Recanati apre il sipario sugli eventi estivi in città

Presentato il ricco cartellone tra musica arte poesia e cinema

Recanati, 30 giugno 2022 – Il Comune leopardiano mercoledì 29 giugno ha presentato il ricco cartellone di eventi e di manifestazioni dell’Estate 2022, organizzati in sinergia con tutte le realtà culturali, commerciali e turistiche del territorio. Recanati è pronta più che mai  ad accogliere e ad intrattenere cittadini e turisti nel suggestivo palcoscenico delle sue piazze e dei suoi cortili storici.

«È una precisa volontà della nostra Amministrazione cercare di dare sempre le massime  opportunità e gli spazi più ampi alle realtà che lavorano con impegno e professionalità tutto l’anno nel nostro territorio – ha dichiarato il sindaco Antonio Bravi –  le rappresentanze riunite qui oggi di operatori culturali, turistici e commerciali che hanno lavorato sul ricco cartellone di eventi per l’estate 2022 ci testimoniano che Recanati è una città ricca di idee con grandi capacità propositive, un punto d’orgoglio per l’ Amministrazione».

Recanati – da sx, il vicensindaco Mirco Scorcelli, il sindaco Antonio Bravi, l’assessore Rita Soccio

Oltre 150 eventi spalmati nei mesi di giugno, luglio, agosto e le prime settimane di settembre. «Siamo la città della cultura e grazie alla vivacità delle nostre associazioni e dei volontari, che approfitto per ringraziare, siamo una comunità unita e sempre più viva dal punto di vista culturale e sociale», ha detto l’assessore alla Cultura Rita Soccio.

I direttori artistici delle realtà culturali del territorio hanno presentato in anteprima, un assaggio di alcune delle principali manifestazioni, la maggior parte gratuite, che si terranno nella città dell’Infinito nell’estate 2022.

KAMMERFESTIVAL

ll Kammerfestival apre il sipario sabato 2 luglio alle 19 presso il Cortile di Palazzo Venieri con l’ensemble Namaste, Natalia Benedetti – Guido Arbonelli ai clarinetti e Valentina Cesarini- Roberto Fuccelli alle fisarmoniche.

Domenica 17 luglio alle 5,30 Concerto all’alba al Monte di Agnano di Castelnuovo

con l’ Eklectric Duo con Alberto Casadei ( violoncello elettrico) ed Elisa Tomellini ( pianoforte).

Sabato 23 luglio alle ore 19 nel Giardino di Palazzo dalla Casapiccola si esibiranno i migliori talenti della Yehudi Menuhin School e del Royal Collage of Music di Londra.

Giovedì 28 luglio alle ore 19 all’Auditorium del centro Mondiale della Poesia e cultura”G. Leopardi” si terrà il concerto finale dei seminari internazionali del M°L. Ibragimova ( violino) M° Una Cho ( violoncello) con il Yehudi Menuhin School e il Royal Collage of Music di Londra.

ART FESTIVAL

8-9-10 luglio il centro storico leopardiano offrirà un lungo percorso di eventi tra mostre e spettacoli. Per la musica tante le proposte: Elli de Mon, Heat FandangoGianluca Lalli, Paul Giorgi, Johnny da Basso. Per il Teatro: Il teatro Rebis, porterà in scena un dialogo tra la Natura e un’attrice curiosa, di e con Meri Bracalente; la Compagnia MitiMuti proporrà una rivisitazione delle Metamorfosi di Ovidio; la Compagnia Pouët,andra in scena con burattini e marionette. Clownerie e spunti di riflessione, saranno offerti da Andrea Farnetani, Peppino Marabita e Damiano Massaccesi. Prevista la danza aerea di Silvia Valenti, l’acrobatica aerea della Compagnia Revolé, le evoluzioni alla Ruota Tedesca di Rhon e Moniciclo Giraffa a tre ruote di Circo Puntino, le verticali e il circo teatro di Gaby Corbo. Presente anche lo spettacolo di danza a cura della Compagnia Fabula Saltica.

LUNARIA

Il 16 luglio, apriranno Lunaria la celebre rassegna estiva di Musicultura, i Subsonica, in Piazza Giacomo Leopardi, “Atmosferico” è il nome del tour col quale i Subsonica hanno scelto di toccare un numero selezionato di location italiane e, tra queste, Recanati.

