Lo chef Davide Oldani protagonista a Osimo

Evento clou in attesa del Giro d’Italia. Sport e gusto, il cuoco appassionato di ciclismo salirà sul palco de La Nuova Fenice lunedì 14 maggio

Osimo, 13 maggio – Sarà Davide Oldani, lo stellato chef milanese tra i più famosi d’Italia, a chiudere la rassegna di eventi organizzati dal Comune di Osimo per aspettare la tappa del Giro d’Italia.

Volto di un noto spot insieme alla leggenda del tennis Roger Federer e fiero bike lover, il cuoco salirà sul palco del Teatro La Nuova Fenice, lunedì 14 maggio alle 18, per un cooking show, ma anche per parlare del suo ultimo libro “D’O eat better”, attraverso il quale racconta cos’hanno in comune le sue due grandi passioni: la cucina e lo sport.

Lo chef Davide Oldani

A presentare lo spettacolo, ad ingresso gratuito, nella sala Vivarini del Comune il sindaco Simone Pugnaloni insieme a Gerardo Savini ed Emidio Lupo, rispettivamente general manager e direttore commerciale di Delta Motors, la concessionaria Mercedes e Smart di Ancona sponsor dell’evento.

«Il Giro d’Italia è un’occasione imperdibile per Osimo – ha affermato Pugnaloni – e gli eventi collaterali rappresentano un’importante vetrina per il territorio ed un ottimo veicolo per promuovere la manifestazione sportiva. Le iniziative che faranno da apripista alla carovana rosa sono state realizzare grazie al contributo di alcuni sponsor, tra i quali Delta Motors che si è resa disponibile a sostenere l’appuntamento con Oldani. Ringrazio tutti coloro che ci hanno appoggiato per aver creduto nell’intera operazione».

Osimo – da sinistra Emidio Lupo, direttore commerciale di Delta Motors sponsor dell’evento, il sindaco Simone Pugnaloni e Gerardo Savini, general manager di Delta Motors

Soddisfatto Gerardo Savini: «Abbiamo deciso – ha detto – di affiancare l’Amministrazione nell’organizzazione di questo spettacolo perché da sempre crediamo nelle eccellenze. Oldani è ambasciatore in Italia e nel mondo di una cucina “stellare” e noi, con le nostre stelle, non potevamo non essere presenti a questo evento».

La scelta di invitare lo chef a chiudere, con uno spettacolo–intervista, il cartellone delle iniziative collaterali alla tappa della corsa rosa non è casuale. Inventore della cucina Pop, ovvero popolare, contraddistinta da piatti che coniugano tradizione e innovazione, Davide Oldani è un grande appassionato di sport ed in particolare di ciclismo, che pratica con almeno quattro o cinque ore di pedalata la settimana.

Dopo una prima parte dello spettacolo dedicata alle sue prodezze culinarie, Oldani, intervistato dal giornalista di Etv Marche Maurizio Socci, racconterà la sua cucina e si racconterà, condividendo con il pubblico i preziosi segreti di una buona tavola gustosa e al contempo salutare.

Allo spettacolo seguirà una cena di gala, offerta dal Quartopiano Suite Restaurant di Rimini, riservata ad Oldani e ad una ristretta cerchia di ospiti, nella quale verranno servite le prelibatezze dello chef Silver Succi, altro protagonista del panorama gastronomico italiano, che con Oldani ha condiviso un periodo di collaborazione con Gualtiero Marchesi.

 

redazionale


Lascia un commento

Pane Burro & Marmellata

Una striscia quotidiana di riflessione

di Paolo Fileni

Procida Capitale Cultura 2022, Ancona non ce l’ha fatta!

Il sindaco Valeria Mancinelli: “il nostro progetto, popolare, di crescita e di sviluppo, va avanti”


Ancona, 18 gennaio 2021 – Nella mattinata odierna la commissione del MiBACT presieduta da Stefano Baia Curioni ha proclamato la città di Procida (foto) Capitale italiana della Cultura per il 2022. All’annuncio dato dal ministro Dario Franceschini, sull’isola si è scatenato un tifo da stadio.

I complimenti della commissione, al termine della cerimonia d’assegnazione, sono andati tutti al sindaco Raimondo Ambrosino e al suo staff. La motivazione ha premiato la congiunzione tra il valore del progetto, la sostenibilità economica e le sue ricadute socio culturali. «Siamo strafelici – ha esultato fra le lacrime il sindaco Ambrosino – è un’opportunità storica per noi, per tutte le isole e per l’Italia meno in luce».

Delusione per la città di Ancona, anche se mascherata da ottimismo. La città dorica non ce l’ha fatta a convincere i membri della commissione con il suo progetto incentrato tra l’altro sulla cultura dell’Altro, sull’intenzione di far diventare ordinario lo straordinario, come aveva spiegato l’assessore Paolo Marasca in sede di audizione con il MiBACT.

«È stata appena proclamata la Capitale italiana della cultura 2022. La scelta è caduta su Procida. Mi complimento con il collega sindaco e la comunità dell’isola – il commento ufficiale del sindaco Valeria MancinelliSiamo fieri delle parole del presidente della commissione che ha valutato i progetti e ne ha sottolineato il valore, non solo nazionale ma anche europeo. Siamo anche felici di come è stata motivata la scelta della capitale perché la linea su cui si è mossa Procida e il messaggio che ha voluto lanciare hanno molte affinità con il nostro. Dunque siamo sulla strada giusta. Come ho più volte ribadito il nostro progetto, popolare, di crescita e di sviluppo, va avanti. E lo realizzeremo insieme».

Dunque, nonostante i suoi 2400 anni di storia ed un progetto ampio e variegato, Ancona non ce l’ha fatta. Bocciata per il secondo anno consecutivo dopo il primo tentativo del 2020. A batterla è stata Procida, una cittadina di poco più di 10mila abitanti che si affaccia sul mare del Golfo di Napoli, resa famosa a livello internazionale da Massimo Troisi che qui ha girato molte scene del film Il Postino.

Ancona e Procida, due città bagnate dal mare. 100mila abitanti contro 10mila. Con tutta probabilità, le acque del Golfo di Ancona sono diverse da quelle del Golfo di Napoli. Nonostante la delusione per un’opportunità mancata di crescita importante sul piano socio-culturale e turistico, dal capoluogo delle Marche un in bocca al lupo sincero a Procida: sull’isoletta il 2022 sarà un anno fantastico!

© riproduzione riservata


link dell'articolo

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi