Arriva HiP NiC ad Ancona, una due giorni di musica, arte, mercatini e street food

Un progetto tutto da scoprire negli spazi dell’ex Fornace alla Palombella. Ospite d’eccezione Miss Keta, la “diva definitiva”

Ancona – Un nuovo collettivo di operatori culturali e di intrattenimento è pronto a scuotere la placida vita del capoluogo. Come? Con il progetto nomade “HiP NiC” che debutta in grande stile sabato 27 e domenica 28. Una due giorni di musica, arte, mercatini e street food ospitata negli ampi e versatili spazi dell’ex Fornace alla Palombella.

Oganizzano Porto Bello, Nerto, Arci Ancona, Tales, Loop Live Club e Bermuda Eventi, con il patrocinio del Comune e la sponsorizzazione dell’incubatore The Hive. La scena underground del capoluogo esce allo scoperto e acquista vigore portando artisti e talenti urbani di difficile etichettatura: come Myss Keta, il piatto forte di questa prima edizione.

Myss Keta

“Diva definitiva” come si legge nella sua biografia: un po’ rapper un po’ popstar, chioma bionda e tutine rosso fuoco. L’artista si esibirà sabato a partire dalle 23 suonando live brani come “Burqa di Gucci”, “Musica Elettronica” e “Le ragazze di Porta Venezia”, con il suo inconfondibile sound irriverente e provocatorio.

Si comincia sabato pomeriggio alle 16 con il super-market di HiP NiC (fino alle 22), tra abbigliamento vintage, modernariato, vinili autoproduzioni e nuovo artigianato. Un insolito grande magazzino temporaneo, un vero e proprio bazar al coperto dove lo shopping sarà accompagnato dalle proposte drink e food del birrificio Jack Rabbit, dalle delizie gastronomiche a base di carne di Rocket-Truck e da quelle vegane di Zazie, tra le good vibes sonore di Rokeya.

Alle 18 apriranno le sale dedicate al vernissage e alla mostra di arte contemporanea degli illustratori Ruggero Asnago e Diego Bonci a cura di Annaclara Di Biase, degustando i vini della cantina Strologo.

La grande partecipazione ad un precedente evento organizzato da Portobello all’ex Fornace

Alle 23 l’attesa esibizione di Myss Keta e a partire da mezzanotte in consolle ci sarà il djset del collettivo Tales con la sua variegata proposta di musica elettronica da ballo accompagnata dai live visuals di Antica Proietteria.

Si replica domenica con lo shopping al super-market, stavolta aperto dalla mattina alle 11 fino all’ora dell’aperitivo, le proposte street food, la mostra di arte contemporanea dalle 15 alle 20 e il djset a cura di Tales, Rokeya, Tropicoscuro, Jonny Rebel e Loop All Stars.

Spazio anche ai più piccoli, grazie al laboratorio creativo a cura di Teatroinscatola che insegnerà ai bimbi dai 4 ai 12 anni a comporre coloratissimi Fantamostri Mangiacolore con matite e cartoncini colorati. Il laboratorio inizia alle 11, ha una durata di 90 minuti circa, e ha un costo di 10 euro a bambino, 8 euro per fratellini o sorelline.

L’ingresso alla rassegna HiP NiC è libero sabato fino alle 22.30 e per tutta la giornata di domenica.

 

redazionale


Lascia un commento

Pane Burro & Marmellata

Una striscia quotidiana di riflessione

di Paolo Fileni

Procida Capitale Cultura 2022, Ancona non ce l’ha fatta!

Il sindaco Valeria Mancinelli: “il nostro progetto, popolare, di crescita e di sviluppo, va avanti”


Ancona, 18 gennaio 2021 – Nella mattinata odierna la commissione del MiBACT presieduta da Stefano Baia Curioni ha proclamato la città di Procida (foto) Capitale italiana della Cultura per il 2022. All’annuncio dato dal ministro Dario Franceschini, sull’isola si è scatenato un tifo da stadio.

I complimenti della commissione, al termine della cerimonia d’assegnazione, sono andati tutti al sindaco Raimondo Ambrosino e al suo staff. La motivazione ha premiato la congiunzione tra il valore del progetto, la sostenibilità economica e le sue ricadute socio culturali. «Siamo strafelici – ha esultato fra le lacrime il sindaco Ambrosino – è un’opportunità storica per noi, per tutte le isole e per l’Italia meno in luce».

Delusione per la città di Ancona, anche se mascherata da ottimismo. La città dorica non ce l’ha fatta a convincere i membri della commissione con il suo progetto incentrato tra l’altro sulla cultura dell’Altro, sull’intenzione di far diventare ordinario lo straordinario, come aveva spiegato l’assessore Paolo Marasca in sede di audizione con il MiBACT.

«È stata appena proclamata la Capitale italiana della cultura 2022. La scelta è caduta su Procida. Mi complimento con il collega sindaco e la comunità dell’isola – il commento ufficiale del sindaco Valeria MancinelliSiamo fieri delle parole del presidente della commissione che ha valutato i progetti e ne ha sottolineato il valore, non solo nazionale ma anche europeo. Siamo anche felici di come è stata motivata la scelta della capitale perché la linea su cui si è mossa Procida e il messaggio che ha voluto lanciare hanno molte affinità con il nostro. Dunque siamo sulla strada giusta. Come ho più volte ribadito il nostro progetto, popolare, di crescita e di sviluppo, va avanti. E lo realizzeremo insieme».

Dunque, nonostante i suoi 2400 anni di storia ed un progetto ampio e variegato, Ancona non ce l’ha fatta. Bocciata per il secondo anno consecutivo dopo il primo tentativo del 2020. A batterla è stata Procida, una cittadina di poco più di 10mila abitanti che si affaccia sul mare del Golfo di Napoli, resa famosa a livello internazionale da Massimo Troisi che qui ha girato molte scene del film Il Postino.

Ancona e Procida, due città bagnate dal mare. 100mila abitanti contro 10mila. Con tutta probabilità, le acque del Golfo di Ancona sono diverse da quelle del Golfo di Napoli. Nonostante la delusione per un’opportunità mancata di crescita importante sul piano socio-culturale e turistico, dal capoluogo delle Marche un in bocca al lupo sincero a Procida: sull’isoletta il 2022 sarà un anno fantastico!

© riproduzione riservata


link dell'articolo

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi