Pane Burro & Marmellata

Una striscia quotidiana di riflessione


di Paolo Fileni

Andrà tutto molto peggio!

Sono lontani ormai i tempi del “Andrà tutto bene!”

18 ottobre 2020 – Ricordate? Eravamo partiti a marzo-aprile con gli striscioni/slogan “Andrà tutto bene!” Poi siamo passati a quelli di settembre: “Pensavo andasse meglio!” Fino ad arrivare ai giorni nostri con gli ultimi: “Andrà tutto molto peggio!”

Tre momenti dell’anno , dall’inizio della pandemia ad oggi, che al di là della facile ironia e del massimo della sintesi, fotografano puntualmente quel che eravamo, quel che siamo stati e quello che saremo: nudi, inermi ed impotenti di fronte all’evoluzione di un virus prima subìto per paura, poi accettato (spesso ignorato) come un fastidio passeggero e noioso, infine maledetto per gli effetti che ha prodotto e che produce a distanza di otto mesi dalla sua comparsa subdola, silenziosa e mortalmente letale.

Un’entrata da coup de theatre sulla scena della nostra esistenza, del nostro quotidiano, del nostro lavoro e all’interno delle nostre famiglie, la sua, così improvvisa e ad effetto che con una potenza deflagrante e inimmaginabile ci ha stravolto tutto: vita, affetti, certezze, abitudini. E siccome tanti di noi non ci stanno, incapaci di accettare ciò che proviene da qualcosa d’invisibile e silenzioso, ecco che dopo un primo momento di puro sgomento siamo diventati imprudenti, menefreghisti, negazionisti.

Come le cicale, a quarantena primaverile terminata, arrivato il tepore dell’estate con la sua promessa di salute e libertà ci siamo lasciati andare all’euforia della movida, alle vacanze spensierate all’estero, ad una libertà pretesa come diritto inalienabile perché: “l’uomo è nato libero; i giovani hanno il diritto di viversi la propria vita; gli anziani muoiono perché tanto sarebbero morti comunque con tutte le loro malattie pregresse; perché è tutto un complotto per tenerci sotto scacco…

Con l’Italia divisa in tante fazioni. Da una parte quei commercianti e operatori del turismo delle grandi città che neppure hanno aperto, lasciando a casa e in difficoltà migliaia di dipendenti; dall’altra i loro colleghi che operano lungo le coste marine che hanno staccato profitti superiori agli anni passati. Da un’altra parte quelli che hanno ricevuto aiuti economici e cassa integrazione dallo Stato contrapposti a quelli che hanno visto solo qualche centesimo per un mese e poi più nulla. E ancora, il fronte di chi pretende che la scuola funzioni regolarmente contro quello a cui sta bene far studiare i figli da casa via computer…

Siamo in piena seconda ondata da coronavirus, le terapie intensive degli ospedali stanno tornando a riempirsi, i centri – Covid sono in preallarme, viaggiamo ad una media di 10mila nuovi casi positivi e 50 morti giornaliere in crescita esponenziale. Siamo circondati da Paesi come Spagna, Francia, Germania e Inghilterra che stanno molto peggio di noi e impongono chiusure e coprifuoco, e ancora siamo qui a discutere e a prendercela con chi ci governa per le troppe restrizioni imposte reclamando a gran voce il diritto a fare quel che ci pare.

Senza il minimo rispetto verso chi di Covid-19 muore ogni giorno e verso chi le restrizioni le mette in pratica perché ha rispetto di se stesso e degli altri. Senza la minima capacità o volontà di obbedire alle regole, perché sprovvisti di quello che si chiama senso civico, senso del dovere, cultura nazionale. Noi italiani non siamo mai stati una comunità. Siamo cani sciolti che vagano a testa bassa e la lingua penzoloni seguendo l’usta del personale egoismo e del singolo profitto. Una volta che abbiamo mangiato, non ci domandiamo se è rimasto qualcosa anche per gli altri.

Certo, non siamo mica tutti così. Quelli buoni, sani, consapevoli, rispettosi, esistono. Sono sparsi un po’ ovunque. Sono quelli nascosti dietro a una mascherina, quelli che ti stanno minimo a due metri, quelli che si tirano su le maniche e che anziché dare colpe a destra e manca provano ad organizzarsi come possono per far fronte a una disgrazia indicibile che non hanno cercato, che non gli è stata imposta dall’alto, che fa parte delle tante disgrazie che la vita porta con sé.

Stiamo vivendo una guerra batteriologica sconosciuta che è peggio di quella delle bombe vissuta dai nostri nonni. E le guerre, si sa, fanno morti e feriti, fanno prigionieri. Riducono sul lastrico, fanno esplodere fortune inaspettate, cambiano i destini. Quel che è peggio, è che questa guerra non l’ha dichiarata nessuna Nazione. E gli Stati del mondo sono in difficoltà economica, sociale e sanitaria. Non sappiamo neppure quanto durerà. Sappiamo, però, che solo il genere umano potrà fare in modo che duri il meno possibile.

© riproduzione riservata


Lascia un commento

Pane Burro & Marmellata

Una striscia quotidiana di riflessione

di Paolo Fileni

La vita con i cani è… meravigliosa!

Quattordici modi per coniugarla dal profondo dell’anima


13 gennaio 2022Piera Alessio (nella foto con la sua cagnolina Nina), torna in questo spazio “Paneburroemarmellata” (glielo cedo sempre con profonda stima, amicizia e rispetto oltre che per il suo grande cuore e la sua grande penna), per raccontarci com’è, dal suo punto di vista, la vita con i cani che lei declina e descrive in svariate sfaccettature. Un argomento solo all’apparenza scontato, che solo chi ha posseduto o possiede un cane può davvero cogliere nella sua essenza. Scrive Piera:

“La vita con i cani è strana. Diventerai, senza che nessuno te lo insegni o ti spieghi come farlo, il capo branco di un cane che sarà pronto a qualunque cosa per te non appena saprà riconoscere il tuo odore e la tua voce.

La vita con i cani è misteriosa. Sarai spiato da un Grande Fratello peloso che non perderà nessun tuo movimento, specialmente quando capirà dove sono la cucina ed il recipiente dei biscotti.

La vita con i cani è crescere. Non puoi farci niente, non puoi fermare il tempo perché quel cucciolo che hai tenuto in braccio crescerà troppo velocemente, per diventare il grande amico che ti vorrà accompagnare ovunque andrai. I cuccioli durano troppo poco.

La vita con i cani è confronto. Avrai sempre uno sguardo con il quale misurarti, affogherai senza poterti salvare nelle profondità inimmaginabili degli occhi di un cane. Dove la gente crede che non ci sia un’anima.

La vita con i cani è sincera. Non avrai bisogno di raccontar loro una bugia o delle storie inventate perché tanto, qualunque cosa tu dica loro, i cani la sanno. Sempre.

La vita con i cani è scomoda. Ti ritroverai una sera d’inverno, con la tramontana che ti graffia il viso ed il gelo che ti arriva alle ossa, a passeggiare da solo con il tuo cane che corre e scodinzola felice, incurante del vento che gli arruffa il pelo e del caldo che avete lasciato in casa.

La vita con i cani è buffa. Parlerai con un essere che non ti potrà mai rispondere e che però ascolterà ogni tua parola, con così tanta attenzione ed interesse che non ritroverai in nessun altro uomo o donna al mondo.

La vita con i cani è ritorno a casa. Nessuno come il tuo cane sarà felice di vederti ogni volta che spunterai dalla porta dalla quale ti ha visto andar via; imparerà i tuoi orari, riconoscerà il tuo passo e sarà lì ad aspettarti, anche quando sarà vecchio e stanco, saltando di gioia come se non ti vedesse da un mese. Anche se sei uscito per comprare il giornale.

La vita con i cani è rinuncia. Perderai, a poco a poco, quella porzione di divano su cui stavi tanto comodo, dove ti godevi il riposo ed il meritato relax dopo giornate faticose e noiose. E la cosa bella sarà che non ti dispiacerà affatto.

La vita con i cani è comunione. Dividerai il tuo ultimo boccone con il tuo cane, perché non potrai resistere al suo sguardo implorante che hai incrociato purtroppo per te mentre stavi cenando.

La vita con i cani è insegnamento. Sono loro che ti mostreranno, semplicemente correndo in un prato o sulla riva del mare, la bellezza di una giornata di sole e l’importanza di stupirsi – ogni volta – davanti alle cose semplici.

La vita con i cani è amore. Quello che proverai ad emulare, che proverai a restituire al tuo cane senza però riuscirci. Ma cimentarti in questa prova sarà una delle tue imprese più entusiasmanti.

La vita con i cani è un viaggio. Nessun sentiero di montagna ti sembrerà lo stesso dopo che lo avrai percorso insieme al tuo cane: ricorderai profumi, odori e colori del bosco che prima non avevi sentito o visto; proprio come succederà per il tratto di vita che farete insieme.

La vita con i cani è una parentesi. Per te è una parte della tua vita, un dolce intervallo fra mille impegni e anni da riempire di cose da fare, un breve cammino insieme ad un cane che tu ben sai, ad un certo punto, si fermerà per lasciarti andare da solo. Invece, per il tuo cane, la tua vita è tutto.

La vita con i cani è meravigliosa“.

di Piera Alessio

© riproduzione riservata


link dell'articolo