Estate numanese 2017

114 eventi tutti gratuiti compreso il trasporto pubblico

Numana – Nell’incantevole scenario di Piazza Nuova, il sindaco Gianluigi Tombolini e l’addetto stampa Giuseppe Monaco hanno presentato ai media il programma degli spettacoli estivi e del trasporto pubblico per la stagione 2017.

Numana – da sin: l’addetto stampa del Comune Giuseppe Monaco, e il sindaco Gianluigi Tombolini

Sono stati programmati quest’anno ben 114 eventi, completamente gratuiti grazie agli sponsor locali. Tutti ben descritti e reclamizzati da un pieghevole di facile utilizzo che sarà distribuito agli esercizi e disponibile nei punti Iat di Numana e Marcelli.

La linea guida, come negli anni scorsi, è stata quella di pianificare nelle varie location del paese, Piazza del Santuario a Numana; Piazza Miramare a Marcelli; Piazzetta Svarchi; un divertimento “intelligente” e dedicato alle famiglie: le letture animate al Cavalluccio, le “notti blu dei bambini”… senza tralasciare eventi prettamente culturali come Il lunedì del libro a Piazza Nuova, o le incursioni piccanti della Notte Rossa.

Riconfermati gli eventi al top come il Gran Galà della danza e il concerto all’alba a Piazza Nuova, accompagnato dal maestro Franco Cerri.

Ma non mancheranno le novità: oltre al musical Renzo e Lucia & co., in Piazza del Santuario, alcune giovani promesse del mondo della comicità e del cabaret si esibiranno sotto la straordinaria direzione artistica (gratuita) di Marco Marzocca, grande estimatore di Numana. Lo stesso si esibirà personalmente nei suoi cavalli di battaglia con la “spalla” storica Stefano Sarcinelli.

Lo splendido panorama della costa numanese. In primo piano la Spiaggiola, poi il porto e il litorale di Marcelli

Per gli amanti della natura e gli sportivi, restano confermate le liberazioni delle tartarughe presso la spiaggia delle Due sorelle, il Renault Vertical Summer Tour e la grande novità della Numana In… Sup, in collaborazione con la Restyling e altri sponsor.

Per quanto riguarda il trasporto pubblico, grazie ai proventi della tassa di soggiorno, sarà gratuito come lo scorso anno: ri rinnova quindi la possibilità per i turisti e i residenti di usufruire di ben quattro linee diurne e di una notturna.

Comodi autobus con aria condizionata e wi fi collegheranno il centro con il lungomare e con Marcelli/Svarchi e Taunus, fino ad arrivare ai confini con il territorio di Portorecanati.

Da registrare anche la presenza della linea bisettimanale Marcelli-Numana-Portonovo e il minibus elettrico che, su richiesta, collegherà il centro del paese alla Torre e alla Spiaggiola.

Va sottolineato che gli orari di arrivo della linea interessata potranno essere consultati via smartphone attraverso un apposito QR CODE presente nel volantino promozionale degli eventi.

Al termine della presentazione, il sindaco Tombolini ha ringraziato il suo staff, la Pro loco e quanti, gratuitamente e volontariamente, permetteranno la buona riuscita dell’estate numanese 2017.


Lascia un commento

Pane Burro & Marmellata

Una striscia quotidiana di riflessione

di Paolo Fileni

Lettera aperta alla signora Elsa Maria Fornero

L’ex ministro del lavoro “madre degli esodati” torna a Palazzo Chigi come consulente


Camerano, 21 luglio 2021 – Leggo e riporto da Wikipedia: “Elsa Maria Fornero è un’economista, accademica ed ex politica italiana. Ha ricoperto la carica di ministro del lavoro e delle politiche sociali, con delega alle pari opportunità, dal 16 novembre 2011 al 28 aprile 2013 nel governo Monti”.

Leggo e riporto da Il sole 24 ore: “sindacati, M5S e Lega in pressing contro il ritorno alla Fornero. Il 27 luglio parte il tavolo sul “dopo-Quota 100”. Una parte della maggioranza in fermento e spinge per flessibilità in uscita e Quota 41. Il Mef rimane cauto. E la stessa cautela sembra mostrare Palazzo Chigi, dove, nello stesso momento in cui comincia a diventare caldo il tema-pensioni, approda proprio la professoressa Elsa Fornero, che farà parte della squadra di consulenti e “consiglieri” del Comitato d’indirizzo per la politica economica…

Una notizia che ha mandato molti italiani in fibrillazione. Tra questi, un nostro lettore che ha inviato in redazione una lettera aperta indirizzata alla Signora che, ovviamente, non potevamo mandare sotto silenzio. Eccovela.

Cara signora Elsa Maria Fornero (foto by Wakeupnews),

in tutta sincerità e tantissimo rancore – quello che lei ha prodotto in me durante questi ultimi, lunghi, sofferti sette anni cui lei mi ha condannato per il reato (mai commesso) di “esodato” – ma davvero ha la faccia tosta di ripresentarsi a Palazzo Chigi? Ma… davero, davero? come direbbe Brignano.

Cara signora Elsa Maria Fornero ex ministro del lavoro e delle politiche sociali, ma lei, davero davero sa cosa significhi essere condannati – senza aver commesso reati di sorta – a non percepire per sette anni una pensione sacrosanta maturata legalmente? No che non lo sa, perché se lo sapesse quella sua legge, nove anni fa, non l’avrebbe mai firmata.

Cara signora Elsa Maria Fornero ex ministro del lavoro e delle politiche sociali, ma lei, davero davero non si è resa conto che in sette anni mi ha sottratto (che poi sarebbe un eufemismo) – moltiplicato per migliaia e migliaia di italiani come me – circa 50mila euro che moltiplicati per mille fanno cinquanta milioni? Oh, certo, non sono soldi che lei si è messa in tasca; sono però soldi che lei ha ordinato e permesso di sfilare dalle mie tasche, ed è ovvio che m’importa poco dove siano finiti o come siano stati spesi. Erano miei e lei ha ordinato che non mi venissero riconosciuti. L’ha fatto di sua iniziativa, senza neppure domandarmi se fossi d’accordo!

Cara signora Elsa Maria Fornero ex ministro del lavoro e delle politiche sociali, si è mai resa conto che l’ammontare mensile della mia pensione, che lei per sette anni mi ha negato, era pari a quanto guadagnato da lei in un giorno da ministro? E questa riflessione mi fa giungere alla conclusione che quelle sue famose lacrime versate all’annuncio della sua legge, erano lacrime d’un coccodrillo strapagato e anche un tantino ipocrita. Perché vede, lei non era obbligata a firmarla quella legge. Se davvero – come disse – comprendeva il dramma in cui stava per far sprofondare migliaia e migliaia di italiani, avrebbe potuto dire no.    

Cara signora Elsa Maria Fornero ex ministro del lavoro e delle politiche sociali, per favore, mi ascolti. Di danni ne ha fatti già abbastanza. Dica al premier Draghi che ci ha ripensato e se ne resti a casa. A 73 anni, non credo lei abbia ancora bisogno di ulteriore visibilità. Anche perché a me, sinceramente, di saperla lì un po’ inquieta, anche se ci sta aggratis. Resti a casa, per favore. Se non lo vuole fare per la sua, lo faccia almeno per la mia dignità e per quella di migliaia e migliaia di italiani da lei esodati. Un favore, dopo averci condannato a sette anni di sacrifici, potrebbe anche farcelo, non crede?

(segue firma)

© riproduzione riservata


link dell'articolo