Seguirà il 22 luglio lo spettacolo Shadows: omaggio a Chet Baker, che vedrà insieme in scena, all’Orto sul Colle dell’Infinito, Fabrizio Bosso alla tromba, Julian Oliver Mazzariello al pianoforte e Massimo Popolizio – già nelle vesti di Monaldo nel film Il giovane favoloso di Mario Martone – come voce recitante.

Il 28 luglio si tornerà in piazza Leopardi per la data di chiusura, per godere la voce e le canzoni di Irene Grandi, accompagnata dalla sua band. Irene Grandi sarà la protagonista del concerto “IO in Blues” aperto al pubblico in Piazza Giacomo Leopardi.  Un grande live nel quale l’artista sarà accompagnata dai suoi musicisti di sempre: Saverio Lanza alla chitarra, Piero Spitilli al basso e Fabrizio Morganti alla batteria e da uno special guest, l’hammondista di fama internazionale Pippo Guarnera.

GIGLI OPERA FESTIVAL GOF

Quest’anno il filo conduttore del Gigli Opera Festival sarà “La donna e le eroine del melodramma”. Gli spettacoli previsti in piazza Giacomo Leopardi con inizio alle ore 21.15 si aprono il 4 agosto con la Tosca di Puccini, dove verrà consegnato il Premio Gigli Opera Festival e proseguono il 17 agosto con la Carmen di Bizet.

FAI

Il 27 luglio Elio Germano e Teho Teardo portano in scena sull’Orto del Colle dell’Infinito il romanzo di Louis-Ferdinand Céline “Viaggio al termine della notte”

Il FAI propone inoltre una serie di suggestivi aperitivi dalle ore 18 alle 22 e pic -nic al tramonto dalle 19 alle 22 sul magnifico scenario dell’Orto sul Colle dell’Infinito nei giorni 7 -12 – 27 luglio e 19 -26 agosto e 2 settembre.

La sera del 7 agosto dalle ore 20,30 l’appuntamento sull’Orto del Colle dell’Infinito è alle 22.30 con “Astronomi per una notte” a cura dell’Associazione Astrofili Marchigiani

CENTRO NAZIONALE STUDI LEOPARDIANI

8 luglio sull’Orto del Colle dell’Infinito presentazione del libro di Hanna Kridrikspottir “Il mio mare infinito. Dialogo della natura e di un islandese.”

10 luglio sempre nella suggestiva location dell’Orto sul Colle dell’Infinito si terrà il recital di Sergio Carlacchiani “Il mio amatissimo Giacomo”

CIVICA SCUOLA DI MUSICA “BENIAMINO GIGLI”

Dal 18 al 28 luglio la Civica scuola di musica “Beniamino Gigli” organizza i seminari estivi internazionali di violino, violoncello e pianoforte.

Dal 31 luglio al 10 agosto prende il via “Il Conero Internation Music Festival and Competition” che prevede oltre al concorso, concerti tutte le sere nelle location della città di Recanati dal 1 al 9 luglio.

DUE PASSI NEL FOLK

L’appuntamento con “Due passi nel folk” è a Castelnuovo alle ore 21,30 il 16 luglio con i “Belverde” e i “Naragonia” e il 17 luglio con “Le Ninfe della Tamorra”

FONTI SAN LORENZO

Fonti San Lorenzo propone tutti i giorni talk, mostre, mercatini, dj set, vinyl shop, laboratori, bar e cucina. Tra gli appuntamenti musicali ricordiamo:
il 22 luglio con Pierpaolo Capovilla e i Cattivi Maestri; il 23 luglio con Pop X; e il 24 luglio con Joan Thiele

PRO LOCO

La Pro Loco organizza in Piazza Giacomo Leopardi alle ore 21.15 i seguenti appuntamenti:

11 luglio “Carnevale d’ Estate”; il 18 e 25 luglio “Il Paese dei Balocchi” laboratori per bambini in collaborazione con l’azienda Clementoni; Il 18 agosto “Il Mago Silvan”; il 20 agosto “La corrida recanatese” e il 25 agosto il concerto tributo ai Queen.

CICLO CLUB

30 luglioInfinito bike” al via la gara di mountain bike in notturna per le vie del centro storico

OPERATORI TURISTICI

Oltre ai numerosi programmi in atto, prendono il via per tutto il mese di luglio, agosto, settembre e ottobre i nuovi itinerari: “Recanati insolita” e “Recanati in cammino” il ciclo di passeggiate in città, “Tre paesi, un fiume e un fiumicello” l’escursione nella campagna recanatese nel territorio compreso tra Recanati, Montefano e Osimo, lambito dal fiume Musone, il “Percorso di riconoscimento di erbe e  bacche spontanee”  l’ “E-bike night tour”  e “A piedi nudi tra gli ulivi”  trekking urbano e pic-nic.

Il Fotocineclub Recanti propone “Note di fotografia” e dal 6 luglio al 28 agosto prenderà il via il Cinema a Recanati con l’apertura dell’XIX edizione di Cinema sotto le stelle nel cortile di Palazzo Venieri.

 

redazionale

© riproduzione riservata

 


Lascia un commento

Pane Burro & Marmellata

Una striscia quotidiana di riflessione

di Paolo Fileni

Marchigiani: rabbia, orgoglio e dignità

Un onore appartenere a questo popolo un po’ dorico un po’ piceno


Camerano, 21 settembre 2022 – Non voglio star qui a commentare ciò che è successo nella notte fra giovedì 15 e venerdì 16 settembre 2022 nelle Marche. Né i morti di Ostra, i disastri a Sassoferrato, Pianello, Corinaldo, Cantiano, Senigallia, per citarne solo alcuni. O la reiterata piena del Misa, le responsabilità di chi doveva fare e non ha fatto. O i dispersi… Se ne è parlato e se ne sta parlando, forse anche troppo, su tutti i media social compresi.

No, non commento, sperando, finalmente, che le responsabilità di chi poteva arginare i danni e se n’è fregato saltino fuori e i colpevoli vengano puniti. Magra consolazione però di fronte ai morti, dispersi, feriti o ai rimasti senza un’abitazione.

Di fronte ad un’alluvione con conseguenze così drammatiche come quest’ultima, aspettando che la Magistratura e la Giustizia facciano il loro corso, vorrei sottolineare invece la reazione dei marchigiani. Rabbia sì, tanta, tantissima, perché gran parte dei disastri si sarebbero potuti evitare visti i precedenti del 2014. Ma anche tanto orgoglio e dignità.

Senza tante chiacchiere, senza aspettare inermi gli aiuti che comunque sono arrivati anche da mezza Italia, i marchigiani colpiti dal disastro si sono da subito rimboccati le maniche e, indossati gli stivali e agguantate le pale e le scope, si sono messi immediatamente all’opera per spalare via dal fango strade, garage, cantine e abitazioni allagate.

Mentre Vigili del fuoco, Protezione civile e volontari cercavano i morti e i dispersi, tanti giovani studenti, operai, commercianti, imprenditori e liberi professionisti, uniti dallo stesso intento e tutti insieme, si sono riversati per strada cercando di salvare il salvabile. Con orgoglio e dignità. L’orgoglio e la dignità di un antico popolo di mare avvezzo a fare da sé di fronte agli accidenti della vita. Perché i marchigiani sanno da sempre come si fa a rialzare la testa, con tigna e la forza delle proprie braccia.

Ma c’è anche di più, e questo solo i marchigiani lo possono capire. Vedere gruppi di tifosi dell’Ascoli e dell’Ancona – acerrimi nemici quando si tratta di calcio giocato – lavorare fianco a fianco a Senigallia e Borgo Bicchia pale in mano, sporchi di fango e stremati dalla fatica, dà la vera misura di cosa significhi la solidarietà, l’orgoglio e la dignità di questo popolo un po’ dorico e un po’ piceno (foto, Curva Nord Ancona).

Scene particolari che ad un vecchio cronista di provincia come me fanno sentire fino in fondo, e con sincero orgoglio, il senso d’appartenenza a questa gente. Se questi sono i marchigiani, è un onore per me essere nato in questa regione. Grazie a tutti quelli che in un modo o nell’altro hanno lavorato per far rialzare la testa alle mie Marche!

© riproduzione riservata


link dell'articolo