneta di pagamento che sceglie.

Paola Andreoli


Lascia un commento

Pane Burro & Marmellata

Una striscia quotidiana di riflessione

di Paolo Fileni

“Perché noi siamo amore…”

Giornata di San Valentino 2021


Camerano, 14 febbraio 2021 – Facciamo un po’ di storia sulla festa degli innamorati senza arrivare a scomodare l’antica Roma dei Cesari. La leggenda narra che il santo avrebbe donato a una fanciulla povera una somma di denaro necessaria come dote per il suo sposalizio, che, senza di questa, non si sarebbe potuto celebrare, esponendo la ragazza priva di mezzi e di altro sostegno al rischio della perdizione. Il generoso dono – frutto di amore e finalizzato all’amore – avrebbe creato la tradizione di considerare il santo vescovo Valentino come il protettore degli innamorati.

La più antica Valentina di cui sia rimasta traccia risale al XV secolo e fu scritta da Carlo d’Orléans, all’epoca detenuto nella Torre di Londra dopo la sconfitta alla battaglia di Agincourt (1415). Carlo si rivolge a sua moglie (la seconda, Bonne di Armagnac) con le parole: Je suis desja d’amour tanné, ma tres doulce Valentinée… (Sono già malato d’amore, mia dolcissima Valentina).

Inoltre, alla metà di febbraio si riscontrano i primi segni di risveglio della natura; nel Medioevo, soprattutto in Francia e Inghilterra, si riteneva che in quella data cominciasse l’accoppiamento degli uccelli, quindi l’evento si prestava a essere considerato la festa degli innamorati.[

A dare impulso alla festa, soprattutto nei paesi di cultura anglosassone, e per imitazione anche altrove, è stato lo scambio di valentine, bigliettini d’amore spesso sagomati nella forma di cuori stilizzati o secondo altri temi tipici della rappresentazione popolare dell’amore romantico: la colomba, l’immagine di Cupido con arco e frecce… (nella foto, Amore e Psiche, particolare della scultura del Canova). La Greeting Card Association ha stimato che ogni anno venivano spediti il 14 febbraio circa un miliardo di biglietti d’auguri. Si è andati avanti così fin quasi alla fine degli anni 2000, anche grazie ad alcuni imprenditori statunitensi come Esther Howland che iniziarono a produrre biglietti di san Valentino su scala industriale.

Oggi non si fa quasi più, gli innamorati del 2020 preferiscono scambiarsi scatole di cioccolatini, fiori, qualche gioiello. Senza dimenticare miliardi di frasi sdolcinate scambiate via Whatsapp e Instagram.  E impazza festeggiare al ristorante. Pienissimi quest’anno, ma a pranzo e non più a cena per via della pandemia.

Contenuto non disponibile.
Si prega di accettare i cookie cliccando su ACCETTO nel banner esposto

C’è chi condanna questa festa additandola come un’operazione puramente commerciale, ma sono per larga parte innamorati delusi o cornuti traditi. Altri, sostengono che se ami qualcuno devi dimostrarlo tutto l’anno e non solo il 14 febbraio.

Sia come sia, e che piaccia o no, è indubbio che l’amore muova il mondo: “l’amor che move il sole e l’altre stelle”, scriveva Dante Aligheri nell’ultimo verso della sua Divina Commedia. E se lo diceva lui…

Che esista un giorno deputato a celebrare l’amore, alla fine, non fa male a nessuno. Ed è giusto che i nostri ragazzi – ma vale per tutti gli innamorati e le coppie del mondo – possano sognare e pensare l’amore che stanno vivendo come unico, irripetibile e per sempre. Certo, è uno dei più grossi inganni che l’esistenza possa riservare, ma non diciamoglielo mai.

Perché viverlo, l’amore, produce il più grande stravolgimento ormonale, emotivo e sensoriale che si possa provare nell’arco di una vita. Non esiste nient’altro al confronto, “Perché noi siamo amore”, come canta il professor Roberto Vecchioni in Chiamami ancora amore (video allegato).

© riproduzione riservata


link dell'articolo

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi