Amministrative 2019 – impegnaTi per Sirolo incontra gli Scout

Filippo Moschella e Lucia Antonelli si sono impegnati con il presidente Trotta per una riqualificazione della sede in Via Piave

Sirolo, 23 marzo 2019 – Filippo Moschella, candidato sindaco, e Lucia Antonelli, candidata al Consiglio comunale della lista civica “impegnaTi per Sirolo” hanno incontrato Giuseppe Attilio Trotta, Moreno Mancinelli e Christina Tanca, rispettivamente presidente, componente del direttivo e senior degli scout del Gruppo Ancona 2 Sirolo-Numana.

Moschella ha ringraziato i responsabili degli scout per la loro attività di volontariato nella comunità sirolese, indispensabile per l’aggregazione e la formazione di ragazzi e adulti, anche nel settore della tutela della natura e dell’utilizzo sostenibile del mare, principi uguali a quelli seguiti da “impegnaTi per Sirolo”, che ha realizzato il proprio simbolo con il verde del Monte Conero, il blu del mare e l’azzurro del cielo.

Sirolo – Filippo Moschella, candidato sindaco con la lista impegnaTi per Sirolo

Un’attività, quella degli scout, condotta dal 2006 con successo, per formare e seguire i 50 ragazzi iscritti, fra Lupetti, Esploratori e Rover, quest’ultimi riuniti in compagnia dal 2018.

Il Presidente Trotta ha elencato i progetti realizzati dagli scout, compresa l’attività di protezione civile di secondo livello, e le prospettive per il futuro, facendo presente la  necessità di riqualificare la sede in Via Piave (ex mattatoio) tramite la ristrutturazione del locale non abitabile di circa 20 mq attiguo all’attuale sede, e l’utilizzo di un secondo locale vicino al Distretto sanitario, ex Ospedale San Michele.

Sirolo – I locali per gli scout da ristrutturare

Filippo Moschella e Lucia Antonelli hanno preso l’impegno di riqualificare la sede con metodi ecosostenibili e valutare l’assegnazione di un altro locale per agevolare l’importante attività sociale del gruppo.

I responsabili degli scout si sono mostrati disponibili anche a collaborare alla pulizia di sentieri, attività che s’inserisce nei progetti che “impegnaTi per Sirolo” intende realizzare, come ad esempio:

– il piano particolareggiato delle spiagge, che regola la presenza delle strutture, l’afflusso e l’utilizzo delle spiagge;

– il nuovo piano comunale di protezione civile, l’ultimo dei quali è stato approvato nel 1985, cioè 34 anni fa, che stabilisce i punti di ritrovo e le procedure a protezione dell’incolumità della cittadinanza in caso di emergenze;

– il nuovo regolamento di polizia urbana, l’ultimo dei quali risale al 1981, cioè 38 anni fa,  che regola il decoro, la pulizia urbana e la pacifica convivenza dei cittadini;

– il piano urbano del traffico, per rendere efficiente la circolazione e il parcheggio delle auto e altri mezzi sulle strade, diminuendo l’inquinamento, e delle biciclette sulle piste ciclopedonali che saranno realizzate da “impegnaTi per Sirolo”, dal Coppo al centro storico e le spiagge di Sirolo, fino a Numana, a beneficio della serenità della cittadinanza e del turismo ecosostenibile di qualità, sempre più ricercato dai turisti.

 

redazionale


Lascia un commento

Pane Burro & Marmellata

Una striscia quotidiana di riflessione

di Paolo Fileni

Quando gli stalker sono i genitori

Coniugi anconetani riempiono di botte il fidanzatino della figlia


Ancona, 16 luglio 2019 – Negli ultimi mesi, per un giovane ventenne anconetano incrociare per strada i genitori della sua fidanzata era diventato un incubo ma, soprattutto, indice di dolore. Vero e proprio dolore fisico, fatto di minacce, botte e atti persecutori nei suoi confronti. Al punto che il giovane, proprio per evitare il ripetersi degli atti sulla sua persona, era stato costretto a cambiare abitudini.

La ragione dello stalking e delle lesioni aggravate? Semplice, i genitori della ragazza disapprovavano la relazione tra la propria figlia e il giovane, per timore che lui la inducesse ad atti non del tutto consapevoli anche di natura sessuale. Così, prima che potesse succedere qualcosa d’irreparabile fra i due giovani, i genitori di lei ogni volta che incontravano il fidanzato lo riempivano di botte, insulti e minacce.

Nei confronti dei due coniugi “aggressori” è scattato, ad opera del gip Sonia Piermartini su richiesta del pm di Ancona Rosario Lionello, il divieto di avvicinarsi e comunicare con il giovane anconetano. Dalle indagini, sono state raccolte dichiarazioni e relativa documentazione degli episodi di minacce, percosse e persecuzioni segnalate dal ragazzo in varie denunce. Come a inizio maggio scorso, quando il padre della ragazza, dopo averlo pedinato, lo avrebbe colpito con un calcio fratturandogli la mano destra; o, sempre a maggio ma a fine mese, la madre della ragazza lo avrebbe preso a schiaffi e graffiato sul viso.

Lo so, fare il genitore è il mestiere più difficile del mondo. Azzeccare i sì e i no detti ai propri figli al momento giusto, con il tono giusto, è come azzeccare un terno al lotto. Un padre può essere geloso della propria figlia – chi non lo è stato? – ed è giusto che per lei aspiri al massimo possibile sul mercato dei “fidanzatini”, ma da qui a riempire di mazzate un fidanzatino non gradito ce ne corre! E poi per cosa? Per una presunzione di atti – anche sessuali – che non si sono realizzati ma che potrebbero, perdurando la relazione…

A leggere certe notizie c’è da stentare a crederci. Eppure siamo ad Ancona ed è luglio 2019 . Ai coniugi anconetani vorrei dire: a) “Se tra vostra figlia e il giovane ventenne è vero amore, non saranno certo le vostre botte e minacce a cambiare il corso delle cose”; b) “Ma davvero avete così scarsa considerazione e fiducia nei confronti di vostra figlia?”; c) “Noi non siamo i nostri figli, dobbiamo lasciare che facciano le loro esperienze, non le nostre; il nostro compito è quello d’intervenire quando ci chiedono aiuto o un consiglio, non di fare prevenzione riempiendoli di mazzate!


link dell'articolo

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi