Reddito cittadinanza: le Opposizioni sulla replica della Social Servizi

Le tre liste rispondono alla Cooperativa: «Nessun licenziamento? Come negare l’evidenza pur di difendere il Reddito di cittadinanza»

Castelfidardo – Solidarietà Popolare, Pd – Bene in Comune, Uniti per Castelfidardo – Cittadini Attivi – ovvero le liste d’opposizione in Consiglio comunale – dopo l’intervento della Cooperativa Social Servizi in merito alla diatriba sul reddito di cittadinanza, rendono pubblica una loro replica sui contenuti espressi da quest’ultima.

Il consigliere di minoranza Lorenzo Catraro, di Uniti per Castelfidardo

Eccone il contenuto integrale

«Dopo una settimana di silenzio imbarazzante da parte dell’Amministrazione 5 Stelle sul caso della lavoratrice licenziata per far posto al progetto delle “borse lavoro”, sono arrivate le precisazioni.

Però non dall’assessorato ai Servizi Sociali, come ci si poteva aspettare, bensì da parte della Cooperativa interessata. Un chiarimento? Più che altro una difesa d’ufficio, quasi politica, dell’impropriamente detto “Reddito di cittadinanza”.

Dalla lettera sui social apprendiamo però l’inverosimile. “Nessun lavoratore è stato licenziato dalla nostra Cooperativa e sostituito con borsisti legati al reddito di cittadinanza”.

Castelfidardo – Un intervento in Consiglio comunale di Lara Piatanesi di PD Bene in Comune

Dispiace che qualcuno presti così il fianco all’Amministrazione, cercando con questi “giochetti” di far passare come visionari i consiglieri d’opposizione.”

E no cara Cooperativa. A questo gioco non ci prestiamo.

È forse falso che fra i tuoi dipendenti al nido non lavora più la signora in questione?

Non è forse vero che dovrete comparire nei prossimi giorni davanti al giudice del lavoro di Ancona per un licenziamento al nido di Castelfidardo?

Non è forse vero che quel lavoro è ricoperto attualmente da una nuova addetta assunta dal “Reddito”?

Tutto il resto è solo inutile polemica, inutili precisazioni, un arrampicarsi sugli specchi per tentare di salvare l’Amministrazione che quel bando l’ha voluto.

Enrico Santini, consigliere di minoranza di PD-Bene in Comune

Premesso che in discussione qui non è il caso della singola società, semmai gli errori di impostazione del bando, tanto da sfiorare la legittimità giuridica in rapporto ai contratti di lavoro esistenti ed alle modalità usate.

Legittimità che dovrebbe essere controllata da figure ben definite.  

Comunque la Cooperativa si dice pronta a portarci in tribunale. Nessun problema. Sarà la sede giusta per chiamare così a testimoniare il Sindaco Ascani e l’assessore ai servizi sociali Marconi, che in questi mesi hanno gestito l’intera questione nelle segrete stanze, oltre che l’impresa e tutti i soggetti coinvolti.

Ricordiamo a quanti hanno preso subito la palla al balzo per insultarci sui social, che stiamo semplicemente esercitando quel diritto di controllo proprio dei Consiglieri Comunali. Cosa che i 5 Stelle, dove sono all’opposizione, sicuramente fanno anche meglio di noi.

In tutta questa storia però si continua a “giocare” con la vita professionale di una persona. Che passa, per molti, in secondo piano solo per difendere uno “pseudo “Reddito di cittadinanza”. Assurdo».

Firmato

Solidarietà Popolare, Pd – Bene in Comune, Uniti per Castelfidardo – Cittadini Attivi


Lascia un commento

Pane Burro & Marmellata

Una striscia quotidiana di riflessione

di Paolo Fileni

Procida Capitale Cultura 2022, Ancona non ce l’ha fatta!

Il sindaco Valeria Mancinelli: “il nostro progetto, popolare, di crescita e di sviluppo, va avanti”


Ancona, 18 gennaio 2021 – Nella mattinata odierna la commissione del MiBACT presieduta da Stefano Baia Curioni ha proclamato la città di Procida (foto) Capitale italiana della Cultura per il 2022. All’annuncio dato dal ministro Dario Franceschini, sull’isola si è scatenato un tifo da stadio.

I complimenti della commissione, al termine della cerimonia d’assegnazione, sono andati tutti al sindaco Raimondo Ambrosino e al suo staff. La motivazione ha premiato la congiunzione tra il valore del progetto, la sostenibilità economica e le sue ricadute socio culturali. «Siamo strafelici – ha esultato fra le lacrime il sindaco Ambrosino – è un’opportunità storica per noi, per tutte le isole e per l’Italia meno in luce».

Delusione per la città di Ancona, anche se mascherata da ottimismo. La città dorica non ce l’ha fatta a convincere i membri della commissione con il suo progetto incentrato tra l’altro sulla cultura dell’Altro, sull’intenzione di far diventare ordinario lo straordinario, come aveva spiegato l’assessore Paolo Marasca in sede di audizione con il MiBACT.

«È stata appena proclamata la Capitale italiana della cultura 2022. La scelta è caduta su Procida. Mi complimento con il collega sindaco e la comunità dell’isola – il commento ufficiale del sindaco Valeria MancinelliSiamo fieri delle parole del presidente della commissione che ha valutato i progetti e ne ha sottolineato il valore, non solo nazionale ma anche europeo. Siamo anche felici di come è stata motivata la scelta della capitale perché la linea su cui si è mossa Procida e il messaggio che ha voluto lanciare hanno molte affinità con il nostro. Dunque siamo sulla strada giusta. Come ho più volte ribadito il nostro progetto, popolare, di crescita e di sviluppo, va avanti. E lo realizzeremo insieme».

Dunque, nonostante i suoi 2400 anni di storia ed un progetto ampio e variegato, Ancona non ce l’ha fatta. Bocciata per il secondo anno consecutivo dopo il primo tentativo del 2020. A batterla è stata Procida, una cittadina di poco più di 10mila abitanti che si affaccia sul mare del Golfo di Napoli, resa famosa a livello internazionale da Massimo Troisi che qui ha girato molte scene del film Il Postino.

Ancona e Procida, due città bagnate dal mare. 100mila abitanti contro 10mila. Con tutta probabilità, le acque del Golfo di Ancona sono diverse da quelle del Golfo di Napoli. Nonostante la delusione per un’opportunità mancata di crescita importante sul piano socio-culturale e turistico, dal capoluogo delle Marche un in bocca al lupo sincero a Procida: sull’isoletta il 2022 sarà un anno fantastico!

© riproduzione riservata


link dell'articolo

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi