Bando di Servizio Civile Universale

Domande entro il 10 ottobre per 11 posti disponibili. Assegno mensile di € 439,50

Castelfidardo, 11 settembre 2019 – Pubblicato il bando di Servizio Civile Universale per la selezione complessivamente di 39.646 volontari da impiegare in progetti in Italia e all’estero. Gli aspiranti operatori volontari dovranno presentare la domanda di partecipazione esclusivamente attraverso la piattaforma Domande on Line (DOL) raggiungibile tramite pc, tablet e smartphone all’indirizzo https://domandaonline.serviziocivile.it/
Le domande devono essere presentate entro e non oltre le ore 14.00 del 10 ottobre 2019.

Tra i progetti sul territorio regionale, ce ne sono due presentati dalla Fondazione Ferretti sul sito istituzionale del Comune di Castelfidardo per un totale di 11 posti:

 

  1. “Castello Animato 2”: in co-progettazione con la Croce Verde Castefidardo                  Attività:animazione di centri pomeridiani e centri estivi per bambini, organizzazione eventi per famiglie e turisti, attività di segreteria
    4 posti disponibili:
    – 2  presso la Fondazione Ferretti
    – 2 presso la Croce Verde di Castelfidardo
    Impegno: 25 ore settimanali per 5 giorni a settimana per 12 mesi
    Compenso: assegno mensile di € 439,50
  2. “Musei diffusi 3”: in co-progettazione con il Comune di Castelfidardo                                      Attività: apertura e visite guidate ai musei e al patrimonio culturale e ambientale di Castelfidardo, organizzazione di eventi culturali                                                                                                                  7 posti disponibili:                                                                                                                                        2 presso la Fondazione Ferretti di Castelfidardo                                                                                        2 presso il Museo del Risorgimento di Castelfidardo                                                                                3 presso il Museo della Fisarmonica di Castelfidardo                                                                  Impegno: 25 ore settimanali per 6 giorni a settimana per 12 mesi                                                Compenso: assegno mensile di € 439,50

Requisiti di ammissione:

a) cittadinanza italiana, ovvero di uno degli altri Stati membri dell’Unione Europea, ovvero di un Paese extra Unione Europea purché il candidato sia regolarmente soggiornante in Italia;
b) aver compiuto il diciottesimo anno di età e non aver superato il ventottesimo anno di età (28 anni e 364 giorni) alla data di presentazione della domanda;
c) non aver riportato condanna anche non definitiva alla pena della reclusione superiore ad un anno per delitto non colposo ovvero ad una pena della reclusione anche di entità inferiore per un delitto contro la persona o concernente detenzione, uso, porto, trasporto, importazione o esportazione illecita di armi o materie esplodenti, ovvero per delitti riguardanti l’appartenenza o il favoreggiamento a gruppi eversivi, terroristici o di criminalità organizzata.
d) ulteriore requisito solo per l’ammissione al progetto “Musei diffusi 3” è il possesso del diploma di scuola secondaria di secondo grado.

Le domande di partecipazione devono essere presentate esclusivamente nella modalità on line descritta in apertura entro e non oltre le ore 14:00 del 10 ottobre 2019. Oltre tale termine il sistema non consentirà la presentazione delle domande. Le domande trasmesse con modalità diverse non saranno prese in considerazione.

È possibile presentare una sola domanda di partecipazione per un unico progetto ed un’unica sede, da scegliere tra i progetti elencati e riportati nella piattaforma DOL.

Per qualsiasi informazione inerente i progetti della Fondazione Ferretti, contattare lo 071/780156 o, via email a: info@fondazioneferretti.org, o sull’apposita pagina di Facebook, oppure contattare  la Croce Verde allo 071/7822222 o via email a: segreteria@croceverdecastelfidardo.it.

 

redazionale

 


Lascia un commento

Pane Burro & Marmellata

Una striscia quotidiana di riflessione

di Paolo Fileni

“Eurogames” alias Giochi senza frontiere

Debutto questa sera su Canale 5 condotto da Ilary Blasi e Alvin, giudice Jury Chechi


19 settembre 2019 – Si potrebbe definire un ritorno al passato, la riproposizione di un format di sano successo televisivo e non solo o, dal punto di vista degli addetti ai lavori di casa Mediaset, la rincorsa ad ascolti da capogiro. Ascolti che vent’anni fa in Rai toccarono punte anche di 20 milioni di spettatori a puntata. Comunque sia, c’è grande attesa per la prima puntata di questa sera su Canale 5 in prima serata di Eurogames, alias Giochi senza frontiere.

A vent’anni di distanza dall’ultima puntata di Giochi senza frontiere, con lo storico conduttore Ettore Andenna su tutti, questa sera Ilary Blasi e Alvin – con Jury Chechi a fare da giudice – (foto) terranno a battesimo Eurogames: sei puntate di giochi e sfide tra sei nazioni: Spagna, Russia, Grecia, Germania, Polonia e Italia.

Non c’è nessuna differenza tra Giochi senza frontiere ed Eurogames a livello di contenitore. E la curiosità sta nel constatare se oggi l’immaginario collettivo potrà essere catturato da quel tipo di proposta. All’epoca, non c’era ancora l’Europa Unita. Così come non c’era l’euro (era in embrione), e lo spread non fregava a nessuno. La Germania e la Francia non detenevano l’esclusiva delle decisioni in Eurozona, e le nazioni che partecipavano a Giochi senza frontiere si scontravano in un clima gaio di allegra fratellanza piena di aspirazioni future.

Il quadro internazionale è cambiato parecchio in questi ultimi venti anni, certi “rancori” socio-politici allora non esistevano e sarà interessante vedere questa sera come reagirà il pubblico europeo, ma soprattutto quello italiano, alla riproposizione di quei giochi sotto il nuovo nome di Eurogames.

L’unica vera differenza tra i vecchi Giochi ed Eurogames è che le puntate non saranno itineranti (una serata in ogni nazione partecipante), ma andranno in onda tutte da un unico luogo, ovvero Cinecittà World in Italia, all’interno di un’arena che rievoca il Circo Massimo.

Non so voi, ma io stasera sarò lì davanti alla tv a tifare Italia sperando riesca a battere sia la Francia sia la Germania. Reminiscenze calcistiche? È probabile, difficile gestire l’inconscio. Ma, hai visto mai che almeno nei giochi si riesca a prevalere su quel senso di sudditanza che ci accompagna da troppo tempo nei confronti di “quelli”? In allegria, gioia e fratellanza, sia chiaro!


link dell'articolo

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi