Le domande di lavoro pubblicate da Corriere del Conero 10/02

Se sei un’azienda e/o cerchi personale ad Ancona, Camerano, Castelfidardo, Loreto, Numana, Osimo, Sirolo, leggi qui

Camerano, 10 febbraio 2021 – Corriere del Conero pubblica gratuitamente le seguenti inserzioni riferite alla ricerca di un’occupazione da parte dei propri lettori. Le aziende o le realtà che volessero mettersi in contatto con il profilo d’interesse, sono pregate di scrivere una mail all’indirizzo: info@corrieredelconero.it; o di telefonare in redazione ai numeri: 071 229 2523 – 320 8721470; citando il codice di riferimento che compare in grassetto in calce ad ogni singola inserzione.

Stessa mail per chi volesse pubblicare una domanda di lavoro.

Domande lavoro

Impiegati o specializzati

  • Responsabile segreteria direzionale, residente a Camerano (AN), pluriesperienza maturata in studi di rilievo a Bologna ed Ancona, battitura testi in italiano, inglese e francese anche sotto dettatura (velocità 450 battute al minuto); traduzioni dall’italiano all’inglese e viceversa; ampia conoscenza dei vari sistemi operativi di Windows, pacchetto Microsoft Office, in stato di disoccupazione (Naspi), ricerca lavoro (possibilmente nella provincia di Ancona) come impiegata con funzioni di segretaria. Disponibile a valutare anche opportunità in altri ambiti. CA-01
  • Diplomata Tecnico per i servizi turistici, residente a Camerano (AN), esperienza come addetta alle vendite, segretaria e barista, buon utilizzo del computer, inglese e francese parlato sufficientemente, cerca lavoro sia full time sia part-time. CA-02
  • Laureata in Scienze Giuridiche presso l’università degli studi di Camerino, residente a Castelfidardo (AN), esperienze lavorative come responsabile del personale presso un Hotel, uno stage di sei mesi presso il Tribunale GIP/GUP di Ancona con competenze d’ufficio, maturato capacità relazionali e abilità al problem solving, cerca lavoro full-time o part-time come segretaria in aziende o uffici medici. Rif. CS- 03
  • Laureando all’università di Macerata in discipline della mediazione linguistica, residente ad Osimo (AN), disponibile a spostarsi a Castelfidardo, Ancona, Macerata centro, Osimo stazione e altre zone raggiungibili con i mezzi pubblici; due stagioni estive come lavapiatti, aiuto-cuoco e barista), 5 mesi come addetto alle vendite nella filiale Lidl di Loreto, ottima propensione ad adattarsi ad ogni attività, cerca lavoro part-time in qualsiasi campo. Rif. OS-04
  • Perito industriale; specialità elettronica e telecomunicazioni, residente a Numana, cerca impiego come tecnico informatico o helpdesk. Esperienza nel settore, riparatore e assemblatore di pc, configurazione software e hardware. NU-09

Operai e mansioni varie

  • Operatrice socio-sanitaria, residente a Camerano (AN), si occupa dell’igiene del malato, cucina, stira e pulisce, cerca lavoro come badante. CA-05
  • Operaio generico, residente a Camerano (AN), patente A-B-C + patente muletto, corso antincendio e attestato di guida sollevatori idraulici, esperienze in genere nella manutenzione e nel giardinaggio, senza problemi di orario compresi i festivi (vive da solo), cerca qualsiasi lavoro. Rif CA-06
  • Magazziniere o addetto alle vendite, residente a Camerano (AN), pluriesperienza nel settore, controllo ricevimento merci, uso del carrello elevatore ma senza patentino, cerca lavoro nelle zone limitrofe anche non pertinente alla mansione. CA-07
  • Operaio generico, residente ad Osimo, con famiglia e due bimbe, percettore di reddito di cittadinanza, cerca lavoro in fabbrica o similare. OS-08

Prima di mettere in contatto l’inserzionista con l’azienda o la figura interessata all’assunzione, sarà cura della redazione verificarne la serietà e la reale necessità.

Questo spazio, sempre gratuito, è a disposizione anche delle aziende o realtà varie, per le loro ricerche di personale. Per la pubblicazione delle inserzioni, inviare la ricerca dettagliata corredata dal nome dell’azienda, sede, telefono, responsabile della ricerca, offerta economica e requisiti richiesti a: info@corrieredelconero.it.

© riproduzione riservata 


Lascia un commento

Pane Burro & Marmellata

Una striscia quotidiana di riflessione

di Paolo Fileni

FNSI: ecco a voi l’Informazione italiana!

La denuncia, fatta a pagamento, del sindacato dei giornalisti


17 ottobre 2021 – Oggi, sui principali quotidiani nazionali, la Federazione Nazionale Stampa Italiana (FNSI), ha pubblicato – a pagamento – una denuncia su quella che è la situazione in cui versano i giornalisti e l’informazione in Italia. Di seguito, il testo integrale:

Il diritto dei cittadini a essere informati è sotto attacco. I giornalisti sono nel mirino di organizzazioni criminali e neofasciste. Vengono quotidianamente intimiditi, minacciati, picchiati per via del loro lavoro.

Una crisi senza precedenti mette in ginocchio il settore dell’editoria. L’occupazione è sempre più precaria. Migliaia di giornalisti sono costretti a lavorare senza diritti, senza tutele, e con retribuzioni indegne di un Paese civile.

Governo e Parlamento dimenticano l’articolo 21 della Costituzione. Non vogliono fermare le querele bavaglio. Non vogliono norme per l’equo compenso e per contrastare il precariato.

Lasciar affondare l’Istituto di previdenza dei giornalisti italiani significa dare il via allo smantellamento progressivo dell’autonomia e del pluralismo dell’informazione, pilastro di ogni democrazia. Governo e Parlamento non lascino morire l’informazione italiana”.

Intanto, non è assurdo che FNSI (sindacato unico e unitario dei giornalisti italiani che, a loro nome, stipula con le organizzazioni datoriali dei vari settori dell’informazione i contratti collettivi nazionali di lavoro giornalistico), per una tale denuncia debba pagare uno spazio sui giornali?

Poi, diciamocelo: la denuncia, sacrosanta, purtroppo vera, dai contenuti più che condivisibili, arriva con grave ritardo ad accusare un sistema in atto nel Paese da almeno vent’anni. Certo, meglio tardi che mai, ma adesso la Federazione, in quanto sindacato, si dia una mossa con azioni concrete per sovvertire l’andazzo: non bastano le parole di denuncia, occorrono i fatti!

Articolo 21 della Costituzione

Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure.

Si può procedere a sequestro soltanto per atto motivato dell’autorità giudiziaria nel caso di delitti, per i quali la legge sulla stampa espressamente lo autorizzi, o nel caso di violazione delle norme che la legge stessa prescriva per l’indicazione dei responsabili.

In tali casi, quando vi sia assoluta urgenza e non sia possibile il tempestivo intervento dell’autorità giudiziaria, il sequestro della stampa periodica può essere eseguito da ufficiali di polizia giudiziaria, che devono immediatamente, e non mai oltre ventiquattro ore, fare denunzia all’autorità giudiziaria. Se questa non lo convalida nelle ventiquattro ore successive, il sequestro s’intende revocato e privo d’ogni effetto.

La legge può stabilire, con norme di carattere generale, che siano resi noti i mezzi di finanziamento della stampa periodica.

Sono vietate le pubblicazioni a stampa, gli spettacoli e tutte le altre manifestazioni contrarie al buon costume. La legge stabilisce provvedimenti adeguati a prevenire e a reprimere le violazioni”.

© riproduzione riservata


link dell'articolo