“Face-Up! Imeter Facade Upgrade” un progetto rivolto agli architetti

L’azienda cameranese si rifà il look e indice un concorso nazionale per riqualificare il proprio immobile. In collaborazione con Cento55 e il Corso di Laurea in Ingegneria Edile Architettura dell'Università Politecnica delle Marche

Camerano – La facciata di un’azienda è il suo biglietto da visita, ne esprime il carattere e la qualità architettonica delle sue spazialità. Cento55 e il Corso di Laurea in Ingegneria Edile Architettura dell’Università Politecnica delle Marche in collaborazione con Imeter s.r.l. di Camerano (AN) promuovono un concorso nazionale di idee, seguito da una fase di costruzione, per la riqualificazione e ridefinizione dell’involucro sia della palazzina uffici che della nuova esposizione della sede dell’azienda.

La necessità di riorganizzare gli spazi interni ha stimolato la Imeter a concepire un ammodernamento dell’immagine aziendale e a richiedere proposte innovative ai giovani studenti universitari. Da qui nasce il concorso “Face-Up! Imeter Facade Upgrade”.

Il progetto vincitore sarà sviluppato dall’ente banditore in fase di progettazione definitiva ed esecutiva. Al gruppo vincitore spetta il diritto di partecipare alle successive fasi di progettazione. Sono richiesti materiali in grado di esaltare il brand e la grafica aziendale, con eventuali integrazioni tecnologiche. In particolare Imeter s.r.l. intende acquisire un progetto preliminare di restyling del proprio punto vendita.
Per partecipare Bisogna registrarsi al sito www.cento55.com, entro il 31 gennaio 2018 alle ore 12.00, la quota di partecipazione è pari a € 30,00. La consegna del progetto avviene in forma anonima e va effettuata tramite la piattaforma entro il 9 febbraio 2018 alle ore 12.00. La piattaforma web sarà attiva dal giorno 10 gennaio 2018, fino a quel momento si fa riferimento alla pagina Facebook: @ConcorsoFaceUp
Il Bando: http://bit.ly/2iSI4Hp

PremiPrimo classificato: € 3000,00 e la possibilità di uno stage formativo presso We Plan Ingegneria in cui si seguirà il progetto esecutivo del progetto vincitore.
Secondo classificato: € 1000,00
Terzo classificato: € 500,00

A chi è rivolto

Il concorso è rivolto agli studenti universitari regolarmente iscritti ai Corsi di Laurea Magistrali in Architettura (Classe LM 4 – Architettura e Ingegneria Edile – Architettura).  È aperta la partecipazione anche agli studenti regolarmente iscritti ad altri Corsi (Design, Ingegneria Edile o Civile, …).

La partecipazione può avvenire sia in forma individuale che in forma associata, per un massimo di tre componenti a gruppo. Ogni gruppo dovrà nominare un suo componente come capogruppo, unico responsabile e referente nei confronti del soggetto banditore. Il capogruppo dovrà essere obbligatoriamente iscritto ad un Corso di Laurea appartenente alla Classe di Lauree Magistrali LM 4.

 

redazionale


Lascia un commento

Pane Burro & Marmellata

Una striscia quotidiana di riflessione

di Paolo Fileni

Meglio i moscioli dell’aria di Portonovo

Quando il marketing spinge al superfluo


Portonovo (AN), 3 dicembre 2019 – Questa volta lo spunto di riflessione arriva da Il Resto del Carlino di oggi che, sulla pagina di Ancona, pubblica un articolo dal titolo bizzarro a firma Ilaria Traditi: “Portonovo, ora è in vendita anche l’aria”.

In sostanza, alcuni anni fa Paolo Bonetti (nella foto di Bobo Antic, per gentile concessione de Il Resto del Carlino), imprenditore della Baia con il bernoccolo del marketing, s’è inventato l’idea di mettere in lattina l’aria salubre di Portonovo, per offrirla poi ai turisti al costo di 3 euro. Un’idea che, visto il successo di vendite, sembrerebbe vincente e lucrosa dal momento che il barattolo di latta pieno di niente da souvenir estivo è diventato anche fortunata strenna natalizia.

Come spiega Ilaria Traditi, il business è ben consolidato: “dall’aria delle Dolomiti venduta in bottigliette da 5 euro, a quella delle Montagne Rocciose che spopola tra i cinesi venduta dalla società canadese Vitality Air fino a quella delle incontaminate campagne inglesi che va forte in Corea”. E, aggiungo io, l’acqua isotonica benefica e tonificante per gli occhi del mare delle Cinque Terre in Liguria venduta in bottigliette.

Ora, tenuto conto che nel marketing ogni idea finalizzata a promuovere un territorio può essere geniale quando funziona – e quella di Paolo Bonetti lo è – mi domando perché la gente sia disposta a spendere denaro – anche 10 euro – per acquistare il nulla. Perché l’aria di Portonovo, delle Dolomiti o delle Montagne Rocciose è francamente il nulla. Quando vai in quei posti, puoi mettertela da solo all’interno di un barattolo e, se il barattolo già ce l’hai, lo puoi fare a costo zero!

La società dei consumi di cui facciamo parte tutti, e le leggi di questo sistema che regolano la promozione degli articoli e dei prodotti immessi sul mercato – che in un modo o nell’atro devono comunque essere venduti – hanno profondamente modificato la capacità di valutazione del singolo. Così tanto, da arrivare a farti acquistare il superfluo convincendoti che ne valga la pena. Di questo assunto sono pieni i nostri carrelli della spesa.

Per quanto mi riguarda, se vado a Portonovo preferisco portarmi a casa un succoso piatto di moscioli: ti basta aggiungerci un po’ di limone e prezzemolo per farti ricordare per sempre di quella bellissima Baia. Dell’aria in lattina, una volta aperta, non ti resta che una lattina piuttosto indigesta. Nessun profumo, nessun gusto, nessun senso d’aver assaporato il paradiso.

 


link dell'articolo

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi