La Cgil Marche sui voucher: “Non torniamo al passato”

Nel 2016 venduti oltre 6 milioni di buoni lavoro per 76 mila percettori

Ancona, 24 luglio 2018 – Proprio in questi giorni, nel Paese si discute del Decreto Dignità e della reintroduzione dei voucher per alcuni settori. Alcuni dati contenuti nel rapporto nazionale dimostrano come i voucher abbiano rappresentato nelle Marche, come in Italia, un mero strumento di sfruttamento.

Nel 2014, il numero dei percettori nella nostra regione è pari a 48.000, nel 2015 si è giunti a quota  68.000 e, nel 2016, a 76.000. Nell’ultimo anno preso in esame, il 20% dei percettori è stato senza contribuzione nell’anno successivo.

I buoni lavoro, meglio conosciuti come voucher,

Nel 2016, il numero dei voucher venduti nelle Marche ha superato i 6 milioni.

A diffondere questi numeri è la Cgil Marche che, attraverso il proprio segretario regionale Giuseppe Santarelli, dichiara: «È abbastanza curioso costatare come forze attuali di governo che si sono sempre dette d’accordo con le posizioni della Cgil sui temi oggetto dei referendum abrogativi, abbiano cambiato idea cosi repentinamente. Senza dubbio – prosegue Santarelli – la sfida per il futuro, sopratutto nella regione che sconta una maggiore precarietà dei rapporti di lavoro rispetto alla media nazionale, non può essere rappresentata dal ritorno dei voucher ma dalla stabilizzazione dei  rapporti di lavoro. I settori del turismo e dell’agricoltura hanno tutti gli strumenti contrattuali per assumere in modo flessibile. Il ritorno dei voucher serve per coprire il lavoro nero».

«È evidente – conclude Santarelli – che se si andrà avanti per questa strada, la Cgil sarà costretta a mobilitarsi di nuovo fino ad arrivare, come avvenuto con il passato governo, alla battaglia per la loro abrogazione».

 

redazionale


Lascia un commento

Pane Burro & Marmellata

Una striscia quotidiana di riflessione

di Paolo Fileni

FNSI: ecco a voi l’Informazione italiana!

La denuncia, fatta a pagamento, del sindacato dei giornalisti


17 ottobre 2021 – Oggi, sui principali quotidiani nazionali, la Federazione Nazionale Stampa Italiana (FNSI), ha pubblicato – a pagamento – una denuncia su quella che è la situazione in cui versano i giornalisti e l’informazione in Italia. Di seguito, il testo integrale:

Il diritto dei cittadini a essere informati è sotto attacco. I giornalisti sono nel mirino di organizzazioni criminali e neofasciste. Vengono quotidianamente intimiditi, minacciati, picchiati per via del loro lavoro.

Una crisi senza precedenti mette in ginocchio il settore dell’editoria. L’occupazione è sempre più precaria. Migliaia di giornalisti sono costretti a lavorare senza diritti, senza tutele, e con retribuzioni indegne di un Paese civile.

Governo e Parlamento dimenticano l’articolo 21 della Costituzione. Non vogliono fermare le querele bavaglio. Non vogliono norme per l’equo compenso e per contrastare il precariato.

Lasciar affondare l’Istituto di previdenza dei giornalisti italiani significa dare il via allo smantellamento progressivo dell’autonomia e del pluralismo dell’informazione, pilastro di ogni democrazia. Governo e Parlamento non lascino morire l’informazione italiana”.

Intanto, non è assurdo che FNSI (sindacato unico e unitario dei giornalisti italiani che, a loro nome, stipula con le organizzazioni datoriali dei vari settori dell’informazione i contratti collettivi nazionali di lavoro giornalistico), per una tale denuncia debba pagare uno spazio sui giornali?

Poi, diciamocelo: la denuncia, sacrosanta, purtroppo vera, dai contenuti più che condivisibili, arriva con grave ritardo ad accusare un sistema in atto nel Paese da almeno vent’anni. Certo, meglio tardi che mai, ma adesso la Federazione, in quanto sindacato, si dia una mossa con azioni concrete per sovvertire l’andazzo: non bastano le parole di denuncia, occorrono i fatti!

Articolo 21 della Costituzione

Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure.

Si può procedere a sequestro soltanto per atto motivato dell’autorità giudiziaria nel caso di delitti, per i quali la legge sulla stampa espressamente lo autorizzi, o nel caso di violazione delle norme che la legge stessa prescriva per l’indicazione dei responsabili.

In tali casi, quando vi sia assoluta urgenza e non sia possibile il tempestivo intervento dell’autorità giudiziaria, il sequestro della stampa periodica può essere eseguito da ufficiali di polizia giudiziaria, che devono immediatamente, e non mai oltre ventiquattro ore, fare denunzia all’autorità giudiziaria. Se questa non lo convalida nelle ventiquattro ore successive, il sequestro s’intende revocato e privo d’ogni effetto.

La legge può stabilire, con norme di carattere generale, che siano resi noti i mezzi di finanziamento della stampa periodica.

Sono vietate le pubblicazioni a stampa, gli spettacoli e tutte le altre manifestazioni contrarie al buon costume. La legge stabilisce provvedimenti adeguati a prevenire e a reprimere le violazioni”.

© riproduzione riservata


link dell'articolo