M’illumino di meno: Osimo cambia passo

All’insegna dell’andare a piedi, pedibus, visita a monumenti storici e grotte

Osimo – Si rinnova domani, venerdì 23 febbraio, il tradizionale appuntamento con “M’illumino di meno”, l’iniziativa promossa dal programma di Radio2 Caterpillar, giunta alla 14ª edizione e dedicata quest’anno alla bellezza del camminare e dell’andare a piedi.

L’obiettivo della giornata è quello di raggiungere il numero simbolico di 555 milioni di passi per percorrere idealmente la distanza tra la Terra e la Luna.

Anche Osimo aderisce alla manifestazione con una giornata dal titolo “M’illumino di Meno: Osimo cambia passo”, con cui cercherà di dare il proprio contributo in termini di “passi” attraverso una serie di iniziative da svolgere rigorosamente camminando.

Si inizierà la mattina con il Pedibus, promosso dal Comune e da Italia Nostra, per sensibilizzare gli studenti ad andare a scuola a piedi. A questo spunto ha aderito l’Istituto C.G. Cesare le cui insegnanti accompagneranno gli alunni delle quinte classi elementari del plesso Borgo San Giacomo, salvo maltempo, che si metteranno in cammino attorno alle dieci, per raggiungere il Palazzo del Comune, dove ad accoglierli ci sarà il sindaco e la consigliera comunale Eliana Flamini, presidente della Commissione “Ambiente e Territorio” che porterà i saluti anche dell’assessore all’Ambiente Michela Glorio, impegnata in un viaggio all’estero per lavoro.

Le grotte di Osimo

Nel pomeriggio, dalle ore 18.30 partirà da Piazza Boccolino il tour guidato per le vie del centro storico alla scoperta dei principali monumenti storici di Osimo, che prevede una sosta in sala Maggiore del Palazzo comunale per assistere al Ballo Ottocentesco, curato dall’Accademia di Danze Ottocentesche, e la conclusione al Mercato Coperto per i Balli Popolari curati dal ‘Cielo in una Danza’. Inoltre le altre associazioni aderenti all’iniziativa, Croce Rossa Italiana, La Confluenza e Istituto superiore Laeng accoglieranno sempre al Mercato Coperto i visitatori nei loro stand ciascuno con le proprie iniziative di sensibilizzazione e laboratori dedicati alle energie rinnovabili ed al risparmio energetico.

In contemporanea, sempre dalle 18:30 si rinnoverà la possibilità di visitare le meraviglie sotterranee delle Grotte Riccioni e di Piazza Dante, con ‘Sotto i nostri piedi c’è la terra’, altro tema lanciato in questa campagna da Caterpillar, in atmosfera a lume di candela su prenotazione e con biglietto ridotto.

Si aggiunge ai partecipanti attivi, l’adesione ‘morale’ dell’Anpi che ritiene: «Essenziale il corretto utilizzo delle risorse, al fine di rispettare il mondo che ci ospita e che dovremmo lasciare quantomeno inalterato alle generazioni che verranno. La nostra presenza sará la testimonianza, ancora una volta, della centralità della Costituzione anche in tema di ambiente; la Costituzione che, provocatoriamente, potremmo definire la meno attuata al mondo, sancisce, e qui sta la lungimiranza di chi la scrisse, tra i suoi principi fondamentali la tutela dell’ambiente e del patrimonio: colpisce come a distanza di 70 anni la manutenzione del territorio risulti ancora in fondo al dibattuto politico».

 

redazionale


Lascia un commento

Pane Burro & Marmellata

Una striscia quotidiana di riflessione

di Paolo Fileni

Procida Capitale Cultura 2022, Ancona non ce l’ha fatta!

Il sindaco Valeria Mancinelli: “il nostro progetto, popolare, di crescita e di sviluppo, va avanti”


Ancona, 18 gennaio 2021 – Nella mattinata odierna la commissione del MiBACT presieduta da Stefano Baia Curioni ha proclamato la città di Procida (foto) Capitale italiana della Cultura per il 2022. All’annuncio dato dal ministro Dario Franceschini, sull’isola si è scatenato un tifo da stadio.

I complimenti della commissione, al termine della cerimonia d’assegnazione, sono andati tutti al sindaco Raimondo Ambrosino e al suo staff. La motivazione ha premiato la congiunzione tra il valore del progetto, la sostenibilità economica e le sue ricadute socio culturali. «Siamo strafelici – ha esultato fra le lacrime il sindaco Ambrosino – è un’opportunità storica per noi, per tutte le isole e per l’Italia meno in luce».

Delusione per la città di Ancona, anche se mascherata da ottimismo. La città dorica non ce l’ha fatta a convincere i membri della commissione con il suo progetto incentrato tra l’altro sulla cultura dell’Altro, sull’intenzione di far diventare ordinario lo straordinario, come aveva spiegato l’assessore Paolo Marasca in sede di audizione con il MiBACT.

«È stata appena proclamata la Capitale italiana della cultura 2022. La scelta è caduta su Procida. Mi complimento con il collega sindaco e la comunità dell’isola – il commento ufficiale del sindaco Valeria MancinelliSiamo fieri delle parole del presidente della commissione che ha valutato i progetti e ne ha sottolineato il valore, non solo nazionale ma anche europeo. Siamo anche felici di come è stata motivata la scelta della capitale perché la linea su cui si è mossa Procida e il messaggio che ha voluto lanciare hanno molte affinità con il nostro. Dunque siamo sulla strada giusta. Come ho più volte ribadito il nostro progetto, popolare, di crescita e di sviluppo, va avanti. E lo realizzeremo insieme».

Dunque, nonostante i suoi 2400 anni di storia ed un progetto ampio e variegato, Ancona non ce l’ha fatta. Bocciata per il secondo anno consecutivo dopo il primo tentativo del 2020. A batterla è stata Procida, una cittadina di poco più di 10mila abitanti che si affaccia sul mare del Golfo di Napoli, resa famosa a livello internazionale da Massimo Troisi che qui ha girato molte scene del film Il Postino.

Ancona e Procida, due città bagnate dal mare. 100mila abitanti contro 10mila. Con tutta probabilità, le acque del Golfo di Ancona sono diverse da quelle del Golfo di Napoli. Nonostante la delusione per un’opportunità mancata di crescita importante sul piano socio-culturale e turistico, dal capoluogo delle Marche un in bocca al lupo sincero a Procida: sull’isoletta il 2022 sarà un anno fantastico!

© riproduzione riservata


link dell'articolo

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi