Pane Burro & Marmellata

Una striscia quotidiana di riflessione


di Paolo Fileni

Ancona, la Mancinelli e il geometra del Buongoverno…

Quando il fato si diverte a far coincidere il libro giusto con un momento sbagliato

Ancona, 9 novembre 2019 – Una vera e propria bufera giudiziaria si sta abbattendo sull’Amministrazione di Ancona coinvolgendo sindaco, assessori e tecnici. Una storiaccia, nelle premesse, che sembrerebbe fatta di corrotti, corruzioni, concussioni, mazzette e favoritismi. Le indagini, delicatissime e riservate, sono in corso ed è inutile in questa fase puntare il dito, condannare, procedere a mediatiche esecuzioni sommarie. Ci sarà tempo e modo, a indagini concluse e con prove alla mano, per condannare o assolvere…

Insomma, Ancona sta vivendo una storia di appalti truccati che vede coinvolti il geometra del Comune e diversi imprenditori. Una storiaccia ormai piuttosto diffusa nel Bel Paese, attraversato quotidianamente da storie di ordinaria corruzione che lo feriscono e insudiciano da Bolzano a Pantelleria con una puntualità e una ripetitività piuttosto deprimente. Ma è l’Italia di oggi, quella dei soldi facili messi insieme dai burocrati degli Enti, che poi sono quelli che davvero gestiscono il potere e lo trasformano in profitto. Lecito o illecito che sia. L’Italia degli imprenditori furbetti che senza guardare in faccia nessuno, e fregandosene delle regole, pensano di poter fare ciò che vogliono pagando mazzette a questo o a quello, tanto il rischio d’essere beccati è minimo e la pena irrisoria.

Quel che colpisce l’immaginario, però, è che il germe del “vizietto” sia arrivato anche ad Ancona (o che finalmente lo si denunci pubblicamente). Una piccola e “onesta” città con poco peso specifico, quella dorica, con poca personalità, piuttosto anonima nel panorama nazionale e senza le pretese e il coraggio di un progetto e un disegno di sviluppo che la faccia crescere davvero.

Una bufera giudiziaria che arriva nel momento sbagliato per la prima cittadina Valeria Mancinelli (foto), anche se per certe bufere non c’è mai un tempo giusto, impegnata in questi giorni nella promozione del suo libro: I princìpi del buongoverno. Con quel che le sta accadendo a Palazzo, non è proprio il momento migliore per lei di parlare di buongoverno: “che la sindaca non ci venga a dire che la mano destra non sapeva ciò che faceva la sinistra” ha scritto qualcuno sui social.

Travolta dagli eventi, la prima cittadina ha annullato l’incontro milanese con il sindaco Giuseppe Sala: “Sono rimasta in Ancona perché sono il Sindaco eletto dai cittadini e devo lavorare per la mia città, più che mai in questo momento difficile, e realizzare i progetti che gli anconetani chiedono da tempo”, ha scritto la Mancinelli sul suo profilo Facebook. “Chiedo alla magistratura e agli inquirenti di fare in fretta, siano veloci e chiariscano. Se ci sono mele marce agiremo con assoluto rigore perché onestà e trasparenza sono nel nostro DNA e nel DNA di amministratori e dipendenti del Comune di Ancona. Conosco e stimo i miei assessori ed ho piena fiducia nei loro confronti”.

Ricevuto, sindaco. Fino a prova contraria siamo con lei. Però, se le cose dovessero risultare diverse da come lei dice, promette che si dimetterà? Così, giusto per i princìpi del buongoverno.

 


Lascia un commento

Pane Burro & Marmellata

Una striscia quotidiana di riflessione

di Paolo Fileni

A proposito del 13enne spacciatore maceratese

Procurava marijuana anche ai compagni di scuola più piccoli


Macerata, 16 novembre 2019 – Di questi tempi, coltivare e spacciare marijuana è diventato il lavoro più semplice del mondo. Un’attività redditizia esentasse che, seppur vietata a termini di legge, viene praticata da chiunque: nonnine, nipotini, extracomunitari, migranti, privati cittadini italiani d’ogni età, studenti, impiegati, operai, contadini lungimiranti menefreghisti più o meno improvvisati.

Una droga, la marijuana, che in Italia si coltiva ovunque: sul terrazzo di casa nella bella stagione, in garage o appartamenti super attrezzati nella brutta; piccole piantagioni all’aperto occultate fra i campi di grano o al chiuso di serre vivaiste.

Insomma, ovunque tu viva se vuoi acquistare un po’ “d’erba” ti basta andare in un centro abitato munito di pochi euro e il gioco è fatto. Ancora più facile se hai qualche conoscenza giusta: un semplice messaggino su whatsApp e lo spinello (foto) ti arriva a casa comodo, comodo.

Oggi, se dici che la marijuana fa danni notevolissimi al cervello, o che è quasi sempre l’anticamera per arrivare al consumo delle droghe pesanti iniettate con la siringa o delle pastiglie sintetiche, vieni additato come l’ignorante di turno. Come quello che diffonde notizie false… o fa terrorismo psicologico perché incompetente nel merito. Invece non è così, e chi lo afferma deve averne consumata parecchia di quella roba. Per certa gente, essere beccata con uno spinello in tasca è la normalità, non fa neppure notizia. Invece, fa notizia eccome!

Come a Macerata – ma è solo la più fresca – dove uno studente di appena 13 anni è stato beccato dagli agenti della Squadra Mobile maceratese a spacciare marijuana a scuola. Parliamo di scuola media inferiore, se non ho sbagliato i conti. E quel che è peggio, la droga era destinata anche ai compagni di scuola più piccoli.

Sarà anche una non notizia, ma mi domando: chi sono i genitori del 13enne? che insegnanti ha il ragazzo? qual è il suo contesto sociale fuori dalla scuola? come li spendeva i denari provento dello spaccio? Ma, soprattutto, che uomo sarà domani?

Con tutta probabilità continuerò ad essere l’ignorante di turno, quello che diffonde notizie false e fa terrorismo psicologico. Me ne farò una ragione e continuerò per la mia strada. Ma ai detrattori e faciloni vorrei augurare, semmai ne avranno, di non ritrovarsi domani con figli tredicenni come lo studente maceratese. Fumare o spacciare uno spinello non fa più notizia come, ahimè, non fa più notizia una vita serena, equilibrata e piena di sani valori. I nostri figli, complici certi genitori, se li stanno fumando tutti!


link dell'articolo

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi